Pubblicita'
Pubblicita'

Azioni ed ETF alto dividendo: strategie investimento lungo termine

Da:
Fabio Carbone
Aggiornato: Aug 23, 2022, 13:32 GMT+00:00

Leggi la guida alle azioni ed ETF alto dividendo. Una utile strategia di investimento per l'investitore di medio e lungo termine.

Azioni ed ETF alto dividendo

In questo articolo:

Parliamo qui di strategie di investimento a lungo termine, valide anche per chi intende investire nel medio termine. Una delle strategie che un investitore può attuare quando prevede di tenere investito il proprio denaro per 10 -15 anni e più, prende in considerazione le azioni ed ETF alto dividendo.

Per capire questa strategia di investimento di medio – lungo termine, introduciamo in breve cosa si intende per dividendo e alto dividendo, e su cosa verte tale strategia. Quindi presentiamo una serie di azioni ed ETF alto dividendo sui quali l’investitore potrà rivolgere il suo interesse.

Cosa significa azioni ed ETF alto dividendo?

Il dividendo è quella porzione del guadagno maturato da una società quotata in Borsa condivisa con gli azionisti. Le società che prevedono la distribuzione del dividendo destinano una certa percentuale del guadagno (su base trimestrale, semestrale o annuale), dividendola per il numero di azioni ordinarie circolanti.

Il dividendo riconosciuto dalle società quotate raramente è fisso, il più delle volte il valore differisce anche vistosamente tra uno stacco e l’altro.

Inoltre, il dividendo viene riconosciuto per azione. Ad esempio, Intesa Sanpaolo (ISP) nel 2022 ha riconosciuto in totale 0,151 euro per azione. Un ipotetico investitore che deteneva 1.000 azioni ISP avrà ricevuto 151 euro lordi (si pagano le tasse sul dividendo).

Cosa si intende per alto dividendo?

Quanto appena letto ha descritto in sintesi cos’è il dividendo. Ma cosa si intende per alto dividendo? Come dice il termine stesso, si intende una società quotata in Borsa che riconosce ai propri azionisti un dividend yield per azione molto alto.

Il dividend yield, cioè il rendimento da dividendi, è espresso in percentuale. Questo dato ci fornisce già una prima indicazione, se il rendimento è espresso in percentuale significa che non esiste una somma al di sotto della quale non si può ritenere “alto dividendo”.

Cosa significa questo. Intesa Sanpaolo dell’esempio precedente, tra acconto e saldo ha riconosciuto un dividendo per azione pari a 0,151 euro (0,0721€ + 0,0789€). Il dividend yield è pari al 7,6% e non è per nulla basso!

Ad un azionista, tuttavia, 0,151 euro per azione potrebbero non bastargli. In questo caso dovrà condurre una accurata ricerca di titoli che sono in grado di riconoscere una somma maggiore, tenendo però conto che molto probabilmente il prezzo del titolo azionario (o dell’ETF) sarà decisamente più alto delle azioni ISP.

Un esempio al riguardo ci proviene dal titolo azionario di AGNC Investment Corp. (AGCN), un REIT quotato al Nasdaq. La società stacca un dividendo mensile che nel 2022 è stato fissato a 0,12 USD al mese, il rendimento è dell’11,78%. Un alto dividendo a tutti gli effetti, tuttavia una azione costa 12,23 USD. Non un costo proibitivo, intendiamoci, ma certamente superiore agli 1,74 euro attuali di Intesa Sanpaolo.

Per concludere questo discorso. L’investitore dovrà valutare quali azioni alto dividendo acquistare facendo i conti anche col budget finanziario a sua disposizione. Se ha 1.000 euro da investire può anche convenire comprare azioni AGCN, può acquistarle in euro sulla Borsa di Parigi (US00123Q1040), incasserà un dividendo superiore ai 110 euro annui (0,12 x 12 mesi) che sono di più dei circa 86 euro che riceverebbe comprando azioni Intesa Sanpaolo.

Discorso diverso se l’investitore volesse acquistare azioni Ferrari (RACE) per incassare l’alto dividendo del titolo RACE che, negli ultimi anni, ha anche superato l’euro per azione (1,36€ nel 2022). Il titolo Ferrari costa 202 euro per azione e con 1.000 euro non si avrebbe la possibilità di acquistare neppure 5 azioni. Il dividendo annuo in questo caso si aggirerebbe intorno ai 5 euro lordi. A chi conviene?

Azioni ed ETF alto dividendo: perché è una strategia di investimento?

Perché acquistare azioni ed ETF alto dividendo è una strategia di investimento che alcuni investitori di medio e lungo termine perseguono?

La risposta è semplice. Mentre deteniamo il titolo, qualsiasi sia il suo prezzo di mercato, riceviamo da esso un guadagno annuale che possiamo reinvestire o utilizzare per scopi personali.

Per certi versi la strategia rassomiglia all’investimento in obbligazioni che prevedono la cedola periodica. Non è la stessa cosa, ma in entrambi i casi l’investitore si è messo alla ricerca di un reddito fisso da far derivare dall’investimento effettuato, cioè mentre i fondi restano vincolati nell’attività finanziaria.

Le azioni e gli ETF ad alto dividendo, in definitiva, “garantiscono” un rendimento sul medio e lungo periodo mentre si detiene il titolo.

Come individuare azioni alto dividendo?

Detto ciò, forniamo qualche dritta su come trovare azioni alto dividendo. Dal momento che la ricerca manuale imporrebbe all’investitore di visitare l’area relazioni con gli investitori di tutte le società quotate in borsa, sarà utile di tanto in tanto fare riferimento a società come Morningstar che periodicamente rilasciano analisi sui titoli azionari a maggior dividendo.

Anche qui su FXEmpire.it pubblichiamo periodicamente articoli dedicati ad azioni ed ETF alto dividendo, ecco una lista:

Per quanti volessero cimentarsi in una ricerca più approfondita sulle azioni alto dividendo di Borsa Italiana, potranno usare questo link:

https://www.borsaitaliana.it/borsa/quotazioni/azioni/elenco-completo-dividendi.html?isin=IT0000072618&lang=it

Al link va modificata la parte evidenziata in rosso inserendo l’ISIN del titolo azionario di cui si vogliono verificare i dividendi staccati anno dopo anno.

Per conoscere lo storico del dividendo dei titoli azionari quotati al Nasdaq si può usare quest’altro link:

https://www.nasdaq.com/market-activity/stocks/twtr/dividend-history

In questo caso bisognerà sostituire il ticker con quello del titolo di cui si vuole controllare lo storico.

Passiamo agli ETF alto dividendo.

Quali sono gli ETF alto dividendo?

Gli ETF alto dividendo sono fondi passivi costruiti su indici azionari il cui paniere si compone esclusivamente di società quotate che riconoscono agli azionisti un dividendo robusto e da molti anni o decenni.

Qui una lista di ETF alto dividendo:

  • Global X Superdividend (SDIV);
  • iShares UK Dividend UCITS ETF GBP Dist (IUKD);
  • SPDR S&P US Dividend Aristocrats ETF EUR Hdg Dist (USDE);
  • SPDR S&P UK Dividend Aristocrats ETF (SPYG);
  • Vanguard FTSE All-World Dividend Yield;
  • iShares Swiss Dividend ETF (CHDVD);
  • iShares Euro Dividend UCITS ETF EUR Dist (IDVY).

I primi tre sono quotati alla Borsa di Milano, dunque sono di facile accesso. Anche gli altri sono facilmente raggiungibili attraverso le piattaforme dei migliori broker online.

Concludendo

La lista di azioni ed ETF alto dividendo qui esposta non è completa, inoltre, esistono anche ETF che riconoscono un basso dividendo, ma non trascurabile, come l’iShares Global Clean Energy UCITS ETF USD Dist (INRG) quotato anche a Piazza Affari.

Come è facile intuire, l’investitore alla ricerca di una rendita dagli investimenti in azioni ed ETF trova in quelli ad alto dividendo interessanti possibilità. I dividendi riconosciuti potranno essere utilizzati come reinvestimento o per finalità personali.

Sull'Autore

Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'