FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, Seguila Guida
Mondo
96,727,446Confermati
2,068,303morti
69,425,534Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Petrolio OPEC

Il 14 settembre del 1960 a Baghdad, Iraq, nasceva l’Organizzazione delle nazioni esportatrici di petrolio (OPEC). Sono passati 60 anni e da allora il “cartello” è cambiato per adeguarsi ai mutamenti economici, ha espanso il suo mercato per raggiungere le nazioni emergenti che oggi decisamente più di 60 anni fa consumano petrolio per far avanzare le rispettive economie. E la Cina è una di queste nazioni.

L’OPEC dal 2016 è di fatto OPEC+, una configurazione allargata ad altri paesi come la Russia che sono considerati alleati dell’Organizzazione petrolifera e con cui oggi si prendono le decisioni vincolanti per il taglio della produzione e per approntare altre strategie di mercato.

L’Organizzazione tra il primo e il secondo trimestre del 2020 ha dovuto affrontare una delle peggiori crisi della sua storia a causa del forte deprezzamento del petrolio. Riunioni d’urgenza, a distanza, su riunioni, hanno decretato tagli di emergenza della produzione per far risalire il prezzo e garantire ai membri di continuare a guadagnare da questa materia prima che per alcuni stati rappresenta quasi l’unica fonte di reddito.

I 60 anni dell’OPEC al tempo della transizione energetica

L’OPEC rappresenta il 50% del mercato mondiale del petrolio, ed ha quindi un peso consistente nel decidere le sorti dell’oro nero ma non ha la forza di decidere fino in fondo il prezzo del petrolio, deciso invece dai mercati.

Anche l’organizzazione dei paesi petroliferi si trova ora a fare i conti con la transizione energetica e non saranno certo coloro i quali la favoriranno o la cavalcheranno (o cambieranno idea?). Il loro interesse è favorire l’uso del petrolio e cercheranno magari tra nuovi paesi emergenti i destinatari del loro petrolio.

Dal punto di vista della transizione energetica l’OPEC ha fatto poco o nulla per garantirsi un futuro non più ancorato (almeno non solo) al petrolio.

C’è chi punta al gas come soluzione alternativa e il Mediterraneo sta infatti diventando una polveriera a causa di ciò.

Appare timida invece l’azione dell’OPEC nell’adozione di strategie di diversificazione.

Pubblicita'

I 60 anni dell’OPEC e i prossimi 60 anni

Il petrolio non sparirà nei prossimi 25 anni, svolgerà ancora un ruolo ma è indubbio che la sua domanda diminuirà fortemente perché la produzione di energia da fonti rinnovabili aumenta e aumenterà in modo consistente nei prossimi anni. Le auto elettriche e a idrogeno, più quelle ibride, diventeranno la maggioranza. Anche le due ruote a motore nei prossimi anni potrebbero puntare sull’elettrico. Senza dimenticare il trasporto pubblico su ruote, taxi e autobus cittadini, alimentati a metano o da motori elettrici. La diffusione della mobilità alternativa non va sottovalutata.

In un contesto del genere cosa potrà fare l’OPEC per difendere gli interessi dei suoi membri? In che modo potrà garantire una sufficiente produzione di petrolio tale per cui i singoli stati potranno ancora trarre le risorse economiche necessarie al loro funzionamento a 360 gradi?

La questione è seria perché l’Arabia Saudita, ad esempio, basa quasi tutto il suo PIL sul petrolio e senza di esso quella economia non avrebbe più mezzi di sussistenza.

Possiamo dire che la transizione energetica, se da un lato favorirà la resilienza e una migliore qualità della vita delle nazioni che la adotteranno, dall’altra sarà una sciagura per i paesi produttori di petrolio che non attueranno delle strategie di uscita.

Concludendo

L’OPEC ha quindi un futuro? Probabilmente nel nome no, sia se resterà ancorato al petrolio sia se abbraccerà la transizione energetica. Quella P nell’acronimo che sta per petroleum la condannerà nel primo caso e non avrà più senso nel secondo.

Come entità potrà sopravvivere solo abbracciando la transizione energetica, la quale è già in corso da qualche decennio.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI