Petrolio, Market Maker alla Finestra

Pochi scambi e prezzi stabili, tutti guardano al prossimo meeting dell’OPEC, pronti a reagire ad ogni indiscrezione, come la bomba detonata da Arabia Saudita e Russia di qualche giorno fa.
Armando Madeo
greggio

Continuano le indiscrezioni sul prossimo meeting dei paesi OPEC e non OPEC; dopo i democratici americani che hanno non troppo velatamente richiesto al presidente Trump di intervenire affinché i prezzi del greggio venissero ridimensionati, gli hedge fund guardano ora ad Arabia Saudita e Russia le cui intenzioni sembrerebbero quelle di aumentare la produzione interna di greggio, dopo il crollo della produzione Venezuelana e la crisi Iraniana.

Ieri il wti ha perso ulteriormente terreno, lasciando sul parterre del New York Mercantile Exchange l’1,7 % in calo per la quinta giornata di contrattazioni di fila; oggi invece il Crude Oil sembra dare lievi segnali di ripresa con volumi bassi e poca convinzione nel trend. In attesa dell’API report di questa sera e dei dati EIA di domani, gli operatori di mercato restano a guardare, pronti a riposizionarsi in caso di nuove indiscrezioni.

I ministri dell’Energia dell’Arabia Saudita, degli Emirati Arabi Uniti e del Kuwait prevedono di incontrarsi sabato per discutere le questioni dell’OPEC, secondo fonti direttamente coinvolte nel meeting. Il ministro del petrolio dell’Oman, Mohammed Al Rumhi, potrebbe inoltre unirsi a loro. “Immagino che un incontro del genere porterebbe a qualche tipo di applicazione pratica degli aumenti di produzione”, ha dichiarato a Bloomberg Thomas Finlon, direttore di Energy Analytics Group LLC a Wellington, in Florida.

L’incontro a Kuwait City avrà “l’intenzione di assicurare che questi paesi si trovino sulla stessa linea di intervento in vista della riunione dell’OPEC il mese prossimo“, ha dichiarato Ole Sloth Hansen, responsabile della ricerca sulle materie prime presso Saxo Bank a Copenaghen. “La potenziale mancanza di intesa dipenderà molto dal comportamento dei prezzi del greggio tra oggi e il 22 giugno. Avere visto un calo di cinque dollari in pochi giorni è ovviamente sconvolgente per coloro che non erano a conoscenza dell’annuncio della scorsa settimana“.

Nel mentre sempre secondo quanto riportato da Bloomberg, il ministro del Petrolio e dell’Energia Norvegese Terje Soviknes, ha dichiarato ad Oslo che “È tutt’altro che improbabile rivedere il Petrolio di nuovo attestarsi sui 100 dollari a barile.” Cambia in questo modo la view del più grande paese produttore di petrolio d’Europa che fino a poco tempo fa sosteneva che era da folli pensare ad un ritorno sui 100 dollari. “Il mercato globale deve ancora scontare a pieno l’impatto dei drastici tagli degli investimenti sui nuovi progetti petroliferi messi in essere negli ultimi tre anni” ha affermato ancora il ministro Norvegese; “È probabile che per un periodo di tempo vedremo una domanda globale superare di molto l’offerta a causa dei bassi investimenti “, ha affermato. “La questione è: quando questo accadrà?“. Il governo norvegese ha alzato le proprie ipotesi sul prezzo del petrolio nel suo bilancio 2018 rivisto all’inizio di questo mese a 519 corone ($ 62,50) / bbl da 438 corone. Questa è una stima “molto prudente” ha tenuto a precisare il ministro nella medesima conferenza stampa.

 

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI