FXEMPIRE
Tutti
Ad
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Aggiungi ai segnalibri
scostamento di bilancio

Ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante il punto stampa lo ha confermato, si va verso un terzo scostamento di bilancio dopo il primo di marzo (decreto di Marzo) da 25 miliardi di euro e il secondo (decreto Rilancio) da 55 miliardi di euro. Conte non si è sbilanciato su contenuti e cifre, ma l’ipotesi è di uno scostamento ulteriore dello 0,6% del Pil italiano pari a 10 miliardi di euro aggiuntivi per sostenere le perdite economiche che il sistema economico italiano continua a sostenere.

In poche parole i soldi stanno finendo e per accompagnare questa estate sono necessari fondi per sostenere ulteriormente la scuola, i comuni che non ricevono tributi, il turismo che non riparte appieno e le Pmi che sono in crisi di liquidità perché le lungaggini burocratiche e l’arretratezza dei sistemi di alcune banche italiane non fanno arrivare nelle loro tasche i fondi di cui hanno un impellente bisogno.

Ci sono settori che nonostante siamo in piena “Fase 3” proprio non ce la fanno a ripartire e senza aiuti economici chiuderanno, arrecando un grave danno al tessuto economico e sociale locale e nazionale.

Ed ecco allora Pd e M5s correre ai riparti con il decreto Ripartenza come è stato giornalisticamente ribattezzato e che potrebbe arrivare già agli inizi di luglio, al netto di eventuali ritardi (vedasi decreto Rilancio).

Le previsioni del ministro Gualtieri

Cosa servirà in questa “fase 3” dello sforamento di bilancio lo dice il ministro all’Economia Roberto Gualtieri.

Serve rifinanziare il Fondo di garanzia sui prestiti alle imprese piccole e medie e prevedere un meccanismo per erogare la cassa integrazione guadagni fino a che servirà farlo, perché l’obiettivo è quello di evitare il “bagno di sangue” dell’elevata disoccupazione.

Senza aiuti all’economia reale, infatti, i fondamentali prima o poi verrebbero giù.

Gualtieri però è più ottimista rispetto ai dati Ocse sulle capacità dell’Italia di riprendersi, il ministro ritiene che non si sia tenuto conto “degli indicatori reali”.

A maggio ci sono già stati segnali di ripresa secondo il ministro. Il Pil dell’Italia quest’anno cadrà del -8% ha detto ieri sera Gualtieri intervenendo a Porta a Porta su Rai 1.

Per quanto riguarda il deficit non vi è altra strada, è quella necessaria, ma ha assicurato che il debito è sostenibile e che tornerà a scendere già dal 2021. Gualtieri ritiene i numeri che circolano in questi giorni “poco credibili”.

Pubblicita'

Dove andranno i soldi dello scostamento di bilancio

Anche se questa mattina il viceministro all’Economia Castelli ha detto che non bisogna fissarsi sulle cifre, aprendo a una manovra anche più corposa, ha comunque delineato la destinazione dei fondi.

Tre miliardi andranno agli enti locali i cui bilanci sono in rosso e devono essere chiusi entro luglio.

Poi bisognerà ulteriormente sostenere il turismo e le piccole aziende di questo settore, compreso il settore dell’artigianato strettamente legato al turismo.

I fondi necessari, comunque, potrebbero anche non essere a deficit ma presi da “risorse che non riusciamo a spendere” ha detto il viceministro che parla di 127 miliardi da sbloccare in una ricognizione in corso al ministero per trovare fondi necessari anche allo scostamento di bilancio.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

DISCLAIMER IMPORTANTE
Il contenuto fornito su questo sito web include notizie generiche e pubblicazioni, le nostre analisi, opinioni personali e contenuti forniti da terze parti, che sono intesi solo per scopi di istruzione e ricerca. Non costituisce e non dovrebbe essere letto come raccomandazione o consiglio a intraprendere qualsiasi azione, inclusi investimenti o acquisti di qualsiasi prodotto. Prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria, dovresti effettuare le tue proprie valutazioni, applicare la tua discrezione e consultare solo i soggetti competenti di tua fiducia. Il contenuto del sito web non risulta diretto personalmente a te e noi non possiamo tenere in considerazione la tua situazione finanziaria e i tuoi bisogni. Le informazioni contenute in questo sito non sono necessariamente fornite in tempo reale né risultano necessariamente accurate. I prezzi qui riportati potrebbero essere forniti da market makers e non dalle borse. Qualsiasi operazione di trading o altra decisione finanziaria che farai ricadrà sotto la tua piena responsabilità e non dovresti affidarti completamente a nessuna informazione fornita in tutto il sito. FX Empire non offre nessuna garanzia riguardante le informazioni contenute nel sito e non si può assumere alcuna responsabilità per qualsiasi perdita finanziaria di trading che puoi patire per esserti affidato a qualsiasi informazione contenuta in questo sito. Il sito web può includere pubblicità e altri contenuti promozionali e FX Empire può ricevere un compenso da terze parti in relazione al contenuto. FX Empire nono appoggia le terze parti, non raccomanda l'utilizzo di alcun servizio e non si assume la responsabilità per qualsiasi utilizzo di servizi o siti web forniti da terze parti. FX Empire e i suoi dipendenti, agenti, filiali e associati non sono responsabili e non dovrebbero essere ritenuti tali per alcuna perdita o danno risultante dal tuo utilizzo del sito o dal tuo affidamento sulle informazioni fornite su questo sito.
DISCLAIMERS DI RISCHIO
Questo sito include informazioni sulle criptovalute, contratti differenziali (CFDs) e altri strumenti finanziari, e sui brokers, le borse e altre entità che effettuano trading in questi strumenti. Sia le criptovalute che i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere il proprio capitale. Dovresti considerare attentamente se comprendi il funzionamento di questi strumenti e se puoi permetterti di sostenere il rischio elevato di perdere il tuo denaro. FX Empire ti incoraggia a effettuare le tue ricerche personali prima di effettuare qualsiasi decisione d'investimento, e di evitare di investire in qualsiasi strumento finanziario di cui tu non abbia una comprensione completa sul funzionamento e sui suoi rischi.