FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, Seguila Guida
Mondo
114,352,050Confermati
2,536,371morti
89,873,366Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
banca d'italia, confindustria

Ieri è toccato a Confindustria incontrare a distanza il presidente del Consiglio che sul Recovery plan ha avviato un giro di consultazioni con le parti sociali. Così, dopo avere ascoltato le richieste e i suggerimenti dei sindacati, è toccato al presidente di Confindustria Carlo Bonomi presentare le istanze degli industriali e far notare al governo dimissionario cosa non va nel piano di Ripresa e resilienza.

Confindustria, ben prima di entrare nel merito del piano, “ha posto quattro questioni prioritarie inerenti il metodo” utilizzato per la realizzazione del piano stesso.

Le questioni che Confindustria pone sono nell’interesse esclusivo dell’Italia che ha davanti a se una “occasione storica e irripetibile”.

Perché il Recovery plan raggiunga la massima efficacia spiegano da Viale dell’Astronomia, è necessario che il piano sia conforme a quanto richiedono le “linee guida indicate dalla UE e aggiornate venerdì scorso a seguito della consultazione tra Commissione, Governi e Parlamento Europeo”.

Si fa notare che “le linee guida prescrivono infatti, in maniera puntuale, che ogni riforma strutturale e linea di intervento delle 6 missioni strutturali venga declinata secondo una stima precisa degli obiettivi quantitativi che si intende ottenere rispetto alle risorse impegnate”.

L’Europa potrebbe bocciare il Recovery plan italiano

Se l’Italia si presenta con questo piano in Commissione Europea, o rischia di non ricevere i fondi oppure di doverli restituire parzialmente o totalmente. Questo è il primo appunto.

L’Italia, sottolinea Confindustria, prima di altri progetti, deve realizzare quelli che vengono indicati “nelle raccomandazioni periodiche all’Italia”:

  • mercato del lavoro;
  • riforma radicale della Pubblica Amministrazione;
  • riforma della giustizia.

Inoltre, fa notare la squadra di Bonomi che si è presentata ieri al presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte, “la linea d’azione deve essere plausibile, alla luce dei risultati ottenuti dall’Italia negli anni precedenti con interventi nello stesso settore, e congruo rispetto ai principali effetti di sostenibilità sociale, ambientale e al quadro generale di finanza pubblica.”

Pubblicita'

Quali gli impatti sul PIL?

Confindustria al governo ha chiesto quindi un “affinamento del Piano” anche per capire quali saranno gli impatti concreti sul PIL dell’Italia: vero e unico obiettivo di tutto questo lavorio.

La risposta di Gualtieri

All’incontro era presente anche il ministro dell’economia Roberto Gualtieri, il quale ha affermato che “le note vicende politiche non hanno aiutato ma l’obiettivo del governo è quello di colmare questa lacuna rapidamente”, giustificando perché l’intero progetto è così in alto mare.

Gualtieri, riporta l’Ansa, ha anche assicurato che con la Commissione europea c’è un confronto costante e costruttivo continuo che è considerato “fondamentale per la buona riuscita del piano”.

Non possiamo esprimere un parere

Confindustria nella sua seconda osservazione prioritaria afferma che se non si fa quanto suggerito nella prima osservazione, “non è possibile esprimere un parere sull’allocazione complessiva di risorse destinate agli obiettivi di sostenibilità sociale e di crescita della produttività”.

In soldoni: Caro governo, se il piano è una lacunosa bozza dove manca l’aderenza alle linee guida dell’UE, ma che parere ci chiedete e che parere possiamo darvi come Confindustria?

Sulla riforma del lavoro non ci siamo

Per quanto riguarda poi il tema lavoro, Confindustria fa notare che nel Piano ci si appoggia ancora ai Centri pubblici per l’impiego per risolvere il problema dell’occupazione in Italia.

A luglio 2020, invece, Confindustria aveva presentato una proposta dettagliata “che coniuga, in un unico obiettivo, la riforma degli ammortizzatori sociali e quella delle politiche attive del lavoro, aprendo al coinvolgimento delle Agenzie private. L’obiettivo della proposta è la valorizzazione del capitale umano e l’aumento dell’occupabilità, attraverso il potenziamento dell’assegno di ricollocazione e il contratto di espansione”.

Ma ora, parola a Mattarella.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
DISCLAIMER IMPORTANTE
Il contenuto fornito su questo sito web include notizie generiche e pubblicazioni, le nostre analisi, opinioni personali e contenuti forniti da terze parti, che sono intesi solo per scopi di istruzione e ricerca. Non costituisce e non dovrebbe essere letto come raccomandazione o consiglio a intraprendere qualsiasi azione, inclusi investimenti o acquisti di qualsiasi prodotto. Prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria, dovresti effettuare le tue proprie valutazioni, applicare la tua discrezione e consultare solo i soggetti competenti di tua fiducia. Il contenuto del sito web non risulta diretto personalmente a te e noi non possiamo tenere in considerazione la tua situazione finanziaria e i tuoi bisogni. Le informazioni contenute in questo sito non sono necessariamente fornite in tempo reale né risultano necessariamente accurate. I prezzi qui riportati potrebbero essere forniti da market makers e non dalle borse. Qualsiasi operazione di trading o altra decisione finanziaria che farai ricadrà sotto la tua piena responsabilità e non dovresti affidarti completamente a nessuna informazione fornita in tutto il sito. FX Empire non offre nessuna garanzia riguardante le informazioni contenute nel sito e non si può assumere alcuna responsabilità per qualsiasi perdita finanziaria di trading che puoi patire per esserti affidato a qualsiasi informazione contenuta in questo sito. Il sito web può includere pubblicità e altri contenuti promozionali e FX Empire può ricevere un compenso da terze parti in relazione al contenuto. FX Empire nono appoggia le terze parti, non raccomanda l'utilizzo di alcun servizio e non si assume la responsabilità per qualsiasi utilizzo di servizi o siti web forniti da terze parti. FX Empire e i suoi dipendenti, agenti, filiali e associati non sono responsabili e non dovrebbero essere ritenuti tali per alcuna perdita o danno risultante dal tuo utilizzo del sito o dal tuo affidamento sulle informazioni fornite su questo sito.
DISCLAIMERS DI RISCHIO
Questo sito include informazioni sulle criptovalute, contratti differenziali (CFDs) e altri strumenti finanziari, e sui brokers, le borse e altre entità che effettuano trading in questi strumenti. Sia le criptovalute che i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere il proprio capitale. Dovresti considerare attentamente se comprendi il funzionamento di questi strumenti e se puoi permetterti di sostenere il rischio elevato di perdere il tuo denaro. FX Empire ti incoraggia a effettuare le tue ricerche personali prima di effettuare qualsiasi decisione d'investimento, e di evitare di investire in qualsiasi strumento finanziario di cui tu non abbia una comprensione completa sul funzionamento e sui suoi rischi.