Petrolio, l’IEA pubblica le stime della domanda globale

L’Agenzia internazionale per l’energia ha pubblicato oggi le stime della domanda globale di Petrolio; La crescita della domanda petrolifera globale per il 2019 dovrebbe essere simile ai livelli del 2018
Armando Madeo

Nel Oil Market Report di questo mese l’Agenzia ha pubblicato le prime stime per la domanda globale di petrolio e l’offerta non OPEC per il 2019. I prezzi in rapida ascesa degli ultimi mesi hanno sollevato dubbi sulla forza della crescita della domanda, e l’IEA ha modestamente ridimensionato la stima per il 2018. È improbabile che i prezzi aumentino bruscamente come a metà 2017 e quindi l’effetto frenante sulla domanda sarà ridotto.

Nel rapporto si legge che la domanda potrebbe anche ricevere misure di sostegno in alcuni paesi, ad esempio Argentina, Brasile, India, Indonesia, Russia e Turchia, per aiutare i consumatori a far fronte a prezzi più elevati. Quando si aggiunge la spinta alla domanda proveniente dal settore petrolchimico in crescita, dove alcuni progetti stanno entrando in funzione prima di quanto si pensasse in precedenza, il risultato è una crescita della domanda petrolifera globale per il 2019 di 1,4 milioni di barili al giorno, dato che è simile al livello di quest’anno. Naturalmente, si specifica, continuano a sussistere rischi al ribasso.

Per quanto riguarda l’offerta, l’IEA ha rivisto al rialzo la stima per la crescita della produzione non OPEC per il 2018 a 2 milioni di barili al giorno e nel 2019 si prospetta anche una crescita eccezionale, seppur lievemente ridotta, di 1,7 milioni di barili al giorno. Gli Stati Uniti mostrano di gran lunga il maggior guadagno (circa il 75% del totale tra il 2018 e il 2019), ma recentemente questa espansione non è stata priva di stress. Lo spread del WTI versus Brent si attesta ora a 10 $ / barile, tra i segnali che la capacità di export del prodotto è in ritardo rispetto alla crescita del prodotto.

Nel report di questo mese l’IEA ha anche aggiornato il suo rapporto sulle infrastutture. Viene stimato che in Texas entro la fine del 2019 ci sarà una capacità netta di 575 kb / g oltre il  numero precedentemente stimato, anche se la maggior parte di questi entrerà in rete nella seconda metà dell’anno. Nel frattempo, la capacità rimarrà probabilmente stretta ma la produzione sarà ancora in grado di crescere fortemente, di 1,3 milioni di barili al giorno quest’anno e 0,9 milioni di barili al giorno nel 2019. La crescita non OPEC per il 2019 include un modesto aumento dalla Russia che riflette un possibile contributo per compensare la perdita di produzione dall’Iran e dal Venezuela.

La questione delle esportazioni da Venezuela e Iran rischia di dominare l’agenda quando i principali produttori si incontreranno a Vienna alla fine di questo mese. “Da parte nostra” dichiara l’Agenzia “abbiamo esaminato uno scenario, non una previsione, che mostra che entro la fine del prossimo anno la produzione del Venezuela e dell’Iran potrebbe essere inferiore di 1,5 milioni di barili al giorno rispetto ad oggi. Nel caso dell’Iran, ipotizziamo una perdita di esportazioni prossima a quella osservata nell’ultimo round di sanzioni, riconoscendo che ciò rimane incerto e una gamma più ampia di risultati è possibile. Non è stato emesso alcun giudizio su quali paesi ridurranno gli acquisti. Per il Venezuela, non presumiamo nessuna tregua nel crollo della produzione che ha preso 1 mb / g dal mercato negli ultimi due anni.” 

Per compensare le perdite, stimiamo che i paesi OPEC del Medio Oriente potrebbero aumentare la produzione in un ordine relativamente breve di circa 1,1 milioni di barili al giorno e che ci potrebbe essere più produzione dalla Russia in aggiunta all’aumento già incorporato nei nostri numeri di fornitura non OPEC del 2019 . Tuttavia, anche se il divario di offerta tra Iran e Venezuela è bloccato, il mercato sarà finemente bilanciato per l’anno prossimo e vulnerabile a prezzi in aumento in caso di ulteriori interruzioni. È possibile che il numero molto esiguo di paesi con capacità inutilizzata oltre a quella che può essere attivata rapidamente dovrà fare il possibile.”

Dichiarazioni di diverse parti suggeriscono che potrebbe essere in atto un’azione che porti ad un aumento dell’offerta. Nel frattempo, l’IEA sta monitorando da vicino la situazione del mercato e, come sempre, è pronta a consigliare i suoi governi su ogni azione che potrebbe essere necessaria.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker