FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
60,164,498Confermati
1,416,050morti
41,617,256Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
prestiti

A dispetto della pandemia che ha generato oggettivi problemi economici nella popolazione, la domanda di credito nel primo semestre italiano del 2020 è cresciuta del +4,8% rispetto ai primi sei mesi del 2019.

Risulta, secondo uno studio di Mister Credit, che il 41,3% degli italiani maggiorenni hanno un finanziamento attivo o un mutuo da restituire: 4 italiani su 10.

Pubblicita'

Se gli italiani si rivolgono al credito per sostenere le proprie spese o per accendere un mutuo ai fini dell’acquisto della casa, è perché le condizioni dell’offerta sono favorevoli e il debito ha raggiunto una “elevata sostenibilità” si legge nel report.

“Il tasso di default, cioè la percentuale di coloro che non riescono a rimborsare il prestito contratto, è scesa dall’1,9% all’1,6% nell’ultimo anno”, si legge nello studio.

I dati pubblicati indicano che la rata media di un prestito/mutuo è di circa 333 euro e in calo del -3,2% rispetto al 2019.

Perché le rate calano?

Secondo l’analisi di Mister Credit le rate dei prestiti e dei mutui calano da un lato per la contrazione dei tassi, “ma anche dalla tendenza degli italiani alla prudenza, poiché privilegiano rimborsi più lunghi, e da una percentuale di mutui minore sul totale dei prestiti contratti (21,4%)”.

In pratica gli italiani preferiscono allungare il periodo di restituzione dei prestiti, anche se questo gli costa un esborso di interessi maggiore, garantendosi però la possibilità di restituire il prestito senza crucci finanziari.

Inoltre i mutui contratti sono una piccola porzione del totale.

Pubblicita'

Il prestito medio da rimborsare e i beni e servizi comprati

Gli italiani in media devono rimborsare 32.253 euro di prestito. Si tratta ovviamente di una media di tutti i prestiti, troveremo quindi chi chiede prestiti inferiori ai mille euro, ma anche chi chiede prestiti nettamente superiori alla media.

L’indebitamento delle italiane e degli italiani è fatto per comprare l’auto o la moto, e per acquistare elettronica ed elettrodomestici, quindi seguono l’arredamento e i viaggi di piacere.

Il 46,2% dei prestiti viene chiesto per queste tipologie di beni e servizi da comprare.

I prestiti personali sono invece il 32,8% del totale e i mutui, come già scritto, sono il 21,4% del totale.

Ad essere più esposti sono i toscani con il 46,5% dei residenti maggiorenni con un credito da restituire, mentre il Trentino Alto-Adige risulta essere la regione meno indebitata con il 21,6% dei residenti impegnati nella restituzione di un credito.

L’effetto della pandemia sul credito

Come spiega Beatrice Rubini, Direttore della linea Mister Credit di CRIF, la pandemia non ha fatto diminuire le richieste di prestito ma le ha fatte aumentare, soltanto che adesso si pone una maggiore attenzione alla sostenibilità. Si opta principalmente per rate meno pesanti rispetto al reddito disponibile.

Le moratorie

CRIF ha anche effettuato una analisi delle moratorie sui prestiti con dati aggiornati al 31 luglio 2020, da cui si evince che i crediti in moratoria sono il 4,6%.

La rata media dei crediti con moratoria è di 538 euro e chi ha chiesto la moratoria ha un indebitamento medio di circa 60.393 euro.

Ad aver chiesto principalmente la moratoria sono coloro i quali hanno attivato un mutuo (62,9%), seguiti da chi ha chiesto un prestito personale (25,4%) e da chi ha chiesto prestiti finalizzati (11,7%).

Ciò indica che chi ha rate da pagare molto alte in questo momento ha maggiori difficoltà a pagare e si è avvalso della moratoria come scialuppa di salvataggio.

 

Per conoscere tutti gli eventi economici del giorno e della settimana in Italia e all’estero, leggi il nostro Calendario Economico completo.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI