Pubblicita'
Pubblicita'

Prezzi Oro: Future Gold Sopra ai Minimi da 3 Giorni, Banche Centrali All’Acquisto

Da:
Federico Dalla Bona
Pubblicato: May 30, 2023, 19:24 GMT+00:00

Le banche centrali dei Paesi in via di sviluppo puntano a rimpiazzare con l'oro i dollari delle riserve. Quadro tecnico aggiornato.

Prezzi Oro: Future Gold Sopra ai Minimi da 3 Giorni, Banche Centrali All’Acquisto

In questo articolo:

I prezzi del future sull’oro, quotato in dollari al Comex, si trovano alla terza giornata consecutiva di recupero dopo i minimi toccati venerdì scorso, 26 maggio, a 1936.0. Tali minimi costituiscono ad oggi il punto più basso della fase correttiva innescatasi subito dopo il raggiungimento dei massimi dell’anno, a 2085.4. La perdita complessiva dell’oro, in circa tre settimane, era stata pari al -7.16%.

Il quadro tecnico pare favorevole ad una espansione del recupero fin’oltre la delicata linea dei 1990.0 dollari, sulla quale sono posizionate le principali resistenze a livello settimanale. Quando sono le 19:56 di martedì 30 maggio, il contratto future Gold con scadenza ad agosto viene passato di mano a 1977.0 dollari, in rialzo del +0.71% da ieri.

L’Oro Rimpiazza I’USD nelle Riserve

Secondo l’indagine 2023 sulle riserve auree delle banche centrali, a cura del World Gold Council (WGC), il 24% degli Istituti ha dichiarato di voler acquistare altro metallo prezioso nei prossimi 12 mesi.

“L’oro continua ad essere considerato positivamente dalle banche centrali come asset di riserva”, si legge nell’indagine, che ha interpellato banche centrali di 59 Paesi tra il 7 febbraio e il 7 aprile. Le preoccupazioni dei mercati finanziari, gli acquisti pianificati della produzione interna di oro e il riequilibrio dei portafogli sono alla base degli acquisti supplementari.

“Questi risultati si inseriscono in un contesto di tensioni geopolitiche, con il perdurare della guerra in Ucraina e le conseguenti ricadute macroeconomiche di un’inflazione prolungata e di una politica monetaria più restrittiva”, si legge nel sondaggio. “A queste preoccupazioni si aggiunge la crisi del settore bancario negli Stati Uniti e in Europa, iniziata all’inizio del 2023”.

Da notare che le banche centrali dei Paesi emergenti, i principali acquirenti di oro dopo la crisi finanziaria globale del 2008, sono anche più pessimiste sul futuro del dollaro statunitense. Il 58% degli intervistati dei Paesi emergenti ritiene che la quota del dollaro statunitense nelle riserve globali diminuirà.

Quadro Tecnico per il Future Gold

Il grafico a barre da 30 minuti evidenzia l’azione dei prezzi sviluppatasi a partire dai primi scambi settimanali, di lunedì 29. Il mercato ha assunto accelerazione al rialzo durante la mattinata odierna, toccando un picco relativo a 1981.9. Ci aspettiamo un provvisorio riavvicinamento alla zona dei supporti disposti a 1966.0/66.3 e 1957.6/58.0.

Successivamente, ci sarà spazio per la ripresa della pressione rialzista orientata ad un obiettivo situato a 1992.0. Da un punto di vista tecnico, sarebbe preferibile intervenire long solo su nuovi test almeno del primo supporto, in ogni caso da rilevazioni non superiori a 1970.9. Il segnale tecnico verrebbe rinnegato dall’eventuale cedimento di 1957.6, con una chiusura inferiore su grafico a 30 minuti.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

Sull'Autore

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'