FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
41,052,205Confermati
1,129,761morti
30,632,772Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
James Hyerczyk

Nel breve periodo, gli investitori devono aspettarsi segnali di tensione tra Stati Uniti e Giappone a causa della rinnovata preoccupazione per la manipolazione dello yen provocata dall’inatteso intervento nel mercato dei titoli di Stato nipponici attuato dalla Banca del Giappone il 3 febbraio.

Per anni, Stati Uniti e Giappone hanno disputato sul tasso di cambio tra dollaro e yen, specialmente da quando, circa due anni fa, la valuta nipponica ha avviato una lunga tendenza al rialzo. Tuttavia, gran parte del contrasto ha avuto luogo a porte chiuse, durante i vertici del G7. Ora, la situazione potrebbe cambiare alla luce delle recenti dichiarazioni di Trump, secondo cui la manipolazione delle valute è una delle principali ragioni per cui gli Stati Uniti hanno perso il loro vantaggio competitivo nel commercio internazionale.

Pubblicita'

Circa un anno fa, il ministro delle Finanze nipponico, Taro Aso, intervenne pubblicamente sul continuo dissidio tra Stati Uniti e Giappone sul rialzo sperimentato dallo yen dal giugno del 2015 e, in particolare, sul fatto che questo apprezzamento fosse tale da giustificare un intervento. Il Giappone è a favore di una valuta debole soprattutto perché sostiene le sue esportazioni.

Inoltre, Aso sottolineò che, se lo yen avesse continuato a muoversi in forte rialzo, le autorità di politica monetaria del Giappone non avrebbero esitato a intervenire nel mercato. Aso affermò poi che la decisione del dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti di inserire il Giappone in una lista di paesi sospettati di manipolazione delle valute “non avrebbe limitato” la politica monetaria di Tokyo.

Una nota agli scarsamente informati, che hanno criticato il presidente degli Stati Uniti per la sua eccessiva durezza nei confronti Cina, Germania e Giappone, accusati di manipolare le proprie valute. Tenete presente che i tre paesi sono stati inseriti nella lista dei paesi sospettati di manipolare le valute, redatta dal dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, già nel maggio del 2016.

Trump è diverso da Obama perché, per quanto concerne la manipolazione dello yen, non intende lasciar fare ai propri consiglieri durante i vertici del G7. Trump vuole intervenire direttamente nella questione, cui riserva la massima attenzione.

All’inizio della scorsa settimana, Trump ha affermato: “Guardate che sta facendo la Cina. Guardate che ha fatto il Giappone nel corso dell’anno. Giocano sul mercato valutario, giocano con la svalutazione e noi ce ne stiamo fermi qui come un mucchio di cretini.”

Il 1 febbraio, il viceministro delle Finanze giapponese, Masatsugu Asakawa, ha dichiarato: “Non capiamo di cosa stia parlano.”

Per il primo segretario di gabinetto, Yoshihide Suga, le critiche di Trump sono state “totalmente errate”. Suga ha sottolineato che la politica del tasso di cambio attuata dal Giappone è strettamente conforme agli accordi raggiunti durante i vertici del G7 e del G20.

Il primo ministro, Shinzo Abe, ha dichiarato innanzi al parlamento che l’ide secondo cui il Giappone starebbe svalutando lo yen è completamente errata.

Asakawa ha affermato che la politica monetaria del Giappone mira a portare il paese fuori dal ciclo del crollo dei prezzi, che dura ormai da decenni. Asakawa ha poi aggiunto che il governo non interviene da molto tempo nel mercato valutario.

Sia come sia, il 3 febbraio, la Banca del Giappone è intervenuta per svalutare lo yen con un’operazione speciale mirante a riportare il rendimento dei titoli di Stato giapponesi a dieci anni all’obiettivo di circa lo 0%. Essenzialmente, la mossa ha provocato un deprezzamento dello yen.

Credo nel libero mercato e negli uomini liberi: ritengo, quindi, che il tentativo di arrestare l’aumento dei redimenti dei titoli di Stato a dieci anni abbia costituito un’autentica manipolazione.

Nella giornata di lunedì scorso. la Banca del Giappone ha rivisto in positivo le sue previsioni di crescita, affermando che l’inflazione raggiungerà l’obiettivo del 2% nel 2018.

Allora perché intervenire? La mossa è stata attuata per assicurare il deprezzamento dello yen, che si sta pericolosamente avvicinando a livelli non toccati dagli inizi di novembre. Se la Banca del Giappone ha realmente pensato che l’economia avesse imboccato una svolta, allora l’unico motivo per spingere i rendimenti in ribasso è stata la svalutazione dello yen affinché gli investitori possano continuare ad acquistare beni giapponesi.

A mio parere, questa è manipolazione della valuta. Vediamo se Trump la pensa allo stesso modo. Potremmo scoprirlo presto, quindi… Attenti ai tweet!

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI