Sabotate due petroliere saudite nel Golfo Persico: danni significativi. Prezzo greggio sale

Aggressione nel Golfo Persico a due navi petrolifere dell’Arabia Saudita, danni gravi alle navi. La Lega Araba condanna e si schiera al fianco del regno saudita. Teheran chiede chiarimenti.
Fabio Carbone
Golfo Persico

Sale la tensione nel Golfo Persico, il ministero dell’Energia dell’Arabia Saudita denuncia che due sue petroliere sono state attaccate lungo la costa di Fujairah (Emirati Arabi Uniti).

Le due petroliere, stando a quanto comunicano le autorità saudite, avrebbero subito “danni significativi”. La notizia è riportata dall’agenzia di stampa Teleborsa. Ma il governo saudita, che in un primo memento aveva parlato di quattro navi attaccate, non ha identificato le navi che avrebbero subito il sabotaggio.

I fatti risalgono alle sei di domenica mattina 12 maggio e sono avvenuti nei pressi dello Stretto di Hormuz che collega il Golfo di Oman al Golfo Persico (o Arabico).

L’aggressione secondo la versione dell’Arabia Saudita

Il ministero dell’Energia saudita ha denunciato che due sue petroliere sono state aggredite allo scopo di sabotarle ed hanno subito danni significativi alle strutture delle navi, ma il personale di bordo è incolume e non sarebbe avvenuto alcun sversamento di petrolio in mare.

Una delle due petroliere stava facendo rotta verso l’Arabia Saudita per caricare greggio da destinare agli Stati Uniti d’America.

L’Iran dietro il sabotaggio?

Potrebbe esserci l’Iran dietro il sabotaggio?

Come noto Trump ha vietato l’importazione di petrolio iraniano, allo scopo di togliere al regime di Teheran la fonte economica primaria. L’embargo statunitense al petrolio iraniano, infatti, si estende anche alle nazioni partner degli USA, ora costrette per volontà di Trump a non comprare petrolio da detto paese.

Nei giorni scorsi, proprio a seguito dell’embargo, gli USA avevano diramato una allerta a tutte le navi che seguono quella rotta sui potenziali rischi di attacchi e sabotaggi da parte dell’Iran o di suoi emissari.

La versione dell’Iran

L’agenzia di stampa Ansa riporta che l’Iran avrebbe chiesto all’Arabia Saudita di precisare meglio quanto è accaduto alle sue navi.

Il ministro degli Esteri di Teheran, si dice preoccupato per quanto avvenuto, perché la sicurezza marittima nell’area geografica è cruciale per tutti.

Secondo il portavoce di Teheran si tratterebbe di una cospirazione organizzata da stranieri per destabilizzare l’area.

La Lega Araba condanna ufficialmente

Condanna ufficiale da parte della Lega Araba che, per voce del segretario generale Ahmed Aboul Gheit, ha affermato nel comunicato stampa: “si tratta di gravi violazioni della libertà e dell’integrità delle rotte commerciali di trasporto marittimo”.

La Lega Araba si schiera al fianco dell’Arabia Saudita a difesa dei suoi interessi e della sua sicurezza.

Sale il prezzo del petrolio

Quanto accaduto non è passato inosservato nei mercati dove si decide il prezzo del petrolio.

Il Brent Crude sale a 70,53 USD, mentre il petrolio greggio è a 60,7 USD.

Già nelle settimane scorse il prezzo dei carburanti aveva subito rincari a causa dell’embargo al petrolio iraniano, questo nuovo fatto rischia di far toccare al prezzo della benzina nuovi record.

L’OPEC non si pronuncia

Nessun comunicato da parte dell’OPEC, di cui l’Arabia Saudita è uno dei membri fondatori sin dalla costituzione avvenuta nel settembre 1960.

L’ultimo comunicato dell’OPEC emesso ieri lunedì 13 maggio da Vienna, comunica soltanto l’apprezzamento del paniere OPEC salito a 71,21 USD al barile rispetto ai 70,66 USD al barile di venerdì scorso 10 maggio.

Il prezzo dell’OPEC Reference Basket of Crudes (ORB) si calcola tenendo in considerazione i prezzi dei seguenti paesi:

Algeria (Saharan Blend), Angola (Girassol), Congo (Djeno), Ecuador (Oriente), Guinea Equatoriale (Zafiro), Iran (Iran Heavy), Arabia Saudita (Arab Light) ed altri ancora.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI