News
pumpjack silhouettes

I Prezzi del Petrolio Crollano al Manifestarsi delle Incertezze

4 mesi faByColin First

I prezzi del metallo aurifero hanno cominciato a muoversi di nuovo in rialzo dopo la temporanea correzione di un paio di giorni fa. Ciò accade in sincronia con l’andamento del dollaro statunitense che ieri si era indebolito su tutta la linea, dopo un breve periodo di rafforzamento in seguito ai forti dati economici resi noti venerdì negli Stati Uniti. Per questo motivo, sebbene i prezzi dell’oro avessero subìto un ribasso verso i 1170$ nella fase iniziale delle negoziazioni, hanno recuperato rapidamente, con il decremento del dollaro statunitense, superando i 1180$ per arrivare fino ai 1187$, dove il prezzo si è assestato mentre scriviamo. Ciò appare in linea con la domanda di metallo aurifero di inizio anno ed è possibile che i prezzi possano avviarsi verso il livello dei 1200$. Crediamo che ci saranno parecchi venditori in agguato nella regione compresa tra i 1200$ e i 1210$; il crollo dei prezzi auriferi a causa dei dati fondamentali è stato così grande che non ci aspettiamo che il metallo possa attraversare quest’ultima regione. Nel caso che si dovesse verificare una mossa verso i 1200$-1210$, che dipenderebbe dall’andamento dell’indice del dollaro statunitense, potremmo assistere a una notevole correzione dei prezzi dell’oro nella seconda metà dell’anno. Per il momento il metallo aurifero continua a essere trattato a livelli sostenuti, con la previsione che possa proseguire il proprio andamento lento e stabile verso il livello dei 1200$.

Ieri i prezzi del petrolio hanno preso una batosta non appena i dati hanno cominciato a circolare sui mercati, per la prima volta dopo l’attuazione dei tagli alla produzione stabiliti dai produttori petroliferi. Sebbene tali dati non avessero riguardato l’OPEC, ci si è resi conto che la produzione di combustibile da parte del Nord America è stata maggiore rispetto alle attese e anche l’Iran, che è stato esentato dagli accordi dell’OPEC, ha utilizzato questa opportunità per produrre una maggiore quantità di petrolio, rispetto al proprio standard; entrambi i fattori hanno determinato un aumento delle scorte superiore alle attese. In questo scenario, non appare molto rilevante che gli altri produttori riducano le loro estrazioni, quindi ieri i prezzi del combustibile sono crollati contribuendo così a una minore propensione al rischio su tutti i mercati. Prevediamo che il petrolio mostri un solido supporto nella regione dei 52$ e, a quel punto, l’azione del prezzo sarà cruciale per determinare la tendenza nel breve periodo.

I prezzi dell’argento sono rimasti sostenuti a seguito dell’indebolimento del dollaro statunitense su tutta la linea, continuando a seguire la tendenza dell’oro, con gli investitori incerti se far confluire maggiori fondi nel mercato dell’argento. Tali timori, determinati dai futuri rialzi dei tassi d’interesse da parte della Fed, continuano a generare pressione sui prezzi dell’argento.

 

More News

Le elezioni presidenziali in Francia: il primo turno

Le tanto attese elezioni presidenziali in Francia stanno finalmente per avere luogo. Dopo tutto il dibattito sulle conseguenze per l’euro, si pensava che il confronto sarebbe stato tra Fillon e Macron. A oggi, tutti i quattro candidati potrebbero vincere e gli scenari possibili sono diversi. Tuttavia, i mercati paiono preferire una sfida al secondo turno … Continue reading Le elezioni presidenziali in Francia: il primo turno

Con l’ansia che sale in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, i mercati vanno a consolidare

Ponendo fine a sei giorni di rialzo, con gli investitori che attendono la riunione della Bce e osservano i dati sull’inflazione e sulla crescita, le borse europee si muovono in generale ribasso. La vittoria di Macron al primo turno delle elezioni presidenziali francesi ha visto il Dax avvicinarsi ai massimo storici e ha aiutato il … Continue reading Con l’ansia che sale in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, i mercati vanno a consolidare

Draghi, l’euro e il dollaro al centro dell’attenzione

Nel pomeriggio di oggi, l’attenzione dei mercati virerà temporaneamente sull’Europa. La Bce annuncerà, infatti, la sua decisione sui tassi di interesse, che verrà seguita dalla conferenza stampa di Draghi. L’effetto positivo della vittoria di Macron al primo turno delle elezioni presidenziali in Francia pare essersi esaurito . Le borse europee hanno aperto sotto pressione, con … Continue reading Draghi, l’euro e il dollaro al centro dell’attenzione

Le Materie Prime Mostrano un Consolidamento con Negoziazioni Volatili

I prezzi dell’oro hanno continuato a consolidare e oscillare nel corso delle ultime 24 ore in attesa che qualche fondamentale potesse spingere i prezzi in una specifica direzione. La scorsa settimana avevamo previsto che se i prezzi del metallo aurifero non fossero stati in grado di superare i 1300$, avremmo assistito a una correzione verso … Continue reading Le Materie Prime Mostrano un Consolidamento con Negoziazioni Volatili

In attesa della riunione della BCE, le borse europee vanno a consolidare

La gran parte delle borse europee si muove in lieve ribasso. Il Cac 40 rappresenta un’eccezione degna di nota, riuscendo a mantenere un guadagno dello 0,10%. Al contrario, il Dax ha perduto lo 0,05% e il Ftse 100 ha ceduto lo 0,10%. Tuttavia, il Dax rimane a livelli decisamente elevati. In attesa della riunione della … Continue reading In attesa della riunione della BCE, le borse europee vanno a consolidare

La riforma del sistema tributario e l’approvazione delle misure di spesa pubblica potrebbero spingere il dollaro in rialzo

La bocciatura della riforma del sistema sanitario è stata considerata il primo test per l’amministrazione Trump. Tuttavia, i mercati sono notevolmente più interessati alla riforma del sistema tributario e alle misure di stimolo, che dovrebbero dare all’economia degli Stati Uniti quello slancio che potrebbe modificare le prospettive piuttosto conservatrici della Fed circa la normalizzazione della … Continue reading La riforma del sistema tributario e l’approvazione delle misure di spesa pubblica potrebbero spingere il dollaro in rialzo

Expand Your Knowledge

See All

FX Empire - the company, employees, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable jointly or severally for any loss or damage as link result of reliance on the information provided on this website. The data contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate.
FX Empire may receive compensation from the companies featured on the network.

All prices herein are provided by market makers and not by exchanges. As such prices may not be accurate and they may differ from the actual market price. FX Empire bears no responsibility for any trading losses you might incur as link result of using any data within the FX Empire.