FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
19,197,234Confermati
715,679morti
12,301,230Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Petrolio

Il prezzo del Wti del Texas è sceso a 20,7 USD al barile in calo del -3,63% ieri lunedì 30 marzo, mentre il prezzo del petrolio greggio ieri sera è andato sotto i 20 USD per alcuni minuti, riportando indietro le lancette della storia di ben 17 anni.

Nonostante ciò i prezzi di benzina e gasolio alla pompa, almeno in Italia, non sono diminuiti affatto se non di pochi centesimi. Una situazione che le associazioni dei consumatori hanno notato e che ha fatto scattare qualche allarme sulla presunzione di un atteggiamento speculativo da parte delle compagnie o dei gestori.

Le qualità di greggio migliore perdono valore, alla pompa no

Come fa notare Teleborsa, il greggio nordamericano, che è di qualità migliore rispetto al greggio mediorientale, ha un prezzo intorno ai 20,5 USD al barile. Anche il prezzo del Brent del Mare del Nord, sempre di ottima qualità, vale 23 dollari al barile.

Da inizio 2020 le due qualità di greggio hanno perduto circa il 66% del loro valore, portando il valore del petrolio a un più che dimezzamento.

Ma i prezzi alla pompa, un po’ in tutta Italia, restano alti anche presso le pompe bianche.

Pubblicita'

I prezzi alla pompa in questo momento

Secondo il portale prezzibenzina.it, il prezzo della benzina oscilla tra gli 1,368 euro al litro e gli 1,859 euro al litro.

Ci sono poi delle eccezioni come a Livigno, dove il prezzo è sotto l’euro a 0,972 al litro.

Questa disparità di prezzi indica appunto che c’è qualcosa che non va e che con molta probabilità chi si sta rifornendo nelle pompe dove i prezzi non sono calati, paga qualcosa che non dovrebbe pagare.

Anche per il gasolio il discorso è lo stesso. I prezzi oscillano tra gli 1,238 euro al litro e i 1,759 euro al litro.

Sempre a Livigno, il prezzo è invece intorno ai 0,853 euro al litro.

Le compagnie chiedono la compartecipazione alle perdite al consumatore

In buona sostanza le compagnie petrolifere, vista la situazione del prezzo del petrolio ai minimi storici e data la condizione di fermo di gran parte delle industrie e attività che comporta una drastica riduzione nella vendita dei derivati, sta chiedendo ai consumatori finali di partecipare alle sue perdite.

In pratica ha riversato sul consumatore le perdite subite in questo periodo.

Seppure è vero che le politiche d’investimento sono di lungo periodo e quindi una eccessiva riduzione del prezzo comporterebbe perdite elevate alle compagnie, c’è da domandarsi cosa accadrà quando tutto tornerà alla normalità.

Cosa dovrà aspettarsi il consumatore finale nel momento in cui si tornerà a consumare petrolio e derivati come prima? Il prezzo del petrolio tornerà su per effetto della domanda e dell’offerta, i prezzi alla pompa saranno rimasti pressoché invariati e il rischio sarà quello di trovarsi benzina e gasolio prossimo o pari ai 2 euro.

A quel punto sarà corsa all’ibrido e al puramente elettrico. In pochi anni queste auto abbatteranno il costo per effetto della domanda aumentata e useremo sempre meno i derivati del petrolio.

Codacons, aggiotaggio e manovre specualtive

Codacons ha allertato ben 104 Procure della Repubblica segnalando quanto sta avvenendo in Italia. La richiesta dell’associazione dei consumatori è che partano indagini per aggiotaggio e manovre speculative sui derivati pretroliferi.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio