L’Italia Provocherà un’Altra Crisi dell’Eurozona?

Non penso che abbiamo raggiunto il momento in cui l’Italia lascerà l’Eurozona, ma stiamo iniziando a vedere molti timori dettati dal contagio legato ai mercati azionari che si gettano sulle notizie di oggi. Gli investitori dicono che dove c’è fumo, c’è il fuoco. Preferirebbero vendere prima e fare domande più tardi. Ecco dove siamo adesso, ma non ci vorrà molto di più far sì che aumentino le preoccupazioni.
James Hyerczyk

Per la maggior parte della sessione di trading, la coppia EUR/USD è stata sostenuta da acquirenti che hanno difeso il minimo del 9 ottobre a 1,1432. Sono persino arrivati ​​ieri a 1,1433 per fermare il ribasso dei prezzi. Tuttavia, a causa degli eventi di martedì, sembra che questi livelli siano pronti ad essere rotti, con il grafico giornaliero che mostra ampio spazio di manovra in ribasso con il minimo principale del 15 agosto a 1,1301 come prossimo obiettivo. Come e quando arriverà saranno le prossime due domande.

Poco tempo fa, l’Unione europea ha respinto il piano riguardante il budget italiano per il 2019, sottolineando che il governo italiano deve rivedere la sua attuale proposta.

La disputa persistente sul bilancio italiano ha portato alla ribalta la probabilità di ulteriori turbolenze politiche in Europa in un momento in cui sembrava che l’intera comunità di investitori si stesse concentrando sulla Fed, i rendimenti del Tesoro in rapido aumento, il Medio Oriente e la disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Lo stallo tra UE e Italia arriva in un momento in cui gli investitori sono nervosi e quando la paura prende il sopravvento, gli investitori bloccano profitti e vendono, aspettando che passi il peggio e a che le situazioni si stabilizzino.

È in momenti come questi che una voce della ragione tende a parlare per calmare gli investitori, ma dal momento che questi eventi sono diffusi in tutto il mondo, non c’è una sola voce della ragione. L’UE sta in lotta con il governo italiano. Gli Stati Uniti stanno combattendo la Cina. L’Arabia Saudita è in conflitto con la leadership occidentale e il presidente Trump è in disaccordo con la Fed. C’è un’enorme mancanza di fiducia nell’economia globale e le condizioni potrebbero peggiorare.

I trader stanno dicendo che la situazione in Italia ha raggiunto un punto in cui sta minacciando il piano della Banca Centrale Europea di innalzare i tassi di interesse la prossima estate come precedentemente programmato. L’incapacità di innalzare i tassi in un momento in cui la Fed falco parla di un ulteriore incremento dei tassi a dicembre e probabilmente di altri tre l’anno prossimo potrebbe esercitare un’enorme pressione di vendita sull’euro.

Abbiamo visto il grafico che punta in modo inquietante verso quota 1.1301, ora ne conosciamo la ragione. Tutto sembra sempre tornare indietro verso i tassi di interesse.

Da mesi, ci sono state delle voci riguardanti sulla possibilità che l’Italia lasci l’Eurozona, quindi non sto partecipando a pettegolezzi o chiacchere. Gli investitori hanno detto tranquillamente per mesi che la crisi del bilancio in Italia ha il potenziale di essere più grande della Brexit.

Chiedi ad un inglese e ti dirà che l’Europa ruota intorno al Regno Unito, ma i negoziati in corso sulla Brexit sembrano dissipare questo mito. Tuttavia, un’Italia che lascia l’eurozona potrebbe effettivamente essere il primo passo per uno smantellamento dell’euro.

Il governo italiano vuole prendere in prestito più di quanto consentito dalle linee guida dell’Unione Europea e questo è il problema. L’Italia vuole che l’UE rimanga fuori dai propri affari. Se la situazione di stallo continuasse, la Banca Centrale Europea potrebbe dover intervenire e iniziare a comprare il debito italiano. Ciò aiuterebbe il governo e le banche, ma non è ciò che la BCE vuole fare perché sta uscendo dall’attività di acquisto del debito. Ritornando a quanto detto ridurre gli acquisti di debito e procedere verso l’innalzamento dei tassi comporterebbe gravi conseguenze per l’economia dell’eurozona.

La linea di fondo è che l’Italia è troppo grande per fallire, ma quasi impossibile da salvare in questo momento se continua con le sue strade. È la terza più grande economia dell’eurozona ed il suo debito raggiunge un vasto numero di paesi dell’eurozona e di banche internazionali.

Non penso che abbiamo raggiunto il momento in cui l’Italia lascerà l’Eurozona, ma stiamo iniziando a vedere molti timori dettati dal contagio legato ai mercati azionari che si gettano sulle notizie di oggi. Gli investitori dicono che dove c’è fumo, c’è il fuoco. Preferirebbero vendere prima e fare domande più tardi. Ecco dove siamo adesso, ma non ci vorrà molto di più far sì che aumentino le preoccupazioni.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker