Pubblicita'
Pubblicita'

Le azioni asiatiche si spostano in avanti, con la Yellen che fornisce supporto al dollaro

Da:
Bob Mason

Oggi, in precedenza: I mercati hanno risposto ai dati sull’inflazione più deboli del previsto e alle vendite al dettaglio statunitensi, con le azioni

Le azioni asiatiche si spostano in avanti, con la Yellen che fornisce supporto al dollaro

Oggi, in precedenza:

I mercati hanno risposto ai dati sull’inflazione più deboli del previsto e alle vendite al dettaglio statunitensi, con le azioni asiatiche in movimento durante la sessione di questa mattina, dal momento che il sentimento verso le prospettive di una crescita del tasso di dicembre da parte della FED si è ulteriormente indebolito, a seguito dei verbali della riunione di politica monetaria più accomodanti che erano stati rilasciati mercoledì scorso, mentre la prospettiva generale verso l’economia globale continua ad essere ottimista.

Al momento della scrittura il Nikkei era in rialzo dello 0,64%, con l’ASX200 che ha chiuso con un guadagno del 0,56%, mentre Hang Seng e CSI300 continuavano ad avanzare, in rialzo rispettivamente del 0,93% e 0,04% prima del 19 ° Congresso del Partito Comunista , che inizia mercoledì.

Le preoccupazioni su un possibile lancio di missili da parte dei coreani del nord sembrano avere poco impatto sull’appetito di rischio durante la sessione asiatica, in quanto gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno avviato un’esercitazione congiunta che ha provocato critiche da parte dei nord coreani.

Le statistiche chiave rilasciate durante la sessione asiatica di questa mattina erano i dati sull’inflazione cinese per il mese di settembre, prezzi di produzione e i dati sulla produzione industriale del Giappone. L’indice dei prezzi di produzione cinese è aumentato del 6,9% anno su anno, con un aumento dei prezzi al consumo dello 0,5%.

Dal Giappone, la produzione industriale è cresciuta del 2% nel mese di agosto in base ai dati finali, leggermente in ribasso dal 2.1% delle previsioni, mentre il settore ha registrato un rimbalzo dello 0,8% dal mese di luglio, fornendo ulteriore supporto ad un aumento del sentimento di mercato, con il Nikkei che raggiunto livelli che non si vedevano dalla metà degli anni ’90.

Per il dollaro Kiwi, i mercati su alcune notizie, se il leader di NZ First Peters e il consiglio avessero intenzione di formare una coalizione con il partito nazionale o quello laburista e i verdi. Il Primo Ministro in carica inglese annunciò che una dichiarazione non potrà essere arrivare fino alla fine della settimana, con il leader di NZ First Peters che suggerisce che una decisione sarà probabilmente presa entro la fine della settimana, la precedente scadenza del 12 ottobre è già passata. Ci sono molte incertezze sul fatto che le politiche di NZ First sono più vicine a quelle dei Laboristi e i Verdi, mentre molti considerano una coalizione a due parti un percorso più semplice per un accordo. All’epoca della relazione, il dollaro Kiwi era in ribasso dello 0,08% a 0,7175 dollari.

L’AUD era in ribasso dello 0,13% a 0,7877 dollari, con lo Yen in ribasso dello 0,06% a 111,89 ¥ mentre il dollaro statunitense ha trovato supporto dai commenti di domenica, del presidente della FED, affermando che la sua migliore ipotesi sarebbe di accelerare l’inflazione a breve termine dopo un periodo di inflazione inaspettatamente debole.

For the Kiwi Dollar, the markets would have been hoping for some news on whether NZ First party leader Peters and the board will be looking to form a coalition with the National Party or the Labour and the Greens. Acting Prime Minister English announced early in the day that an announcement may not be forthcoming until the end of the week, with NZ First party leader Peters also suggesting that a decision would likely be reached by the end of the week, the previous October 12th timeline having already passed. There’s plenty of uncertainty with NZ First policies more aligned with Labour and the Greens, whilst many consider a two-party coalition a simpler route to an agreement. At the time of the report, the Kiwi Dollar was down 0.08% at $0.7175, with any upside continuing to be dependent upon who takes office and the RBNZ’s monetary policy outlook.

Per il resto della giornata:

I dati macroeconomici di oggi sono poco rilevanti, con dati dalla zona euro di questa mattina limitati alle vendite di agosto in vista dell’indice manifatturiero Empire State New York di questo pomeriggio.

A seguito dei dati commerciali tedeschi del mese di agosto rilasciati la scorsa settimana, che hanno visto un notevole aumento dell’eccedenza commerciale, le aspettative riguarderanno il surplus commerciale della zona euro del mese di agosto, nonostante il rafforzamento dell’euro nel corso del mese. Mentre i numeri positivi saranno rialzisti per l’euro, le opinioni della Yellen sull’inflazione hanno fornito supporto al dollaro durante la sessione europea, con l’EUR in ribasso dello 0,13% a 1.1805$  al momento della scrittura, nonostante il presidente della BCE Draghi condivida la stessa opinione Yellen.

L’incertezza geopolitica continua ad essere un fattore chiave per i mercati, con il Partito CDU della Merkel che sta perdendo terreno rispetto ai Social Democratici durante la fine di settimana, con il supporto al SPD al 37,7% sulla base delle proiezioni, rispetto al 33,7% . Mentre le elezioni statali tendono ad avere meno influenza sui mercati e sull’euro, la sconfitta del CDU probabilmente indebolirà la forza della Merkel nei negoziati con eventuali partner per una coalizione nelle prossime settimane.

Oggi, senza statistiche rilevanti dalla Gran Bretagna che guidi la sterlina in vista di alcune statistiche chiave durante la settimana, i rumors sulla Brexit saranno un fattore da considerare in vista del Summit dell’UE sulla Brexit di questa settimana.

Oltreoceano, i dati sono stati limitati al rapporto manifatturiero, il dollaro può essere testato prima dei dati di questo pomeriggio, in quanto i mercati guardano a chi prenderà il controllo della FED e se vi saranno maggiori tensioni tra l’amministrazione statunitense e la Corea del Nord, considerato ribassista per il dollaro, anche se il sentimento sull’inflazione della Yellen probabilmente echeggerà durante la sessione europea.

Al momento della scrittura, l’indice Dollar era in rialzo dello 0.09% a 93.175, con la sterlina invariata a 1.3284$.

Sull'Autore

Bob Masonauthor

Bob Mason ha oltre 20 anni di esperienza nel settore finanziario, avendo lavorato in Europa e Asia per istituzioni finanziarie globali prima di concentrarsi sulla fornitura di capacità di ricerca per i clienti in Asia, principalmente focalizzati sui mercati finanziari inclusi, ma non limitati a valute, materie prime, criptovalute e mercati azionari globali.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'