News
metalli

Come Previsto, l’Oro Inizia una Fase di Correzione del Prezzo

4 mesi faByColin First

Venerdì, e anche oggi, i prezzi del metallo aurifero mostrano una correzione del prezzo a seguito dell’incremento del dollaro statunitense su tutta la linea. I prezzi dell’oro erano rimasti a livelli sostenuti per tutta la scorsa settimana con il dollarostatunitense che aveva mostrato segnali di debolezza per gran parte della settimana. Ciò aveva permesso agli acquirenti del metallo prezioso di spingere i prezzi oltre i 1150$ e verso i 1180$. Ma, come indicato nelle nostre previsioni degli ultimi due giorni, l’oro si trova in un punto cruciale e, probabilmente, questo è il momento di andare corti su questa materia prima; lo abbiamo visto venerdì quando il metallo prezioso è rimasto per qualche tempo intorno alla regione dei 1180$ prima di effettuare una correzione verso i 1170$, dove si è stabilito mentre scriviamo. Il motivo principale di questa correzione risiede nell’annuncio dei dati resi noti venerdì che hanno evidenziato una media delle retribuzioni superiore rispetto alle attese, contribuendo così ad aumentare le possibilità di molteplici rialzi dei tassi d’interesse visto che i maggiori guadagni della popolazione permettono di sopportare meglio tali rialzi dei tassi da parte della Fed. Tutto questo ha portato a un rafforzamento della moneta statunitense che ha esercitato una forte influenza anche sull’andamento dei prezzi dell’oro.

Sia venerdì che oggi i prezzi del petrolio hanno continuato a essere negoziati a livelli sostenuti, nonostante il rafforzamento del dollaro statunitense, visto che l’attuazione dei tagli alla produzione petrolifera finora prosegue senza significative interruzioni. I trader sono tuttora alquanto incerti sulla durata effettiva di questo accordo, non esercitando ancora la loro influenza sull’andamento dei prezzi. Anche gli acquirenti attendono i dati che possano mostrare che la riduzione delle estrazioni abbia avuto gli effetti desiderati sull’offerta. Una volta ottenuto tale risultato, vedremo i prezzi del combustibile muoversi all’interno della gamma compresa tra i 50$ e i 60$ per la maggior parte dell’anno, rendendo contenti anche i produttori.

Anche i prezzi dell’argento mostrano una correzione, in linea con i prezzi dell’oro, a seguito del rafforzamento del dollaro statunitense. Ci aspettiamo una maggiore correzione dei prezzi sia per l’argento che per l’oro, durante il corso dell’anno, con la Fed che chiama ulteriori rialzi dei tassi d’interesse, contribuendo così a spingere l’indice del dollaro verso ulteriori incrementi.

More News

Le elezioni presidenziali in Francia: il primo turno

Le tanto attese elezioni presidenziali in Francia stanno finalmente per avere luogo. Dopo tutto il dibattito sulle conseguenze per l’euro, si pensava che il confronto sarebbe stato tra Fillon e Macron. A oggi, tutti i quattro candidati potrebbero vincere e gli scenari possibili sono diversi. Tuttavia, i mercati paiono preferire una sfida al secondo turno … Continue reading Le elezioni presidenziali in Francia: il primo turno

Con l’ansia che sale in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, i mercati vanno a consolidare

Ponendo fine a sei giorni di rialzo, con gli investitori che attendono la riunione della Bce e osservano i dati sull’inflazione e sulla crescita, le borse europee si muovono in generale ribasso. La vittoria di Macron al primo turno delle elezioni presidenziali francesi ha visto il Dax avvicinarsi ai massimo storici e ha aiutato il … Continue reading Con l’ansia che sale in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, i mercati vanno a consolidare

Draghi, l’euro e il dollaro al centro dell’attenzione

Nel pomeriggio di oggi, l’attenzione dei mercati virerà temporaneamente sull’Europa. La Bce annuncerà, infatti, la sua decisione sui tassi di interesse, che verrà seguita dalla conferenza stampa di Draghi. L’effetto positivo della vittoria di Macron al primo turno delle elezioni presidenziali in Francia pare essersi esaurito . Le borse europee hanno aperto sotto pressione, con … Continue reading Draghi, l’euro e il dollaro al centro dell’attenzione

Le Materie Prime Mostrano un Consolidamento con Negoziazioni Volatili

I prezzi dell’oro hanno continuato a consolidare e oscillare nel corso delle ultime 24 ore in attesa che qualche fondamentale potesse spingere i prezzi in una specifica direzione. La scorsa settimana avevamo previsto che se i prezzi del metallo aurifero non fossero stati in grado di superare i 1300$, avremmo assistito a una correzione verso … Continue reading Le Materie Prime Mostrano un Consolidamento con Negoziazioni Volatili

In attesa della riunione della BCE, le borse europee vanno a consolidare

La gran parte delle borse europee si muove in lieve ribasso. Il Cac 40 rappresenta un’eccezione degna di nota, riuscendo a mantenere un guadagno dello 0,10%. Al contrario, il Dax ha perduto lo 0,05% e il Ftse 100 ha ceduto lo 0,10%. Tuttavia, il Dax rimane a livelli decisamente elevati. In attesa della riunione della … Continue reading In attesa della riunione della BCE, le borse europee vanno a consolidare

La riforma del sistema tributario e l’approvazione delle misure di spesa pubblica potrebbero spingere il dollaro in rialzo

La bocciatura della riforma del sistema sanitario è stata considerata il primo test per l’amministrazione Trump. Tuttavia, i mercati sono notevolmente più interessati alla riforma del sistema tributario e alle misure di stimolo, che dovrebbero dare all’economia degli Stati Uniti quello slancio che potrebbe modificare le prospettive piuttosto conservatrici della Fed circa la normalizzazione della … Continue reading La riforma del sistema tributario e l’approvazione delle misure di spesa pubblica potrebbero spingere il dollaro in rialzo

Expand Your Knowledge

See All

FX Empire - the company, employees, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable jointly or severally for any loss or damage as link result of reliance on the information provided on this website. The data contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate.
FX Empire may receive compensation from the companies featured on the network.

All prices herein are provided by market makers and not by exchanges. As such prices may not be accurate and they may differ from the actual market price. FX Empire bears no responsibility for any trading losses you might incur as link result of using any data within the FX Empire.