FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, Seguila Guida
Mondo
100,912,793Confermati
2,169,335morti
72,954,025Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Atlantia spa, Autostrade per l’Italia

Credevamo di aver visto, sentito e letto tutto su Atlantia e la vicenda che coinvolge la mala gestione di Autostrade per l’Italia (Aspi), invece si sono aggiunti nuovi aspetti interessanti, nuove forze che fanno sentire la loro presenza.

Queste forze sono gli investitori tedeschi e cinesi presenti con quote di partecipazione in Autostrade per l’Italia spa.

Secondo Il Sole 24 Ore, ieri, addirittura la Cancelliera Angela Merkel in persona avrebbe chiesto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte informazioni, e avrebbe manifestato la preoccupazione di Allianz e di altri industriali tedeschi che hanno interessi in gioco nella vicenda.

Non più solo una questione di giustizia, non più solo una questione di politica interna, ma una vicenda che si arricchisce di attori internazionali di non poco conto.

Anche la Cina avrebbe fatto pressioni convocando addirittura l’ambasciatore italiano a Pechino. Motivo? Tra gli azionisti di Aspi vi è anche il fondo cinese Silk Road Fund.

Una vicenda quindi internazionale, anche e che tuttavia sembra destinata a un malsano epilogo.

Ma Atlantia non ci sta e per oggi ha convocato una riunione del consiglio di amministrazione. Quasi in contemporanea, alle 11.00, anche il governo italiano si riunirà per discutere della “fine” di Aspi.

Atlantia, il titolo in Borsa e la nuova strategia

Il Gruppo Atlantia ieri ha vissuto la sua Caporetto o forse solo un assaggio di essa. Il titolo è crollato del -15,19% a 11,36 euro ad azione.

Il titolo Atlantia (ATL) al momento è in una brutta situazione e non appare come un buon investimento per chi cerca asset stabili o che possano crescere nel tempo, appare solo come un titolo su cui fare attività giornaliera.

La società è in bilico, il caso Aspi ha deteriorato il suo rating mettendola all’angolo. La società già lo scorso anno aveva valutato di vendere quote di Telepass e ad inizio anno Reuters dava menzione di una nuova perlustrazione del mercato alla ricerca di nuovi azionisti a cui cedere anche il 49% della società.

L’ultimo piano noto è quello prospettato a giugno da Il Sole 24 Ore che prospettava una cessione di minoranza del 30% delle azioni a più investitori, per poi quotare la società in Borsa attraverso una IPO.

Per Telepass ci sarebbe l’interesse di Kkr, di Ardian, Partners Group e General Atlantic.

Atlantia aveva già venduto quote di Aspi ad altri partner, ovvero i già citati Allianz e Silk Road Fund, ed anche ad Edf Invest e Dif Infrastructure.

Pubblicita'

Quello che il governo…

Cosa fa intanto il governo italiano? La situazione è a dir poco drammatica all’interno della maggioranza di governo. Sotto il profilo politico c’è completa divergenza di visione. I partiti che compongono la compagine del Conte bis hanno idee opposte sulla gestione del caso Aspi.

Da un lato c’è chi vuol strappare via ad Aspi la Concessione e dall’altra chi vorrebbe lasciargliela e consentire alla giustizia fare il suo lavoro.

E poi ci sono anche loro

In questa vicenda ci sono anche loro. Chi sono? I 7.000 lavoratori e lavoratrici diretti di Aspi, i 17.000 piccoli risparmiatori e poi le società fornitrici e di manutenzione che lavorano per conto di Aspi e che con essa hanno contratti strettamente legati alla Concessione.

Togliere la Concessione ad Autostrade per l’Italia, quindi, più che giustizia per le 43 vittime del Ponte Morandi, potrebbe rivelarsi come una falsa giustizia che aggiungerà ulteriori vittime.

E queste vittime non saranno solo i lavoratori diretti e quelli dell’indotto, ma anche gli italiani. Se il governo dovesse togliere la Concessione, tutto finirà in tribunale e lo Stato alla fine potrebbe ritrovarsi a dover pagare ad Aspi delle penali miliardarie.

Aspi andrà in default immediato con 19 miliardi di euro a seguito della revoca.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI