Pubblicita'
Pubblicita'

Prezzi Petrolio Greggio: Recupero in Corso per il WTI, Prime Proiezioni $76.67 e $77.35

Da:
Federico Dalla Bona
Pubblicato: Feb 8, 2024, 19:40 UTC

Petrolio in rialzo del +6.76% dai minimi di lunedì scorso. Recupero probabilmente destinato ad estendere.

Prezzi Petrolio Greggio: Recupero in Corso per il WTI, Prime Proiezioni $76.67 e $77.35

In questo articolo:

I prezzi del petrolio greggio WTI, quotato in dollari al Nymex, hanno toccato gli ultimi minimi significativi lunedì scorso 5 febbraio, a quota 71.41. A far capo da tale data è salito un recupero sfociato finora nel raggiungimento dei massimi odierni a 76.24, con un guadagno complessivo del +6.76% maturato in meno di 4 giornate.

Il grafico a candele settimanali evidenzia lo sbandamento partito dalle quotazioni durante la prima settimana di febbraio. Il mercato è finora stato respinto da una fascia relativamente stretta di resistenze, concentrate fra 79.60/79.77. Da una prospettiva tecnica sembrano tuttavia esserci le condizioni per nuovi test a breve di tale resistenza. Il requisito fondamentale è la tenuta dei supporti che si sono formati in corrispondenza dei minimi di questa settimana, poco sopra alla linea dei 71.40.

Guadagni Record per le Raffinerie nel 2023

I principali produttori di carburante statunitensi hanno superato le aspettative di guadagno di Wall Street nel quarto trimestre 2023, grazie a forti margini di raffinazione e prestazioni operative. Le previsioni per il 2024 sono di ulteriore aumento degli utili grazie alla crescita della domanda globale.

“Gli investitori si sono mostrati positivi sul comparto delle raffinerie e le aspettative, in particolare per la domanda di benzina, sembrano buone”. Lo ha detto Matthew Blair, analista di raffinazione presso Tudor, Pickering, Holt & Co, in un’intervista rilanciata da Reuters. I raffinatori hanno beneficiato di prezzi più bassi del petrolio greggio statunitense durante il quarto trimestre, dopo che gli attacchi dei ribelli Houthi nel Mar Rosso hanno fatto aumentare i costi di trasporto.

I prezzi del greggio sono il maggior costo per i raffinatori, che trasformano il greggio in carburanti per trasporti, olio da riscaldamento e altri prodotti. “Abbiamo avuto un periodo in cui si poteva esportare dalla costa del Golfo degli Stati Uniti verso il nord-ovest dell’Europa greggio nella fascia bassa di 2 dollari al barile. Questo è salito a 6 dollari al barile,” ha detto Gary Simmons, direttore operativo di Valero. “Per il nostro sistema, questo è un vantaggio perché ci dà un vantaggio sui costi del greggio rispetto ai nostri concorrenti globali,” ha aggiunto.

Quadro Tecnico per il Future Light Crude Oil

Il grafico a scansione intraday, con barre da 30 minuti, ci restituisce la disposizione dei supporti tecnici che sorreggono il segnale rialzista già in vigore. Con riferimento alle prossime 1-2 giornate, quota 75.20 e quota 74.95 costituiranno i livelli di probabile reazione in caso di arretramenti.

Le proiezioni indicano obiettivi a 76.67 e 77.35, virtualmente alla portata dei prezzi già entro venerdì 9 febbraio. Da una prospettiva di convenienza teorica tra rischio/beneficio sarebbe preferibile intervenire long solo su riavvicinamenti ai supporti, in ogni caso da rilevazioni non superiori a 75.61. Lo scenario descritto verrebbe annullato e rivisto in caso di violazione di quota 74,95, mediante una chiusura inferiore su grafico a 30 minuti.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

Sull'Autore

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'