Insieme all’Amazzonia Brucia l’Immagine di Bolsonaro: Rischio Boicottaggio per il Commercio Estero

Il Presidente del Brasile, Juan Bolsonaro, ha dovuto cedere e inviare l’esercito in Amazzonia. Il rischio delle sanzioni internazionali potrebbe infatti danneggiare la bilancia commerciale brasiliana, con un grave danno d’immagine per il sovranista di estrema destra. Tra battute infelici e frizioni con il Presidente francese Macron, il veterano dell’Exercito Brasileiro è ormai alle strette.
Alberto Ferrante

L’Amazzonia brucia, e con lei l’immagine del presidente brasiliano Joan Bolsonaro, che con un tweet ufficiale ha rifiutato un aiuto quantificato in 20 milioni di euro, da parte dei leader del G7.

Il Presidente continua a ribadire che le proporzioni dell’incendio che sta avvolgendo l’Amazzonia rientrano in una fascia di “normalità” per la quale non  necessario cedere ad allarmismi.

Di seguito, il tweet ufficiale.

“Non possiamo accettare che un presidente, Macron, scateni degli attacchi irragionevoli e gratuiti riguardo l’Amazzonia, o che nasconda le sue intenzioni dietro l’immagine di un’alleanza dei paesi del G7 per salvare l’Amazzonia, come fossimo una colonia o una terra di nessuno.”

Le frizioni tra Francia e Brasile

La mano tesa dai leader del G7 è stata dunque interpretata come una grave inferenza nella politica interna del Brasile, come ha recentemente sottolineato anche il capo di gabinetto Onyx Lorenzoni, che aveva suggerito al Presidente Macron di occuparsi di evitare incendi all’interno di chiese patrimonio mondiale dell’umanità, con esplicito riferimento alla cattedrale di Notre Dame.

Le frizioni tra l’Europa e il leader brasiliano, però, non finiscono qui. Con un commento immediatamente marchiato come sessista, Bolsonaro ha criticato sui social la moglie del Presidente Macron, che ha trovato l’uscita particolarmente infelice e irrispettosa.

Nonostante i tesi rapporti con il Governo francese (che hanno spinto il presidente brasiliano ad annullare all’ultimo istante un incontro con il Ministro degli Esteri francese) Bolsonaro sembra però temere particolarmente le sanzioni all’orizzonte.

La pressione da parte di cittadini, leader politici, superstar del cinema e dello spettacolo, esponenti della Chiesa e associazioni, ha spinto il presidente a inviare l’esercito per tentare di domare l’incendio in quella “parte essenziale della storia del Brasile”.

Il timore delle sanzioni

La scelta obbligata era giunta proprio dopo l’annuncio dell’inserimento nell’agenda del G7 del caso dell’Amazzonia, con possibili sanzioni per la condotta irresponsabile di Bolsonaro, che ha trovato come unica spalla Donald Trump, il quale ha ricordato (sempre nell’effervescente palcoscenico dei social) gli stretti rapporti commerciali con il Brasile.

Intanto, la linea politica di Bolsonaro procede nella direzione prospettata già nel corso delle elezioni presidenziali, con un’imminente privatizzazione di altre 17 aziende governative, compreso il colosso Eletrobras e il sistema postale, a cui si affianca una riforma pensionistica molto ambiziosa.

Il timore è che adesso la produzione brasiliana possa venire boicottata come rappresaglia per la cattiva gestione dell’incendio, con un ennesimo attacco alla fragile immagine del sovranista di estrema destra Juan Bolsonaro.

La crisi dell’Amazzonia potrebbe tradursi, infatti, in una grave perdita di competitività, complice l’eventualità che l’accordo commerciale EU-Mercosur del mese scorso non venga ratificato dalle potenze europee.

Come ha sottolineato Zeina Latif di XP Investments a San Paolo, dalle fiamme che avvolgono l’Amazzonia potrebbero presto partire dei proiettili per attaccare il Brasile da un punto di vista del commercio internazionale, con danni enormi per la fragile bilancia commerciale del Paese. E a pagarne le conseguenze sarebbe in primis il veterano dell’Exército Brasileiro.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI