I dati dalla Cina forniscono supporto mentre l’attenzione si sposta su EUR e GBP

I dati economici provenienti dalla Cina hanno fornito un pò di supporto tanto necessario in vista dei dati sulla produzione dall’Eurozona e dal Regno Unito più tardi oggi.
Bob Mason
NB

Questa mattina:

Questa mattina, durante la sessione asiatica, il calendario economico è stato più intenso. I dati chiave includevano i dati sulla produzione di agosto provenienti da Cina, Australia e Giappone. Anche la spesa in conto capitale del 2 ° trimestre dal Giappone e i profitti operativi lordi della società del 2 ° trimestre in Australia hanno fornito indicazioni.

I dati economici cinesi durante il fine settimana hanno pesato sulla propensione al rischio in vista del dato più influente, il PMI di Caixin.

Per lo yen giapponese

La spesa in conto capitale è in rialzo dell’1,9% nel 2 ° trimestre, a seguito di un aumento del 6,1% nel 1 ° trimestre.

Lo yen giapponese è passato da 106.114 ¥ a 106.163 ¥ dopo il rilascio dei dati, che ha preceduto il PMI manifatturiero di agosto.

Il PMI manifatturiero di agosto è arrivato a 49.3, peggiore del dato preliminare e della previsione di 49,5 e del dato di luglio a 49,4. Secondo il sondaggio PMI di Markit,

  • Il deterioramento nel settore manifatturiero è stato tra i più forti osservati negli ultimi 3 anni.
  • Le nuove attività sono diminuite al ritmo più rapido in 5 mesi, con le imprese che hanno evidenziato la Cina come una particolare fonte di debolezza.
  • L’occupazione è stato l’unico dato positivo in agosto, con le imprese che continuano a assumere nonostante nuovi ordini più deboli.

Lo yen giapponese è passato da 106.196¥ a 106.124¥ al rilascio dei dati. Al momento della redazione, lo yen giapponese era in rialzo dello 0,09% a 106,18 ¥ contro il dollaro statunitense.

Per il dollaro australiano

L’indice AIG Manufacturing è passato dal 51,3 al 53,1 ad agosto. Secondo l’ultimo sondaggio,

  • L’aumento di agosto è derivato dall’aumento dei livelli di produzione e da una ripresa delle esportazioni.
  • Osservando i sottoindici, il sottoindice delle esportazioni è aumentato di 1,1 punti a 55,7, con il sottoindice di produzione in aumento di 4,9 punti a 43,2.
  • I nuovi ordini hanno registrato un lieve aumento, salendo di 0,3 punti a 53,3.
  • Mentre i salari medi sono aumentati di 3,4 punti a 60,3, il sottoindice dell’occupazione è sceso di 1,8 punti a 51,4.
  • Per settore, macchinari e attrezzature è stato l’unico settore in cui è stato registrato un recupero dell’attività, con il PMI in aumento di 1,6 punti a 52,5. La media a 12 mesi era di 49,9.
  • I prodotti alimentari e le bevande hanno registrato il più grande calo mensile, con un ribasso di 1,7 punti a 55,8.

Il dollaro australiano è passato da 0,67262$ a 0,67287$ al momento del rilascio dei dati, che ha preceduto i dati sugli utili operativi e il PMI manifatturiero cinese.

I profitti operativi lordi della società sono aumentati del 4,5%, trimestre su trimestre, nel 2 ° trimestre, a seguito di un aumento del 2,6% rivisto in rialzo nel 1 ° trimestre. Gli economisti avevano previsto un aumento del 2,0%. Secondo l’ABS, un aumento del 10,9% dei profitti delle società del settore minerario ha supportato il rialzo.

Il dollaro australiano è passato da 0,67268$ a 0,67257$ in seguito al rilascio dei dati che hanno preceduto il PMI manifatturiero cinese.

Dalla Cina

Il PMI manifatturiero Caixin è aumentato da 49,9 a 50,4 in agosto, al di sopra di un 49,8 previsto. Secondo il sondaggio Markit PMI,

  • Le imprese hanno registrato il più rapido aumento della produzione in 5 mesi.
  • I nuovi ordini si sono mantenuti costanti, mentre i nuovi ordini di esportazione hanno registrato un rapido ribasso.
  • Il ribasso dei prezzi delle materie prime ha portato a un nuovo ribasso dei prezzi dei fattori di produzione, con il tasso di declino il più rapido dal 16 gennaio.
  • I prezzi di produzione sono scesi al ritmo più rapido dal 16 dicembre in conseguenza dei minori prezzi di input e degli sforzi per stimolare le vendite.
  • • Nonostante la ripresa della produzione, il sentimento verso i prossimi 12 mesi è sceso ai livelli più bassi della storia della serie.
  • Le preoccupazioni per la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e le prove di condizioni economiche globali più deboli hanno pesato.

Il dollaro australiano è passato da 0,67257$ a 0,67348$ al momento del rilascio del sondaggio. Al momento della redazione, il dollaro australiano era in ribasso dello 0,04% a 0,6729$.

Altrove

Al momento della redazione, il dollaro Kiwi si è mosso in ribasso dello 0,38% a 0,6304$. Il sentimento di avversione al rischio dall’inizio della sessione ha lasciato il Kiwi in rosso, ma dovrebbe trovare supporto dal PMI cinese.

Per il resto della giornata:

Per l’EUR

È una giornata impegnativa sul calendario economico. I dati chiave durante il giorno includono il PMI manifatturiere di Spagna ed Italia. Anche il PMI manifatturiero finalizzato di agosto è in uscita da Francia, Germania ed Eurozona.

Escludendo qualsiasi deviazione dal PMI tedesco, ci aspetteremmo che il PMI manifatturiero dell’Italia e dell’Eurozona abbiano la maggiore influenza sulla giornata.

Al di fuori dei dati, anche Brexit e chiacchiere sulla guerra commerciale e aggiornamenti dall’Italia forniranno indicazioni.

Al momento della stesura di questo articolo, l’EUR era in rialzo dello 0,08% a 1,0991$.

Per la sterlina

È una giornata relativamente tranquilla sul fronte ai dati. I dati economici sono limitati al PMI manifatturiero di agosto.

Mentre prevediamo che i dati influenzeranno la sterlina, l’attenzione del mercato rimarrà sulle chiacchiere Brexit per tutto il giorno.

Rimane un giorno prima che i parlamentari tornino dalla pausa estiva e il clima politico è sicuramente cambiato dall’inizio dell’estate.

Johnson ha ottenuto un accordo per sospendere il Parlamento e Pro-Remainers, non solo sta cercando di bloccarlo, ma anche di estromettere il Primo Ministro britannico. Resta da vedere se uno dei due è realizzabile …

Al momento della stesura di questo articolo, la sterlina era in rialzo dello 0,02% a 1,2158$.

Oltreoceano

È una giornata tranquilla sul calendario economico, con i mercati statunitensi chiusi per il giorno.

La mancanza di dati lascerà il dollaro nelle mani del sentimento del mercato nei confronti del commercio e della politica monetaria nel corso della giornata.

Al momento della redazione, il Dollar Spot Index era in ribasso dello 0,10% a 98,821.

Per il Loonie

È anche una giornata tranquilla sul calendario economico, con il Canada in vacanza.

Il sentimento di rischio di mercato, il PMI manifatturiero cinese di questa mattina e l’influenza sui prezzi del greggio forniranno una direzione al Loonie.

Al momento della redazione, il Loonie era in ribasso dello 0,04% a 1,3316$ C, rispetto al dollaro statunitense.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI