Economia Italia debole. Metà del Pil arriva dal Nord

L’Economia Italia è debole. La Metà del Pil del nostro paese arriva dalle imprese del Nord, dove il settore privato occupa quasi la metà dei lavoratori dipendenti.
Fabio Carbone
Economia Italia

L’economia dell’Italia permane in una condizione di debolezza e stagnazione, la Nota di agosto sull’andamento dell’economia pubblicato dall’IStat non lascia spazio a dubbi, il nostro Paese fa fatica.

Al netto delle “Turbolenze geopolitiche” dovute alla guerra commerciale USA – Cina, alla Brexit, alla frenata della locomotiva tedesca, l’Italia dal canto suo non trova strategie per migliorare la sua produttività.

L’economia italiana prosegue in “una fase di stagnazione” anche nel secondo trimestre del 2019 con un Pil a +0%. “La debolezza dei ritmi produttivi si è riflessa anche sul mercato del lavoro”, scrive l’Istat e ha comportato uno stop alle assunzioni e alla crescita del numero di ore lavorate.

Cresce lievemente l’inflazione al consumo anche se su “livelli contenuti”.

La fiducia di imprese e consumatori cala, l’indice calcolato dall’Istat indica un calo nelle prospettive future. Il calo della fiducia, in particolare nei consumatori, significa un calo negli acquisti e senza acquisti l’economia “non gira”.

Il commercio al dettaglio in flessione

I mancati consumi fanno registrare una riduzione delle vendite al dettaglio nel mese di luglio 2019 del -0,5% in termini di volume e del -0,1% in termini di valore. Non tutti i dati sono negativi, perché su base trimestrale le vendite sono aumentate grazie anche a un buon mese di giugno.

Su base annua le vendite al dettaglio sono in aumento del +2,6% in valore e del +2,8% in volume. Crescono in particolare i beni alimentari del +3,2% e i beni non alimentari del +2,1%.

A primeggiare l’informatica e le telecomunicazioni, dove le vendite quest’anno sono aumentate del +6,4% dimostrando quanto le persone considerino telefoni e apparati tecnologici veri e propri status symbol irrinunciabili. In crescita anche le calzature e gli articoli in cuoio del +6,1%.

In generale crescono tutte le attività commerciali del terziario, cresce la grande distribuzione del +3,3% e del +0,9% le imprese operanti su piccole superfici (i piccoli negozi). Ma il Re Leone del commercio al dettaglio è ormai l’e-commerce, il quale cresce del +23,2% nel solo mese di luglio, rispetto al luglio 2018.

Al Nord Italia si produce il 50% del Pil italiano

Analizzando i dati più nel profondo, e provenienti dalla Cgia di Mestre, si evince che il Nord Italia è l’area geografica del paese dove si produce quasi la metà del Pil e dove si pagano la gran parte delle tasse che sostengono il sistema. Di conseguenza è qui che si concentra il maggior numero di occupati e il grosso degli investimenti.

La Cgia di Mestre vede nella composizione del nuovo Governo uno squilibrio forte che potrebbe mettere ai margini, nonostante sia la locomotiva d’Italia. Data la composizione del Governo (tutto a sinistra), le regioni del nord (guidate dal centrodestra) rischiano di essere poco considerate nelle politiche nazionali.

Le 6 regioni del Nord Italia, da sole producono 721 miliardi di euro di valore aggiunto, pari al 46,6% del totale nazionale. Le imprese del Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Trentino e Friuli, hanno 2 milioni di imprese (il 38,1% del totale) e occupano 8 milioni di lavoratori (il 48% del totale), con un export di 336 miliardi di euro (il 58,2% del totale nazionale) e qui si concentrano investimenti fissi lordi realizzati di 142 miliardi di euro (il 49% del totale nazionale).

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI