Azioni statunitensi in ribasso data la paura che l’economia sia stata avvelenata dalla debolezza

Le preoccupazioni su un possibile rallentamento economico hanno esercitato maggiore pressione sui mercati. Lunedì, le azioni hanno iniziato ad indebolirsi dopo che il rendimento del titolo del Tesoro a tre anni ha superato la sua controparte quinquennale. Quando i rendimenti a breve termine sono negoziati al di sopra dei rendimenti a lungo termine, o viceversa, potrebbe seguire una recessione, tuttavia, avviene spesso molti anni dopo che si presenta il segnale. Inoltre, deve essere confermato da due contrazioni consecutive nel PIL. Fondamentalmente, “l’inversione” sta dicendo che l’economia è destinata a indebolirsi.
James Hyerczyk

Martedì, i principali indici azionari statunitensi si sono mossi in ribasso, registrando le loro maggiori perdite da ottobre, poiché gli investitori hanno bloccato i profitti dopo il brusco aumento di lunedì. I catalizzatori dietro la forte diminuzione di investimenti in di attività rischiose sono le preoccupazioni per un possibile rallentamento economico e le preoccupazioni nei confronti del commercio tra Stati Uniti e Cina, aggiuntosi al nervosismo di Wall Street.

Nel mercato del contante, l’indice S&P 500 benchmark si è attestato a 2.700,06, in ribasso del 3,2 percento. Il chip blue Dow Jones Industrial Average è sceso di 799,36 punti per chiudere a 25,027,07, in perdita del 3,1 percento e il NASDAQ Composito basato sulla tecnologia si è attestato a 7.158,43, in ribasso del 3,8 percento.

Il volume degli scambi negli Stati Uniti è stato più elevato del solito a Wall Street. I trader sugli algoritmi hanno intensificato la loro attività una volta che l’indice S&P 500 è sceso al di sotto della media mobile a 200 giorni.

Per quanto riguarda i settori, quello finanziario hanno subito il peso della vendita, in ribasso del 4,4%. Tuttavia, il settore azionario delle utility sensibili agli interessi è stato l’unico positivo dell’indice di riferimento, con un aumento dello 0,16%.

Le preoccupazioni su un possibile rallentamento economico hanno esercitato maggiore pressione sui mercati. Lunedì, le azioni hanno iniziato ad indebolirsi dopo che il rendimento del titolo del Tesoro a tre anni ha superato la sua controparte quinquennale. Quando i rendimenti a breve termine sono negoziati al di sopra dei rendimenti a lungo termine, o viceversa, potrebbe seguire una recessione, tuttavia, avviene spesso molti anni dopo che si presenta il segnale. Inoltre, deve essere confermato da due contrazioni consecutive nel PIL. Fondamentalmente, “l’inversione” sta dicendo che l’economia è destinata a indebolirsi.

Azioni finanziarie maggiormente colpite

L’appiattimento della curva dei rendimenti ha impaurito gli investitori di azioni bancarie perché un’inversione potrebbe danneggiare i loro margini di prestito. Martedì scorso, lo SPDR S&P Bank ETF (KBE) ha perso il 5,3%. Le azioni di J.P. Morgan Chase, Citigroup e Bank of America si sono tutte indebolite di oltre il 4%. Citigroup e Morgan Stanley hanno entrambi raggiunto i minimi di 52 settimane insieme a Regionals Financial, Citizens Financial e Capital One.

L’ETF Regional Banking di SPDR è sceso del 5,5% e ha chiuso 20% al di sotto del suo massimo di 52 settimane. Ha anche pubblicato il suo peggior giorno da marzo 2017.

Che succede con la tregua della guerra commerciale?

Inizialmente gli investitori hanno rallegrato le notizie del fine settimana che gli Stati Uniti e la Cina hanno concordato di sospendere eventuali dazi addizionali sui rispettivi beni dal 1 ° gennaio, al fine di consentire il proseguimento dei colloqui commerciali. Tuttavia, le discrepanze su quando la tregua avrebbe avuto inizio hanno portato a confusione. Mentre il consigliere economico del presidente Trump, Larry Kudlow, ha detto ai giornalisti che la tregua inizierebbe dal 1 ° gennaio, la Casa Bianca ha successivamente rilasciato una dichiarazione corretta in cui si afferma che il periodo di tregua di 90 giorni inizierà il 1 ° dicembre.

Volume di negoziazione in aumento alla chiusura del mercato azionario

Martedì, il volume degli scambi è aumentato bruscamente, in rialzo in oltre 159 milioni di azioni scambiate dello SPDR S&P 500 ETF trust (SPY). La media del volume di 30 giorni della SPY è di 110,5 milioni. L’incremento di volume arriva mentre il mercato azionario degli Stati Uniti sarà chiuso mercoledì per rispetto per l’ex presidente George H.W, dato il funerale di Bush.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker