FXEMPIRE
Tutti

Autostrade spa e Governo verso accordo: maxi multa e concessione salva

Autostrade per l’Italia spa e Governo Conte vanno verso un accordo, che prevedrebbe una maxi multa per compensazione e concessione autostradale salva.
Fabio Carbone
Autostrade

L’alternativa alla revoca delle concessioni autostradali ad Autostrade per l’Italia (Aspi), potrebbe essere una “maxi multa” miliardaria da comminare alla società per le numerose inadempienze sul controllo della rete autostradale degli ultimi anni (ponte Morandi, strage bus di Avellino, crolli nelle gallerie, ecc.).

Secondo l’agenzia Ansa il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro per i Trasporti e le Infrastrutture Paola De Micheli ne potrebbero parlare già oggi 9 gennaio a margine del consiglio dei ministri. Come Conte abbia eventualmente fatto a convincere Di Maio e il M5s a cambiare idea sulla revoca della concessione non è dato sapere, tuttavia alcune evoluzioni degli ultimi giorni potrebbero avere influito.

Le maxi multe ad Aspi

La proposta di accordo dovrebbe prevedere tra i 3,5-4 miliardi di euro di compensazione, che passerebbero attraverso una riduzione dei pedaggi del 5% sulle tratte autostradali di competenza Aspi, e un aumento non superiore al 2% negli anni successivi. Le ricadute della multa sarebbero quindi a diretto beneficio degli automobilisti che pagherebbero pedaggi più bassi.

Atlantia rischia il fallimento

Moody’s in meno di un mese ha tagliato per ben due volte il rating sul debito di Atlantia (Ba2) e delle sue controllate Aspi (Ba1) e Aeroporti di Roma spa (Baa3).

Ieri la stessa Atlantia ha reso noto che Fitch ha deciso di tagliare il rating della società a BB (Aspi a BB+ e Aeroporti di Roma a BBB-). Anche in questo caso il downgrade è arrivato a seguito dell’approvazione del decreto milleproroghe che apre alla possibilità della revoca delle concessioni autostradali.

Atlantia comunica che a seguito del downgrade,

“potrebbe determinare, come potenziale effetto, la richiesta da parte della Banca Europea per gli Investimenti e della Cassa Depositi e Prestiti del ripagamento anticipato – sulla base dei contratti di finanziamento in essere – di prestiti erogati ad Autostrade per l’Italia per un importo di circa euro 2,1 miliardi di cui circa 1,8 miliardi garantiti da Atlantia, con conseguente assorbimento di linee di credito di Atlantia e di Autostrade per l’Italia”.

Il milleproroghe riduce da 23 a 7 miliardi il maxi risarcimento che Atlantia potrebbe richiedere in caso di revoca delle concessioni, il che porrebbe il gruppo in un reale rischio fallimento completo, intaccando anche altre società che nulla hanno a che fare con la condotta delittuosa di Aspi.

La scelta avventata del M5s

Nelle ore immediatamente successive alla tragedia del ponte Morandi che uccise oltre 40 persone, tra cui anche bambini, l’allora ministro dei Trasporti Toninelli (espressione del M5s) mise subito la revoca delle concessioni autostradali sul tavolo.

Un gesto che apparve come emotivo e non dettato dalla prudenza che un ministro dovrebbe mantenere nell’alto esercizio delle sue funzioni. Da allora la revoca delle concessioni viene sostenuta come se fosse la soluzione di tutti i mali.

Come invece le scelte degli ultimi mesi ci stanno dimostrando, quella presa di posizione si sta ora riversando come una frana incontrollata sui dipendenti anche di altre società del gruppo Atlantia. Un esempio su tutti è Aeroporti di Roma spa.

Una presa di posizione affrettata, senza valutazioni oggettive e che rischia di fare ancora più male, del male che si intende vendicare.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI