FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
33,211,272Confermati
1,000,587morti
24,532,384Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Bob Mason
Global financial markets

Calendario economico:

Venerdì 6 Dicembre 2019

  • Produzione industriale tedesca (MoM) (Ott)
Pubblicita'

Titoli principali

Giovedì è stata una giornata mista per i maggiori titoli azionari europei. Il CAC40 ha invertito la tendenza del giorno, ottenendo un guadagno dello 0,03%. È stato ribassista per DAC30 ed EuroStoxx600, tuttavia, che sono diminuiti rispettivamente dello 0,65% e dello 0,13%.

Ci sono state ancora notizie contrastanti sul commercio. Mentre ci sono state notizie di Stati Uniti e Cina che si avvicinano a un accordo di fase 1, Trump ha detto che potrebbe aspettare fino alle elezioni presidenziali del prossimo anno.

L’incertezza sul fronte commerciale e i dati economici deludenti provenienti dalla Germania e dall’Eurozona hanno fatto pressioni sui titoli principali.

Le Statistiche

Giovedì è stata una giornata relativamente impegnativa nel calendario economico dell’Eurozona. Le statistiche chiave includevano i numeri del PIL finalizzati nel terzo trimestre dell’Eurozona e le cifre delle vendite al dettaglio di ottobre. Nella prima parte della giornata, anche le cifre degli ordini di fabbrica tedeschi per ottobre hanno fornito una direzione.

Mentre i numeri del PIL erano in linea con le stime del 2°, gli ordini di fabbrica e le cifre delle vendite al dettaglio hanno fatto pressioni sulle major.

Secondo Destatis, gli ordini di fabbrica tedeschi sono diminuiti dello 0,4% a ottobre, invertendo parzialmente un aumento dell’1,5% rivisto a settembre. Gli economisti avevano previsto un aumento dello 0,3%.

  • Gli ordini interni sono scesi del 3,2%, mentre gli ordini esteri sono aumentati dell’1,5%, mese su mese.
  • I nuovi ordini dall’Eurozona sono aumentati dell’11,1%, mentre i nuovi ordini da altri paesi sono scesi del 4,1%.
  • Gli ordini di beni intermedi sono aumentati dello 0,7%, con gli ordini di beni di consumo in aumento dello 0,3%.
  • I produttori hanno riferito che gli ordini di beni strumentali sono scesi dell’1,1%, tuttavia.
  • Di anno in anno, gli ordini di fabbrica sono diminuiti del 5,5%.

Dalla zona euro, le vendite al dettaglio sono diminuite dello 0,6% in ottobre, a seguito di un calo dello 0,2% a settembre. Gli economisti avevano previsto un calo dello 0,3%.

Secondo Eurostat,

  • Le vendite di prodotti non alimentari sono diminuite dell’1,1%, mentre le vendite di prodotti alimentari, bevande e tabacco sono aumentate dello 0,3%
  • Le vendite di carburanti per autotrazione sono aumentate dello 0,6%.
  • Per stato membro, Germania e Irlanda hanno registrato il più grande calo delle vendite, entrambi in calo dell’1,9%.
  • Il Portogallo ha registrato il maggiore aumento, con un balzo delle vendite del 2,1%.
  • Di anno in anno, le vendite sono aumentate dell’1,4%, con Malta che ha registrato un balzo delle vendite del 5,1%.

Dagli Stati Uniti

Dagli Stati Uniti, i dati economici non sono riusciti a fornire supporto nonostante i numeri positivi. Il deficit commerciale si è ridotto, le richieste di sussidi di disoccupazione sono scese al minimo di 7 mesi e gli ordini delle fabbriche erano in aumento.

I Market Movers

Per la DAX: è stata una giornata mista per il settore automobilistico. BMW e Volkswagen sono cresciute rispettivamente dello 0,19% e dello 0,08%. Continental e Daimler sono diminuite rispettivamente dello 0,56% e dello 0,67%.

È stata anche una giornata mista per le banche. Deutsche Bank è diminuita dello 0,42%, mentre Commerzbank è cresciuta dello 0,81%.

Dal CAC, è stata una giornata mista per le banche. Soc Gen ha aperto la strada, aumentando dello 0,83%, con Credit Agricole in rialzo dello 0,32%. BNP Paribas ha invertito la tendenza, scendendo dello 0,06%.

Il sentimento misto nei confronti del commercio pesava sul settore automobilistico francese, tuttavia. Peugeot e Renault sono diminuite rispettivamente dell’1,03% e dell’1,85%.

Sull’indice VIX

Il VIX ha visto il rosso per il 2° giorno consecutivo, in calo dell’1,89% giovedì. Dopo una diapositiva del 7,27% di mercoledì, il VIX ha chiuso la giornata a 14,5.

Il 2° giorno in rosso è arrivato quando i mercati azionari statunitensi hanno recuperato le perdite dai primi giorni.

Il commercio ha continuato a essere la principale area di interesse, con i mercati che si aspettano che gli Stati Uniti si trattengano dall’introduzione delle tariffe il 15 dicembre.

Dal punto di vista dei dati, anche i dati positivi relativi alle richieste di indennità di disoccupazione sulla scia delle variazioni del tasso di occupazione non agricola di ADP di mercoledì sono stati negativi per il VIX.

La giornata di oggi

Sarà un giorno relativamente tranquillo per il calendario economico dell’Eurozona. Le statistiche chiave in uscita dall’Eurozona sono limitate ai dati sulla produzione industriale in uscita dalla Germania.

Mentre possiamo aspettarci che i numeri forniscano la direzione, il rumore degli scambi continuerà probabilmente ad oscurare le statistiche.

Dagli Stati Uniti, possiamo sicuramente aspettarci un certo impatto, con stipendi non agricoli, cifre sulla disoccupazione e numeri di crescita salariale in uscita.

Qualcosa di simile ai numeri ADP di mercoledì e si aspetta che la propensione al rischio prenda un colpo.

Verso la fine della sessione europea, anche i dati sulle aspettative e sui consumi dei consumatori prelim Michigan. Escludendo eventuali mosse importanti, tuttavia, l’impatto sarà probabilmente limitato.

Nel mercato dei futures, al momento della stesura del presente documento, il DAX30 era aumentato di 31,5 punti, mentre il Dow era aumentato di 36 punti.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio