Pubblicita'
Pubblicita'

Criptovalute in Rialzo Diffuso: Il Sentiment Potrebbe Tornare Presto Rialzista?

Da:
Alberto Ferrante

Il mondo delle criptovalute più capitalizzate riprende a correre in questi giorni, in seguito ai crolli-record degli scorsi mesi. Ma quanto durerà?

criptovalute crypto mondo

Senza timore di smentita, possiamo affermare che in poche altre occasioni il mondo delle criptovalute ha vissuto una fase di sentiment ribassista così marcata. Dopo i rialzi del 2021, l’anno scorso si è aperto nel peggiore dei modi con Terra (LUNA) che a Maggio ha chiuso la sua storia perdendo tutto.

Il rischio di nuovi collassi di altri progetti altrettanto capitalizzati ha segnato l’inizio di una lunga fase bearish alimentata poi dal contesto macro globale.

In questo 2023 che si è aperto solo da pochi giorni, il mondo delle criptovalute dovrà mirare a cambiare nuovamente paradigma, partendo proprio dai progetti più capitalizzati.

E in questi ultimi giorni c’è del fermento proprio tra i progetti Top20 per market cap: finalmente, notiamo rialzi settimanali di discreta entità che lasciano tirare un sospiro di sollievo ai traders rialzisti, pur senza invertire definitivamente il trend di breve termine.

Bitcoin ed Ethereum in ripresa, ma la strada è lunga per la regina delle criptovalute!

Rispettivamente al primo e secondo posto per capitalizzazione di mercato, le criptovalute Bitcoin ed Ethereum presentano un rialzo settimanale del +7,37% e del +10,84% al momento della scrittura.

Precisamente, Bitcoin ha ritrovato i 18.000 dollari, mentre Ethereum viene scambiata poco sotto i 1400$.

Per il Bitcoin, la strada è ancora in salita e il raggiungimento dei massimi trimestrali (prima dell’ampio crollo di inizio Novembre 2022) richiederebbe innanzitutto il superamento di una resistenza psicologica molto delicata, posta a 20.000$.

Da qui, la criptovaluta dovrebbe poi estendere i rialzi almeno fino ai 21.300$ e poi iniziare a guardare alle resistenze successive, ma attenzione a rimbalzi di sorta verso i recenti minimi sui 16.500$.

Per Ethereum, invece, possiamo ancora attenderci almeno un altro allungo per raggiungere definitivamente la resistenza di 1400$. Se la criptovaluta riuscirà a reggere l’eventuale pressione ribassista, potrei allora convincermi dell’inizio di una ripresa più solida e sostenuta, già nel brevissimo termine.

Cardano e Solana, due altcoin in corsa dopo il crollo record

Tra le altcoin più capitalizzate, a realizzare i rialzi settimanali più ampi è in questo momento Cardano, ampiamente sopra il +20%.

Certo, la ripresa giunge dopo un crollo tra i più gravi del mercato, che ha portato fino a pochi giorni fa il prezzo sotto il livello di 0,25$: solo l’anno scorso in questo periodo, ricordiamo, il prezzo di ADA si muoveva infatti nel range 1,3$-1,5$ (e non abbiamo citato certo il periodo più florido per la criptovaluta).

Tornando però al trend odierno, Cardano ha ampiamente superato la resistenza di 0,3$ e non sembra accennar a un arresto dell’uptrend. Le previsioni sono dunque per un proseguimento dei rialzi verso il target di 0,35$, a partire dal quale occorrerà prestare più attenzione agli eventuali tentativi di rimbalzo causati dalle ondate di realizzi.

Discorso simile per Solana, che con un +20,8% settimanale si riporta sui 16 dollari, dove si sta iniziando ad affrontare una certa pressione ribassista.

Se la criptovaluta attualmente al 12° posto per market cap dovesse riuscire a resistere, allora i rialzi potrebbero proseguire (probabilmente a un ritmo più compassato) per riportare il prezzo anche fino ai 17,5 o 18 dollari.

Di contro, un allontanamento dal livello attuale con arretramento fin sotto i supporti intermedi di 15,8 e 15,5 dollari indicherebbe la possibile conclusione dell’uptrend in corso.

Bene anche Polkadot e Ripple, ma attenzione ai supporti!

Le previsioni sono più caute per le criptovalute Ripple e Polkadot, che pure hanno mostrato una certa vitalità in questi giorni, con un +8,08% e un +11,17% su base settimanale, al momento della scrittura.

In questo caso, a imporre cautela non è solo l’estensione più limitata dei rialzi, quanto la reazione mostrata, a grafico, intorno ai supporti appena conquistati.

Per Ripple, infatti, sarà fondamentale mantenersi sopra il livello di 0,35$ per evitare di annullare integralmente quanto fatto in questi giorni, mentre Polkadot ha appena conquistato i 5 dollari e pare adesso voler rallentare la sua corsa in vista dei naturali realizzi intorno al livello psicologico.

Se entrambi i supporti dovessero reggere, però, possiamo ipotizzare uno scenario rialzista con estensione fino a 0,38$ e 0,3880$ per Ripple e verso i 5,5 dollari per Polkadot, già nei prossimi giorni.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

Sull'Autore

Dopo la laurea in Economia Aziendale a Catania inizia a scrivere per diverse testate, prevalentemente di cultura, tecnologia ed economia. Con stretto riferimento alla collaborazione con FX Empire, iniziata nell’Aprile del 2018, ha curato una rubrica su analisi di premarket in Europa, prima di concentrarsi su analisi tecnica di materie prime, cambi valutari e criptovalute.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'