News

I toni da falco della Fed spingono il dollaro ai massimi degli ultimi quattordici anni

4 mesi faByJames Hyerczyk

Il dollaro è stato la star della scorsa settimana, dato il netto apprezzamento su un paniere di valute seguito alle dichiarazioni della Fed, che ha sorpreso gli investitori annunciando tre innalzamenti dei tassi di interesse nel 2017. Inoltre, il 14 dicembre, la Fed ha aumentato i tassi per la seconda volta in dieci anni di 25 punti base, portandoli dallo 0,50% allo 0,75%.

Nelle previsioni pubblicate la scorsa settimana, il Fomc ha affermato che potrebbe attuare tre manovre restrittive nel corso dell’anno, con un innalzamento dei tassi di 25 punti base, invece delle due annunciate a settembre. Altri tre aumenti dei tassi potrebbero avvenire sia nel 2018 sia nel 2019.

weekly-march-u-s-dollar-index

Il numero di innalzamenti di tassi potrebbe ulteriormente aumentare dopo l’entrata in carica di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti, il 20 gennaio. Durante la conferenza stampa seguita alla riunione della Fed, la presidente della Fed, Janet Yellen, ha affermato che alcuni membri del Fomc hanno preso in considerazione le proposte di politica economica del presidente Trump per l’elaborazione delle loro proiezioni.

L’azione della Fed ha contribuito all’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro degli Stati Uniti, che hanno reso il dollaro un investimento più attraente. L’indice del dollaro è salito ai massimi degli ultimi quattordici anni, con i future con scadenza a marzo che hanno chiuso la settimana a quota 102,924, in rialzo di 1,969 punti ossia dell’1,95%.

Per quanto riguarda i principali dati economici della scorsa settimana, secondo il dipartimento del Commercio, le vendite al dettaglio negli Stati Uniti hanno sperimentato un modesto incremento dello 0,1% dopo due mesi di notevole aumento. Le vendite al dettaglio per il mese di ottobre sono state corrette al ribasso.

Nella giornata di giovedì, il dipartimento del Lavoro ha annunciato che, nello scorso mese, il proprio indice dei prezzi al consumo ha segnato un incremento dello 0,2%, coerentemente con le aspettative. A ottobre, l’Ipc era aumentato dello 0,4%. Nei dodici mesi fino a novembre, l’Ipc ha sperimentato una crescita dell’1,7%, il maggiore incremento su base annua dal 2014.

La fine della settimana ha visto il settore immobiliare settimana registrare un risultato negativo. Le licenze edilizie sono, infatti, risultate 1,20 milioni a fronte degli 1,24 milioni stimati, mentre il dato sui nuovi cantieri segna 1,09 milioni a fronte degli 1,23 milioni previsti.

La coppia AUD/USD

weekly-audusd
Grafico settimanale della coppia AUD/USD

Nella scorsa settimana, il dollaro australiano si è mosso in ribasso contro quello statunitense, date le notevoli correzioni apportate dagli investitori alle proprie posizioni in vista dell’innalzamento dei tassi di interesse negli Stati Uniti.

Con riguardo ai dati economici, il rapporto sulla variazione dell’occupazione rileva un andamento nettamente positivo del mercato del lavoro. A novembre, i nuovi occupati sono, infatti, 39,1mila a fronte dei 17,6mila stimati  e del dato di 15,2mila di ottobre. Il tasso di disoccupazione segna un lieve aumento dal 5,6% al 5,7%.

Tuttavia, i dati sul mercato del lavoro non sono stati sufficienti a superare l’effetto dei toni da falco della Fed. La coppia AUD/USD ha concluso la settimana a quota 0,7298, in ribasso di 0,0148 punti ossia dell’1,99%.

La coppia NZD/USD

weekly-nzdusd
Grafico settimanale della coppia NZD/USD

Con il differenziale tra i tassi di interesse della Nuova Zelanda e quelli degli Stati Uniti che continua a ridursi, il NZD si è mosso in ribasso contro lo USD. Inoltre, la recente dichiarazione della Rbnz sulla politica monetaria suggerisce un tono da colomba, mentre quello delle Fed è palesemente da falco.

Vi sono poi da considerare le crescenti preoccupazioni di Australia e Nuova Zelanda per i piani del presidente Trump sulla denuncia dei trattati di libero commercio e l’innalzamento di barriere tariffarie con la Cina come obiettivo. Gli effetti potrebbero essere decisamente negativi, dato che la Cina è il principale mercato di esportazione per l’Australia e la Nuova Zelanda.

La coppia NZD/USD ha concluso la settimana a quota 0,6952, in ribasso di 0,0181 punti ossia del 2,53%.

More News

Le elezioni presidenziali in Francia: il primo turno

Le tanto attese elezioni presidenziali in Francia stanno finalmente per avere luogo. Dopo tutto il dibattito sulle conseguenze per l’euro, si pensava che il confronto sarebbe stato tra Fillon e Macron. A oggi, tutti i quattro candidati potrebbero vincere e gli scenari possibili sono diversi. Tuttavia, i mercati paiono preferire una sfida al secondo turno … Continue reading Le elezioni presidenziali in Francia: il primo turno

Con l’ansia che sale in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, i mercati vanno a consolidare

Ponendo fine a sei giorni di rialzo, con gli investitori che attendono la riunione della Bce e osservano i dati sull’inflazione e sulla crescita, le borse europee si muovono in generale ribasso. La vittoria di Macron al primo turno delle elezioni presidenziali francesi ha visto il Dax avvicinarsi ai massimo storici e ha aiutato il … Continue reading Con l’ansia che sale in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, i mercati vanno a consolidare

Draghi, l’euro e il dollaro al centro dell’attenzione

Nel pomeriggio di oggi, l’attenzione dei mercati virerà temporaneamente sull’Europa. La Bce annuncerà, infatti, la sua decisione sui tassi di interesse, che verrà seguita dalla conferenza stampa di Draghi. L’effetto positivo della vittoria di Macron al primo turno delle elezioni presidenziali in Francia pare essersi esaurito . Le borse europee hanno aperto sotto pressione, con … Continue reading Draghi, l’euro e il dollaro al centro dell’attenzione

Le Materie Prime Mostrano un Consolidamento con Negoziazioni Volatili

I prezzi dell’oro hanno continuato a consolidare e oscillare nel corso delle ultime 24 ore in attesa che qualche fondamentale potesse spingere i prezzi in una specifica direzione. La scorsa settimana avevamo previsto che se i prezzi del metallo aurifero non fossero stati in grado di superare i 1300$, avremmo assistito a una correzione verso … Continue reading Le Materie Prime Mostrano un Consolidamento con Negoziazioni Volatili

In attesa della riunione della BCE, le borse europee vanno a consolidare

La gran parte delle borse europee si muove in lieve ribasso. Il Cac 40 rappresenta un’eccezione degna di nota, riuscendo a mantenere un guadagno dello 0,10%. Al contrario, il Dax ha perduto lo 0,05% e il Ftse 100 ha ceduto lo 0,10%. Tuttavia, il Dax rimane a livelli decisamente elevati. In attesa della riunione della … Continue reading In attesa della riunione della BCE, le borse europee vanno a consolidare

La riforma del sistema tributario e l’approvazione delle misure di spesa pubblica potrebbero spingere il dollaro in rialzo

La bocciatura della riforma del sistema sanitario è stata considerata il primo test per l’amministrazione Trump. Tuttavia, i mercati sono notevolmente più interessati alla riforma del sistema tributario e alle misure di stimolo, che dovrebbero dare all’economia degli Stati Uniti quello slancio che potrebbe modificare le prospettive piuttosto conservatrici della Fed circa la normalizzazione della … Continue reading La riforma del sistema tributario e l’approvazione delle misure di spesa pubblica potrebbero spingere il dollaro in rialzo

Expand Your Knowledge

See All

FX Empire - the company, employees, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable jointly or severally for any loss or damage as link result of reliance on the information provided on this website. The data contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate.
FX Empire may receive compensation from the companies featured on the network.

All prices herein are provided by market makers and not by exchanges. As such prices may not be accurate and they may differ from the actual market price. FX Empire bears no responsibility for any trading losses you might incur as link result of using any data within the FX Empire.