FXEMPIRE
Tutti
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
12,275,284Confermati
554,465morti
7,133,170Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Bob Mason

Questa mattina:

I dati macroeconomici rilasciati durante sessione asiatica di questa mattina sono stati includevano i dati commerciali del Giappone del mese di settembre, il PIL del 3 ° trimestre insieme alla produzione industriale di settembre e i dati sugli investimenti in capitale fisso in Cina e in Australia.

Il surplus commerciale del Giappone si è ampliato a settembre, con le esportazioni in rialzo del 14,1% a seguito dell’incremento del mese di agosto del 18,1% su base annua, fornendo ulteriore supporto al Nikkei, dato che le esportazioni sono aumentate per il decimo mese consecutivo supportando le azioni giapponesi e del continuo ottimismo nell’economia globale.

Al contrario, i numeri del PIL del 3 ° trimestre in Cina hanno avuto un impatto inferiore sui mercati, con un deludente rallentamento della crescita nel terzo trimestre, fermando un rally di mercato in risposta al superamento dei 23,000 nel Dow mercoledì, nonostante i numeri siano in linea con le previsioni e le vendite al dettaglio e la produzione industriale di settembre siano positivi.

Con il congresso del Partito Nazionale in corso, sia il Hang Seng che il CSI300 erano in rosso al momento della redazione, anche se la risposta negativa ai numeri sarà probabilmente di breve durata, la crescita del terzo trimestre della Cina è solo marginalmente più lenta del primo metà dell’anno.

Per il dollaro australiano, si è registrato un aumento nel rapporto occupazionale maggiore del previsto, con il tasso di disoccupazione australiano sceso al 5,5%, sebbene guardando i dati, l’aumento sull’occupazione a tempo pieno è rallentato rispetto al part time. Dal settembre 2016, tuttavia, l’occupazione a tempo pieno è aumentata di 315.900, con un aumento del part time di soli 55.600, positivo per il dollaro australiano.

Al momento della redazione il dollaro australiano era in rialzo dello 0,04% a 0,7849 dollari, con il dollaro australiano che ha abbandonato i guadagni con i dati sull’occupazione dopo il rilascio dei dati del PIL del terzo trimestre della Cina.

Le cose non sono state così buone per il dollaro Kiwi nelle ore di trading della sessione asiatica di stamattina, tuttavia, con il dollaro Kiwi in ribasso del 1,08% a 0,7076 dollari, alla notizia che il leader di NZ First Peters si stava preparando ad annunciare con quale partito avrebbe formato il governo.

Mentre il Kiwi è riuscito a recuperare parzialmente, il leader di NZ First Peter ha annunciato una colazione con i Laboristi facendo muovere in ribasso il dollaro kiwi, del 1,33% a 0,7058$ al momento della redazione, visto che la nuova politica della coalizione sull’immigrazione e il commercio saranno negativi per l’economia della Nuova Zelanda. I Verdi sembrano sostenere la decisione di NZ First.

Per il resto della giornata:

Oggi è un altro giorno intenso per la sterlina, a seguito delle delusioni della crescita salariale e di un nuovo vice governatore della BoE, dove le vendite al dettaglio di settembre prevedono di fornire ulteriori indicazioni sul fatto che la BoE sarà in grado di innalzare i tassi e di iniziare a frenare le pressioni inflazionistiche che sono passate al di sopra dell’obiettivo della BoE.

Sulla base delle previsioni, i dati saranno probabilmente negativi per la sterlina, anche se, come abbiamo visto durante l’anno, l’economia britannica è rimasta sorprendentemente resiliente nonostante il sentimento negativo sugli effetti della Brexit e sull’inflazione. Un aumento imprevisto delle vendite accrescerà le prospettive di un aumento del tasso nel mese di novembre, sebbene con una mossa in gran parte dei prezzi, probabilmente si ridurrà al fatto che la BoE dovrà prendere una posizione più aggressiva sulla politica nel medio periodo, con i mercati che prevedono attualmente un passo verso la normalizzazione anche se sarà graduale.

La sterlina era in rialzo del 0,04% a 1,3211$  , riuscendo a mantenere i livelli di 1,32 dollari malgrado le colombe della BoE.

Per l’EUR, è un altro grande giorno in cui i mercati si preparano per un’altra sfida tra il presidente catalano Puigdemont e il primo ministro spagnolo Rajoy, senza nessuna statistica rilevante dell’Eurozona da prendere in considerazione. La scadenza del lunedì per il presidente catalano per chiarire se ha dichiarato l’indipendenza è stato esteso a questa mattina e qualsiasi sfida lanciata dal governo catalano potrebbe vedere il governo spagnolo rispondere con l’articolo 155 che probabilmente avrà come conseguenza un maggiore disordine e incertezza politica. Mentre l’EUR era in rialzo del 0,08% a 0,1796 dollari al momento della redazione, possiamo certamente aspettarci che i mercati rispondano, sebbene ci siano stati suggerimenti da parte dei funzionari governativi catalani che non saranno disponibili chiarimenti, il che dovrebbe rendere le cose interessanti.

Oltreoceano, è un grande giorno per la presidente della FED Yellen, che prevede di incontrarsi con il presidente degli Stati Uniti per discutere di un possibile secondo mandato come presidente della FED. C’è stato un bel po’ di pubblicità su chi sarà il probabile presidente della FED, la Yellen è emersa come primo candidato invertendo il salto nei rendimenti dopo l’intervista a Stanford dell’economista John Taylor con il presidente degli Stati Uniti all’inizio della settimana.

Ci aspettiamo commenti dal presidente degli Stati Uniti su come è andata la riunione, anche se l’eventuale risultato continuerà ad essere un mistero, poiche Trump sembra voler sostenere la deregolamentazione finanziaria.

Sul fronte dei dati, le statistiche sono state limitate alle richieste di sussidi settimanali e ai dati manifatturieri di ottobre Philly FED, che forniranno indicazioni sul dollaro, in particolare se i dati manifatturieri della Philly FED fossero impressionanti come i dati NY Empire State rilasciati all’inizio della settimana.

Con Trump che prevede di annunciare il presidente della FED nei prossimi giorni, probabilmente l’attenzione dei mercati rimarrà su di lui, tuttavia la prospettiva di un cambiamento rilevante nella definizione di politiche e alla regolamentazione certamente non è qualcosa eliminare.

L’indice Dollar Spot era in rialzo dello 0,06% a 93,416 al momento della redazione, con Trump che guida per la giornata.

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio