Jack Ma dice addio ad Alibaba

Jack Ma dice addio ad Alibaba Group, l’illuminato fondatore che non conosceva l’uso del computer saluta l’azienda che ha contribuito a fondare.
Fabio Carbone
Jack Ma

Jack Ma lascia definitivamente Alibaba e lo fa il giorno del suo 55° compleanno e nell’anno in cui il colosso cinese dell’e-commerce compie 20 anni.

Jack Ma aveva già annunciato tempo fa il suo passo indietro dal gruppo Alibaba, ma ha continuato a mantenere la posizione di Presidente della società. Ora la sua uscita di scena appare come definitiva e sarà ufficiale a partire esattamente da oggi.

C’è da giurare che Jack Ma continuerà a influire sul futuro di Alibaba, ma più come “guida spirituale” dei manager che si occupano di gestire un’azienda che vale miliardi di dollari.

Jack Ma va in pensione?

Andare in pensione a 55 anni è il sogno di molti e in Italia qualcuno fino a un decennio fa riusciva anche nell’intento.

Improbabile, comunque, che Ma vada in pensione così presto, e poi ha una fortuna da 41,8 miliardi di dollari da gestire secondo quanto riporta Bloomberg nell’editoriale di oggi.

Il magnate dell’e-commerce asiatico è molto impegnato nella scoperta di nuovi talenti grazie alla sua Hupan University. Difficile quindi pensare ad un suo ritiro completo dall’attività lavorativa.

Da un appartamento all’impero

Alibaba nasceva nel 1999 nell’appartamento del suo fondatore, e dopo 20 anni l’impero asiatico vale 460 miliardi di dollari.

Il commercio elettronico non è più l’unico settore strategico del gruppo, Alibaba è un conglomerato che include la logistica, la distribuzione di cibo, il cloud computing.

I grandi sogni non si possono realizzare da soli, ecco perché Jack Ma fonda la sua società con 18 membri fondatori. Questi uomini e queste donne lavorano insieme nella città di Hangzhou, presso l’appartamento privato di Jack.

Trascorre meno di un anno e Alibaba riceve un finanziamento da 20 milioni di dollari da investitori capeggiati da SoftBank.

Così nel 2003 nasce Taobao, un e-commerce dedicato al mercato cinese dove a vendere prodotti all’utente finale sono commercianti terzi. Taobao diventa il cuore del business, nel 2015 il fatturato è già di 223,9 miliardi di dollari USA.

Nasce nel 2004 Alipay, il processore dei pagamenti famoso in Cina e rivale di WeChat Pay della Tencent. Alipay può essere usato sia nei negozi fisici scansionando un semplice QR-Code, o online sulle piattaforme di commercio elettronico del gruppo Alibaba e non solo. Questa società ha generato non pochi problemi interni.

Nel 2005 Yahoo fiuta l’affare e compra il 40% di Alibaba per la vorticosa cifra di 1 miliardo di dollari, come prevede l’accordo Alibaba gestisce Yahoo Cina.

L’ingresso nel mondo finanziario avviene presso la Borsa di Hong Kong, dove Alibaba avvia una IPO (Initial public offering) attraverso cui vende quote azionarie del gruppo agli investitori interessati. Il prezzo di ogni singola azione quel giorno è di 13,5 USD, ma la prima giornata di contrattazioni si chiude a 39,5 USD per azione, con un guadagno per i nuovi azionisti semplicemente stellare.

Nel 2008 nasce Tmall, un nuovo e-commerce destinato al mercato di lingua cinese, ma dove a vendere sono i grandi brand stranieri. Un negozio virtuale che si rivolge inizialmente a un target medio alto, con disponibilità economiche da spendere. Qui sono presenti anche le migliori marche del lusso mondiale.

Nel 2009 arriva Alibaba Cloud computing, ovvero il presente e il futuro della società. Secondo il CEO attuale di Alibaba Daniel Zhang, nel prossimo futuro il cloud business sarà la principale fonte di guadagno dell’azienda, perché il cloud supporterà la quasi totalità delle attività imprenditoriali del futuro.

Nel 2012 Alibaba Group ricompra da Yahoo metà del 40% che quest’ultima aveva acquistato nel 2005. Yahoo intasca 7,6 miliardi di USD a fronte del miliardo di dollari investito solo sette anni prima.

Potrebbe interessarti: Aliexpress aprirà in Italia.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI