Bond Italia in dollari a 5, 10 e 30 anni registra il tutto esaurito

I Bond Italia in dollari a 5, 10 e 30 anni, fanno registrare il tutto esaurito. Soddisfatta così la richiesta proveniente dal mercato statunitense.
Fabio Carbone
Bond Italia in dollari

Per la prima volta dal 2010 il Tesoro ha emesso una nuova serie di bond Italia in dollari americani, registrato presso la U.S. SEC. I bond italiani in dollari hanno fatto il tutto esaurito, l’intera emissione da 7 miliardi complessivi è stata collocata sul mercato.

I SEC-Registered Global a 5 anni, a 10 anni e a 30 anni non solo sono stati tutti acquistati, ma data la domanda il rendimento lordo all’emissione è risultato più alto, anche se di poco, rispetto al tasso stabilito.

Bond Italia in dollari a 5, 10 e 30 anni: i dettagli

Quelli che seguono sono i dettagli sui risultati dell’emissione del nuovo bond Italia in dollari, nei tagli da 5 anni, 10 anni e 30 anni.

  • SEC-Registered Global a 5 anni (2,5 mld di USD): scadenza ottobre 2024, tasso all’emissione 2,435% in dollari.
  • SEC-Registered Global a 10 anni (2 mld di USD): scadenza ottobre 2029, tasso all’emissione 2,981% in dollari.
  • SEC-Registered Global a 30 anni (2,5 mld di USD): scadenza ottobre 2049, tasso all’emissione 4,022% in dollari.

I 7 miliardi di dollari raccolti verranno utilizzati dal Tesoro “per necessità generali dell’emittente, ivi incluse finalità di gestione del debito”.

Domanda per 18 miliardi di euro

Secondo i dati riportati da Il Sole 24 Ore, i bond Italia emessi in USD hanno attratto una domanda pari a 18 miliardi di dollari da ben 250 operatori internazionali.

Si comprenderà bene il perché di una richiesta così alta, in un momento storico per i titoli obbligazionari di stato e non, in cui i rendimenti sono praticamente ridotti a zero o sotto zero. Lo ricordavamo giusto un paio di giorni fa come gran parte dei titoli di stato hanno smesso di essere beni rifugio, a causa dei bassissimi rendimenti.

E con rendimenti così alti, invece, i titoli di stato italiani emessi in dollari fanno gola a molti, in particolare ai grandi investitori a caccia di porti sicuri dove far “riposare” i propri capitali e farli crescere mentre riposano.

Pronte altre emissioni di titoli di stato italiani in dollari

Questa potrebbe essere solo la prima serie di titoli di stato italiani emessi in dollari, a cui potrebbe seguirne almeno una seconda a stretto giro.

I bond italiani in dollari, inoltre, sono accessibili anche al dettaglio, e cioè ai piccoli risparmiatori, attraverso i normali canali di distribuzione già noti a quanti sono soliti acquistare i titoli di stato in valuta euro.

Gli investitori retail, quindi, potranno rivolgersi alla propria banca o al proprio broker di fiducia per chiederne l’acquisto.

Bond emesso per soddisfare la domanda statunitense

La ragione per cui è stato emesso il bond in dollari, è principalmente per soddisfare una domanda che proveniva dagli Stati Uniti, a cui si è così consentito di poter acquistare direttamente in USD titoli di stato italiani.

Il governo italiano torna quindi sul mercato statunitense alla ricerca di nuova liquidità, consapevole di una domanda che è presente e che chiedeva solo di essere soddisfatta.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI