Analisi fondamentale settimanale sui prezzi dell’oro – La pressione subita dai mercati emergenti provocherà un’inversione al rialzo?

Gli investitori in oro potrebbero scommettere in una crisi dei mercati emergenti, che in questo momento sembra confermarsi ma, per ora, solo come un evento speculativo. La Fed può determinare l’evoluzione futura, se confermasse la usa politica aggressiva sui rialzi dei tassi per combattere l’inflazione, potremmo assistere a grandi spostamenti nel mercato azionario o a un’ulteriore debolezza nei mercati emergenti (già ribassisti).
James Hyerczyk
Gold-Bars-and-Dollar-2

I future sull’oro hanno chiuso la settimana con il segno più, mostrando una certa indipendenza dal loro rapporto con i rendimenti dei Titoli di Stato statunitensi e il dollaro USA, entrambi gli asset hanno chiuso la settimana in territorio positivo, un evento che generalmente mette pressione all’oro, tuttavia, l’azione dei prezzi della scorsa settimana ci suggerisce che ci fossero acquirenti sul mercato.

Non siamo ancora pronti ad etichettare come “rialzista” l’andamento dell’oro, ma i segnali stanno aumentando da questo punto di vista se consideriamo il minimo di agosto. Stiamo assistendo a prove di resistenza sui minimi del grafico, dove gli acquirenti tendono ad intervenire quando si presentano debolezze. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno ora è che gli acquisti permettano all’oro di superare i massimi di 1.215,80$, 1.218,00$ e 1.220,70$, e se ciò si verificasse, potremmo arrivare nel breve periodo a quotazioni tra i 1.277,60$ ei 1.303,70$.

La scorsa settimana, il Comex Gold di dicembre si è attestato a 1.205,60$, guadagnando 9,40$ con un +0,79%.

Il catalizzatore dietro il rialzo dei prezzi dell’oro potrebbe essere la copertura delle posizioni short da parte degli hedge fund e dei manager delle materie prime, che potrebbero aver iniziato ad acquistare la scorsa settimana, ma non ne avremo la certezza fino a quando non vedremo gli ultimi dati dalla Commodity Futures Trading Commission. Attualmente, i dati della CFTC indicano che questi professionisti hanno posizioni corte nette.

La scorsa settimana, i rendimenti dei Titoli di Stato statunitensi sono saliti ai massimi pluriennali sulla scia della forza dei dati economici statunitensi e dei commenti interventisti del presidente della Federal Reserve degli Stati Uniti, Jerome Powell. Il presidente della Fed ha persino suggerito che, se necessario, la banca centrale potrebbe diventare più aggressiva al fine di prevenire l’inflazione e proteggere l’economia.

Se questo commento fosse stato fatto diversi mesi fa, probabilmente l’oro sarebbe precipitato, ma in chiusura di questo ciclo ristretto, i trader dell’oro stanno agendo come se i rendimenti dei Titoli statunitensi si stessero avvicinando al loro valore massimo. Inoltre, ci vuole del tempo per invertire una tendenza al ribasso di lungo termine, non accade in una notte.

Prima i venditori allo scoperto devono uscire dal mercato, quindi gli acquirenti devono entrare con abbastanza soldi per creare un trend rialzista. Quando si fanno previsioni su diversi eventi futuri che devono combaciare, il processo tende ad essere lungo. Siamo ancora in una fase iniziale, non c’è un singolo processo che può trasformare il mercato in rialzista, ma sono necessari una serie di eventi.

Uno di questi eventi è un potenziale crollo dei mercati emergenti, i tassi di interesse negli USA stanno aumentando rapidamente e gli investitori si stanno muovendo in massa verso il dollaro USA, tuttavia, quando il dollaro si rafforza, le valute dei mercati emergenti si indeboliscono. Attualmente, ci sono importanti problemi in Brasile, Venezuela, Argentina e Turchia. Quanto tempo ci vorrà prima che i problemi inizieranno a sorgere in India, Cina o Russia?

Gli investitori in oro potrebbero scommettere in una crisi dei mercati emergenti, che in questo momento sembra confermarsi ma, per ora, solo come un evento speculativo. La Fed può determinare l’evoluzione futura, se confermasse la usa politica aggressiva sui rialzi dei tassi per combattere l’inflazione, potremmo assistere a grandi spostamenti nel mercato azionario o a un’ulteriore debolezza nei mercati emergenti (già ribassisti).

Se la Fed sarà costretta a modificare i suoi piani aggressivi sugli aumenti dei tassi al fine di prevenire un crollo del mercato azionario o dei mercati emergenti, potrebbe verificarsi un indebolimento del dollaro USA, e un dollaro più debole dovrebbe sostenere i prezzi dell’oro.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI