FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
41,043,648Confermati
1,129,600morti
30,629,580Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
James Hyerczyk

La settimana è iniziata con l’attenzione concentrata sulla relazione della presidente della Fed, Janet Yellen, innanzi al Congresso degli Stati Uniti, dal 14 al 15 febbraio. Per la prima volta, Yellen testimoniava innanzi al nuovo Congresso a maggioranza repubblicana. Gli investitori attendevano un evento ricco di conseguenze, ma non si è verificato niente di tutto ciò.

La prima questione di interesse era capire se Yellen avrebbe fornito indicazioni sulla possibilità di una manovra restrittiva a marzo. Gli investitori avevano escluso tale eventualità, che, il 10 febbraio, veniva data ad appena il 18% di possibilità.

Pubblicita'

Tuttavia, all’avvicinarsi della relazione, diversi economisti hanno riacceso il dibattito, sostenendo che una tale probabilità era troppo bassa, dato che Yellen avrebbe potuto informare il Congresso del fatto che la Fed era prossima a raggiungere i suoi obiettivi di inflazione e occupazione.

Probabilmente, Yellen era d’accordo con tale valutazione. A mio parere, non voleva affermare con assoluta chiarezza che i tassi di interesse sarebbero saliti a marzo. Il suo stile è entusiasmare gli investitori quel tanto da aumentare le probabilità di una manovra restrittiva al 50%, lasciando l’altro 50% al Fomc. È proprio il suo modo di pensare che impedisce a Yellen di prendere impegni chiari e definitivi.

In passato, Yellen ha più volte manifestato il proprio timore per una manovra restrittiva, poiché non voleva causare volatilità o scosse nella ripresa dell’economia di altri paesi. Esempi recenti vedono il rinvio dell’innalzamento dei tassi all’inizio dello scorso anno a causa delle turbolenze di mercato provocate dalla Cina. In seguito, è stata la volta della preoccupazione per le conseguenze della Brexit a giugno e, infine, sono giunte le elezioni presidenziali negli Stati Uniti a settembre. Yellen ha deciso di aumentare i tassi a dicembre perché, dopotutto, niente e nessuno crea volatilità subito prima di Natale e capodanno.

In questa settimana, Yellen è rimasta fedele al suo stile: il 14 febbraio, ha, infatti, entusiasmato gli investitori circa la possibilità di una manovra restrittiva a marzo, affermando che attendere troppo per innalzare i tassi sarebbe “imprudente”, dato che la crescita economica continua e l’inflazione sale. Un certo numero di investitori ha interpretato tali affermazioni come sufficientemente da falco da spingere in rialzo i rendimenti dei titoli del Tesoro degli Stati Uniti e accrescere le possibilità di una manovra restrittiva a marzo, portandole al 46%.

Tuttavia, il 15 febbraio, Yellen ha smorzato i propri toni da falco, dichiarando che “La crescita economica è stata abbastanza deludente.” Tale affermazione ha contribuito ad arrestate la corsa al rialzo dei titoli del Tesoro degli Stati Uniti.

Ora, sappiamo tutti che Yellen è coerente con se stessa. Forse, dovremmo prestare maggiore attenzione più alle affermazioni degli altri membri della Fed che a quelle della presidente Yellen.

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI