U.S. Fed taglia i tassi di interesse dello 0,25%. Restano le incertezze

Lo U.S. Fed taglia i tassi di interesse dello 0,25% portandoli al 2 – 2,25%. Restano le incertezze sul commercio internazionale.
Fabio Carbone
tassi di interesse

Terminata da poco la conferenza stampa del governatore dello U.S. Federal Reserved System (Fed), Jerome Powell, il quale ha confermato quanto tutti attendevano, la U.S. Fed taglia i tassi d’interesse dello 0,25% in una forchetta compresa tra il 2% e il 2,25%.

La decisione è stata motivata dalle incertezze sull’Outlook positivo dell’economia USA. A pesare l’incertezza sulla riuscita dell’amministrazione Trump di strappare un accordo commerciale con la Cina, ma anche la Brexit e in generale l’andamento del commercio nazionale e internazionale.

Come preannunciato poco più di una settimana fa dalla pubblicazione del Beige Book, l’economia statunitense prosegue su una strada positiva, il mercato del lavoro è in buone condizioni di salute, “l’attività economica cresce con andamento moderato. I salari sono mediamente buoni, il tasso di disoccupazione negli ultimi mesi è rimasto basso” a livelli che non si registravano dalla fine degli anni ‘60 dello scorso secolo.

La spesa delle famiglie cresce rispetto agli inizi dell’anno, ma gli investimenti fissi delle aziende cresce moderatamente. Per quanto riguarda l’inflazione, negli ultimi 12 mesi è rimasta sotto il 2% se si escludono gli alimenti e l’energia. “Le misure di compensazione dell’inflazione basate sul mercato restano basse; le misure basate sull’indagine delle aspettative di inflazione a lungo termine sono variate poco.”

A cosa servirà la riduzione dei tassi d’interesse dello 0,25%

L’obiettivo della riduzione dei tassi di interesse dello 0,25% ha lo scopo di raggiungere gli obiettivi dello U.S. Fed, ovvero la massima occupazione possibile, avere un livello di inflazione al 2%, sostenere quindi l’espansione dell’economia statunitense.

Il comitato dello U.S. Fed continuerà a svolgere il suo lavoro di monitoraggio dell’economia USA e verificherà gli effetti del taglio sul costo del denaro. Jerome Powell, ha detto che il Fed è pronto a sostenere l’espansione anche nel prossimo futuro. Potrebbe quindi esserci un ulteriore taglio se le condizioni lo dovessero richiedere.

 

Potrebbe interessarti: Gli Stati Uniti d’America preparano altri dazi contro l’Unione europea.

Fed termina la riduzione nel System Open Market Account ad agosto

Con due mesi di anticipo rispetto a quanto precedentemente indicato, ad agosto, lo U.S. Fed termina la vendita delle sue disponibilità aggregate in titoli nel System open market account.

 

Potrebbe interessarti: Accordo sul tetto del debito USA, sospeso per due anni.

Votazione non unanime

La votazione per la riduzione dei tassi d’interesse non ha attratto tutti i consensi del comitato del Federal Reserve System, contro la decisione di tagliare il costo del denaro si sono schierati in due: Esther L. George e Eric S. Rosengren, rispettivamente il presidente della Fed di Boston e il presidente della Fed di Kansas City.

Potrebbe interessarti: USD ai massimi, sterlina ai minimi.

Nessun commento per ora è stato rilasciato dal presidente Donald Trump che da tempo chiedeva a gran voce un taglio dei tassi, anche se questi avrebbe voluto un taglio più consistente dello 0,5%.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI