Le azioni europee permetteranno ai dati cinesi di rovinare la festa?

Il DAX ha visto un quinto giorno consecutivo in verde, con il CAC40 in rialzo per il sesto giorno consecutivo. I dati di oggi dalla Cina potrebbero rovinare tutto.
Bob Mason
News

Calendario economico:

Mercoledì 17 Aprile 2019

  • CPI finale italiano m/m (Mar)
  • CPI core finale a/a (Mar) (Eurozona)
  • CPI m/m (Mar) (Eurozona)
  • CPI finale a/a (Mar)(Eurozona)
  • Bilancia commerciale (Feb) (Eurozona)

Giovedì 18 Aprile 2019

  • PPI tedesco m/m (Mar)
  • PMI Manifatturiero preliminare francese (Apr)
  • PMI dei Servizi preliminare francese (Apr)
  • PMI Manifatturiero preliminare tedesco (Apr)
  • PMI dei Servizi preliminare tedesco (Apr)
  • PMI Manifatturiero preliminare (Apr) (Eurozona)
  • PMI Composito preliminare Markit (Apr)(Eurozona)
  • PMI dei Servizi preliminare (Apr) (Eurozona)

Venerdì 19 Aprile 2019

  • N/A

Le Major

Martedì, le major europee hanno continuato a muoversi in rialzo. Ad aprire la strada, ancora una volta, è stato il DAX che ha guadagnato lo 0,67% seguito dal CAC40 ed EuroStoxx600, che hanno guadagnato rispettivamente lo 0,36% e lo 0,29%.

Durante la prima parte della giornata, la propensione al rischio ha ricevuto una forte spinta da una ripresa del sentimento dei consumatori ad aprile.

Dalla Germania, l’indice sul sentimento economico ZEW era in rialzo da meno 3,6 a più 3,1 di aprile, che era molto superiore al previsto + 0,8.

È interessante notare che i mercati hanno ampiamente trascurato il ribasso nell’attuale sottoindice delle condizioni, che è passato da +11,1 a +5,5. Le previsioni erano di un ribasso a + 8.

Mentre un’estensione alla Brexit è stata attribuita al dato migliore del previsto, il sentimento negativo nei confronti degli ordini in entrata e della produzione industriale ha pesato.

Anche l’indice sul sentimento dell’Eurozona ha registrato un netto miglioramento, passando da meno 2,5 a +4,5. Le previsioni erano di un recupero a più 1,2.

Sul DAX, Deutsche Bank è stata tra le prime posizioni, in rialzo del 2,21%, anche Volkswagen che ha registrato guadagni consistenti, in rialzo dell’1,61%. Anche Commerzbank e BNP Paribas hanno trovato supporto, in rialzo rispettivamente del 3,09% e dell’1,73%.

Nonostante le preoccupazioni per i guadagni di Goldman Sachs e Citigroup, martedì, le banche italiane hanno trovato supporto. UniCredit S.p.A si è mossa in rialzo del 3,2%, in seguito alla notizia di una transazione da 1,3 miliardi di dollari sulle violazioni sanzionatorie degli Stati Uniti.

I dati sulla produzione industriale statunitensi non sono riusciti a bloccare le major europee, nonostante la produzione abbia visto un imprevedibile ribasso dello 0,2% a marzo. I mercati stanno evidentemente trovando conforto nel parlare di un imminente accordo commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina.

Per il DAX, è stata la prima chiusura ai livelli dei 12.100 dallo scorso ottobre … Non è stata una brutta ripresa dal minimo di 12 mesi di fine dicembre a 10.381,51.

Per il resto della giornata

A seguito dei dati sulla fiducia dei consumatori rilasciati martedì, l’attenzione si sposta sull’inflazione di marzo e sui dati del commercio finalizzati dell’Eurozona.

Mentre le previsioni indicano che i prezzi al consumo vedranno un’importante ripresa a marzo, il tasso di inflazione annuo core dovrebbe rimanere ben al di sotto dell’obiettivo della BCE, che è positivo per i mercati azionari europei.

Con i dati sull’inflazione che probabilmente saranno di supporto, è improbabile che i dati sul commercio dell’Eurozona abbiano un impatto significativo.

I dati sul PIL e sulla produzione industriale della Cina nella prima parte di oggi non sono riusciti a spronare i tori. La crescita più lenta nel 1 ° trimestre, trimestre su trimestre, ha compensato meglio dei dati annuali previsti.

Sul fronte degli utili, Morgan Stanley dovrebbe rilasciare i suoi utili trimestrali. Una serie positiva di risultati potrebbe compensare qualsiasi negatività derivante dai dati di questa mattina della Cina, anche se potrebbero essere necessari un giorno o due per assimilarli…

I mercati continuano ad essere indulgenti nei confronti di un settore manifatturiero debole con la speranza di un accordo commerciale USA – Cina.

Al momento della redazione, i futures erano in rosso. Il DAX30 era in ribasso di 7 punti, mentre il CAC40 puntava a un guadagno di 21,5 punti all’apertura.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker