Gli orsi delle criptovalute scalfiscono appena il rally di aprile…

È stata una brutta settimana per le major, ma sarebbe potuta andare molto peggio. Il recupero di Bitcoin e il mantenimento dei livelli dei 5.000$ rimane di fondamentale importanza per l’intero settore.
Bob Mason
Bitcoin coin on white keyboard

Dopo essere riuscito a rallentare la tendenza d’inizio settimana, mercoledì il Bitcoin ha recuperato fino a un massimo di 5.488$, mentre il giovedì ha invertito la direzione.

Le vendite sono continuate fino a venerdì, ma prima di trovare il supporto la criptovaluta è scivolata al minimo settimanale di 4.934,7$.

Le mosse durante la settimana sono state comunque significative e il Bitcoin è riuscito a evitare un’inversione a livelli inferiori dei 4.000$.

Nonostante il Bitcoin si sia stabilizzato il venerdì, c’è stato un ulteriore segno rosso il sabato. I tre giorni in territorio negativo vedono la criptovaluta perdere il 2,58% per la settimana corrente.

Ai tori del Bitcoin, l’aver difeso il livello di FIB del 23,6% a 4.816$, è valso un rimbalzo sui livelli dei 5.000$.

Le altre criptovalute

Per le prime 10 criptovalute, la settimana vede prevalere il colore rosso, tra le peggiori in chiusura di sabato troviamo: Litecoin, dal lunedì è scivolato del 15,2%.

Una settimana turbolenta ha visto Litecoin scivolare sotto il livello di FIB del 38,2% a quota 83$ per attestarsi sotto gli 80$. Ad ogni modo, i 5 giorni in rosso della settimana corrente, non sono riusciti ad azzerare i guadagni della prima settimana del trimestre.

Dietro Litecoin troviamo Bitcoin Cash ABC, dopo un rally del 91% della settimana precedente, alcune prese di profitto non ci hanno sorpreso. Essendo una delle due criptovalute tra le prime dieci a formare una tendenza rialzista a breve termine, le forti vendite di giovedì hanno visto il Bitcoin Cash ABC scivolare sotto il livello di FIB del 23,6% a 291$.

Tra le migliori interpreti della settimana, oltre al Bitcoin, troviamo Binance Coin ed EOS, in chiusura di sabato la coppia lascia sul terreno l’1,93% e il 2,57%. Una performance accettabile se si considerano le perdite a due cifre che hanno fatto registrare altre major.

Mentre le major hanno visto una parziale inversione dei guadagni della settimana precedente, è stato fondamentale il recupero dei 5.000$ da parete del Bitcoin.

Data l’inversione del mercato e le moderate perdite del Bitcoin, il dominio di quest’ultimo è cresciuto fino al 52%. La capitalizzazione del mercato è scesa dai 185 miliardi di dollari di lunedì ai 172 miliardi di dollari in chiusura di sabato.

È stata significativa anche la diminuzione dei volumi giornalieri, dopo aver raggiunto gli 80 miliardi di dollari durante la prima settimana del mese, i volumi sono tornati a livelli inferiori ai 40 miliardi.

Il tempo ci dirà se si troverà il supporto necessario o se ci sarà un’altra svendita su larga scala …

Entra Ora nel Trading di Criptovalute

Questa mattina

Al momento della stesura, il Bitcoin registra un +0,28% a 5.118,1$. Dopo il ritiro di sabato, abbiamo assistito ad un inizio di giornata rialzista, prima di stabilizzarsi la criptovaluta è passata da un minimo di 5.103.9$ ad un massimo di 5.125,6$.

Anche se non sono stati testati i principali livelli di supporto e resistenza, la chiave è stata mantenere una quotazione superiore ai 5.100$.

Le altre criptovalute, Bitcoin Cash ABC e Binance sono in controtendenza tra le major, al momento della stesura la coppia è in calo rispettivamente dello 0,36% e dello 0,82%.

A guidare il gruppo troviamo l’XRP di Ripple, che è riuscito a risalire ai livelli dei 0,33$ e potrebbe trovare un ulteriore rimbalzo nel caso in cui il mercato più ampio evitasse una svendita diffusa.

Per il proseguo di giornata

Prenderà piede uno di quei rally che porteranno il Bitcoin e il mercato più ampio in territorio positivo per la settimana.

Un ritorno del Bitcoin ai livelli dei 5.200$ sarebbe lo spunto necessario per il mercato più ampio, la criptovaluta avrebbe bisogno di rompere il primo livello di resistenza a 5.154,4$, tuttavia, potrebbe rivelarsi una sfida ardua a meno che il sentiment non cambi in maniera consistente durante la prima parte della giornata.

Gli orsi cercheranno di riportare il Bitcoin a livelli inferiori dei 5.000$, una scivolata sotto il primo livello di supporto a 5.061,6$ potrebbe essere un campanello d’allarme per l’intero settore.

Non ci sono in vista notizie importanti o decisioni riguardanti una regolamentazione che supportino un proseguimento della tendenza rialzista, ciò potrebbe testare la resilienza degli investitori se il Bitcoin dovesse superare il livello di FIB del 38,2% a 5.809$ …

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker