Dato che i dati della Cina sono deludenti, l’attenzione si sposta sui dati sull’euro ed il PIL

I dati economici fuori dalla Cina hanno dato il tono. Che impatto ha avuto la guerra commerciale su entrambe le economie? Lo scopriremo?
Bob Mason
news b

Questa mattina:

Questa mattina, il calendario economico era più pesante. I dati chiave includevano la crescita dei salari in Australia ed i dati sulla fiducia dei consumatori e la produzione industriale cinese, gli investimenti fissi e il rapporto sulle vendite al dettaglio.

Per il dollaro australiano,

Il sentiment dei consumatori

L’indice dell’indice di fiducia dei consumatori del Westpac-Melbourne Institute è aumentato dello 0,6% a 101,3 di maggio. L’indice era in rialzo dell’1,9% a 100,7 in aprile

Secondo il rapporto di maggio,

  • Le finanze delle famiglie rispetto a un anno fa sono incrementate del 6,3% a 85,3, con l’aumento attribuito all’ultimo bilancio. Nonostante il rialzo, il sottoindice è rimasto al di sotto della media a lungo termine a 89,4.
  • Viceversa, le finanze delle famiglie per i prossimi 12 mesi sono in ribasso dell’1,6% a 103,8. Il ribasso è avvenuto a seguito di un aumento del 4,1% guidato da una riduzione delle tasse nel mese di aprile.
  • Anche il sentimento verso le prospettive economiche è stato contrastante a maggio.
  • Le condizioni economiche per i prossimi 12 mesi sono in rialzo del 2,3% a 104,2, che si è attestata ben al di sopra della media di 90,9.
  • Per contro, le condizioni economiche nei prossimi 5 anni sono in ribasso del 2,9% a 97,3.
  • Sul fronte delle spese dei consumatori, l’indice di acquisto di articoli per la casa è aumentato di appena lo 0,3% a 115,8. L’indice ha continuato a collocarsi ben al di sotto della media di lungo periodo di 127,3.
  • Supportato dal sentimento positivo verso l’economia a breve termine, l’indice delle aspettative di disoccupazione è sceso del 5,1% a 120,9. La media di lungo periodo si è attestata a 130,0 a maggio.
  • Dal settore dell’edilizia abitativa, un sottoindice sull’acquisto delle abitazioni è in ribasso del 3,8%, con l’indice delle aspettative sul prezzo delle abitazioni in ribasso del 6,5% a 89,4. Entrambi i sottoindici erano ben al di sotto delle medie di lungo periodo a maggio.

Il dollaro australiano è passato da 0,69292$ a 0,69280$ dopo il rilascio dei dati, che hanno preceduto quelli sulla crescita dei salari e i dati della Cina.

Crescita salariale

I salari sono in rialzo dello 0,5% nel 1 ° trimestre, leggermente al di sotto della previsione dello 0,6%. Anche nel quarto trimestre i salari erano in rialzo dello 0,5%.

Secondo i dati diffusi dall’ABS,

  • Durante l’anno, i salari erano in rialzo del 2,3%. Era il terzo trimestre consecutivo che i salari crescevano allo stesso ritmo.
  • Nel corso dell’anno, le retribuzioni del settore pubblico e privato sono cresciute rispettivamente del 2,3% e del 2,4%.
  • Il sostegno alla crescita delle retribuzioni è stato fornito dall’assistenza sanitaria e dall’assistenza sociale e dalle industrie dell’istruzione e della formazione.
  • La crescita dei salari del settore privato su base trimestrale si è attestata allo 0,5%, mentre la crescita dei salari del settore pubblico si è attestata allo 0,4%.

Il dollaro australiano è passato da 0,69322$ a 0,69247$ dopo il rilascio dei dati che hanno preceduto quelli dalla Cina.

Dalla Cina,

La produzione industriale è in rialzo del 5,4% su base annua, ben al di sotto del previsto aumento del 6,5%. La produzione industriale è in rialzo dell’8,5% a marzo.

Anche le vendite al dettaglio sono diminuite, aumentando del 7,2% rispetto ad un aumento previsto dell’8,6% e dell’8,7% in marzo.

Di minore influenza, ma ancora degno di nota, è stato un aumento più debole del previsto degli investimenti in beni fissi. Gli investimenti in beni fissi sono in rialzo del 6,1%, in ribasso rispetto al rialzo previsto del 6,4% e del 6,3% a marzo.

Il dollaro australiano è passato da 0,69322$ a 0,69264$ dopo il rilascio dei dati. Al momento della redazione, il dollaro australiano era in ribasso dello 0,29% a 0,6924$.

Altrove,

Al momento della redazione, il Dollaro Kiwi era in ribasso dello 0,17% a 0,6565$, mentre lo Yen giapponese era in rialzo dello 0,02% a 109,59 ¥ contro il dollaro statunitense.

I dati economici deludenti dalla Cina hanno dato il tono nella prima parte della giornata.

Per il resto della giornata:

Per l’EUR,

È una giornata particolarmente impegnativa, con i dati sul PIL del 1 ° trimestre della Germania e dell’Eurozona ed i dati finali sull’inflazione francese.

L’attenzione si concentrerà sulla 1a stima del PIL dalla Germania e su eventuali dati sul PIL dall’Eurozona.

Dati deboli ed aspettatevi che l’euro faccia un passo indietro, in particolare se i dati del PIL della Germania fossero la causa principale.

In caso di dati più deboli di quelli previsti, ci si aspetta che l’EUR diventi più sensibile a qualsiasi avversione al rischio.

Al momento della redazione, l’euro era in rialzo dello 0,01% a 1,1205$.

Per la sterlina,

Oggi non ci sono dati rilevanti dal Regno Unito. L’attenzione rimarrà sulla Brexit e il Parlamento del Regno Unito. Il partito Brexit ha alzato la posta. È la fine della politica a due partiti nel Regno Unito?

Sia Theresa May che il leader del partito di opposizione Corbyn hanno un incentivo a trovare …

Al momento della redazione, la sterlina era in rialzo dello 0,03% a 1,2909$.

Oltreoceano,

È una giornata impegnativa sul calendario economico. Con i mercati che hanno avuto molto poco da fare nel mercato all’inizio della settimana, ci aspettiamo che il dollaro sia reattivo ai dati.

I dati relativi alle vendite al dettaglio e alla produzione industriale di aprile avranno la maggiore influenza, anche se possiamo aspettarci che venga preso in considerazione anche l’indice NY Empire State Manufacturing.

È improbabile che i dati di inventario delle imprese di marzo abbiano un’influenza sostanziale, a eccezione di numeri particolarmente deludenti.

Al di fuori dei dati, aspettatevi che abbiano un’influenza il sentimento di rischio di mercato e il sentimento nei confronti della guerra commerciale Stati Uniti – Cina.

Il biglietto verde ha lottato creando preoccupazioni per le prospettive economiche degli Stati Uniti. I dati deboli sulle vendite al dettaglio potrebbero essere la prima vera bandiera rossa che cercavano gli orsi …

Al momento della stesura di questo articolo, il Dollar Spot Index era invariato a 97,524.

Per il Loonie,

Dopo un inizio tranquillo della settimana, i dati sull’inflazione di aprile del Canada sono previsti per oggi. Le previsioni sono che il tasso annuo dell’inflazione core aumenti dall’1,6% all’1,8%. Anche se non abbastanza da costringere la BoC ad un cambiamento di politica, in linea con o meglio delle previsioni, il Loonie potrebbe muoversi in rialzo.

Al di fuori dei dati, l’account Twitter di Trump potrebbe compensare qualsiasi dato positivo, dato che la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina è in corso.

All’inizio della giornata, i dati economici dalla Cina non erano di grande aiuto in quanto la produzione industriale rallentava.

Al momento della redazione, il Loonie era in ribasso dello 0,05% a 1,3469$C, contro il dollaro statunitense.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI