FXEMPIRE
Tutti

Commercio al dettaglio in Italia, a novembre 2019 calo del 0,2%

Il commercio al dettaglio in Italia, nel mese di novembre 2019 è in calo del 0,2%. Frenano i consumi non alimentari.
Fabio Carbone
Commercio al dettaglio in Italia

L’Istat ha da poco pubblicato i dati sul commercio al dettaglio in Italia riferiti al mese di novembre 2019. Secondo la stima le vendite al dettaglio hanno subito un calo “congiunturale dello 0,2% in valore e dello 0,3% in volume”.

Le maggiori riduzioni riguardano in particolare i beni non alimentari, calati del -0,3% in valore e del -0,4% in volume, ma calano anche le vendite di beni alimentari in volume del -0,2% e stazionarie sul volume.

Se guardiamo ai dati del trimestre settembre – novembre 2019, rispetto al trimestre precedente, le vendite al dettaglio sono diminuite complessivamente dello 0,1% sia in valore che in volume. Una lieve flessione quindi, dove i beni non alimentari sono diminuiti del -0,1% in valore e del -0,2% in volume, mentre i beni alimentari sono diminuiti del -0,1% in valore e sono rimasti stazionari sul valore.

La crescita tendenziale dell’Italia a novembre 2019

Sul piano della crescita tendenziale dell’Italia, l’Istat certifica che a novembre la crescita complessiva è stata dello 0,9% in valore e dello 0,7% in volume.

A crescere in particolare le vendite dei beni alimentari del +2,2% in valore e del +1,4% in volume, mentre i beni non alimentari sono rimasti quasi del tutto invariati rispetto al periodo di riferimento precedente.

Commercio al dettaglio in Italia: I beni non alimentari nel dettaglio

L’Istat fa notare che i beni non alimentari sono variati in modo eterogeneo tra i gruppi di prodotti. I maggiori aumenti hanno riguardato i prodotti di profumeria e cura della persona (+3,8%), dei mobili e arredamento (+2,2%).

Le flessioni più marcate riguardano i prodotti farmaceutici (-2,7%) e il settore foto-ottica e pellicole e supporti magnetici e strumenti musicali (-1,2%).

Rispetto al mese di novembre 2018, “il valore delle vendite al dettaglio aumenta del 3,3% per la grande distribuzione e diminuisce dell’1,4% per le imprese operanti su piccole superfici. In aumento il commercio elettronico (+4,1%)”, scrive l’Istat analizzando il commercio al dettaglio in Italia.

La produzione industriale in Italia

Nei giorni scorsi l’Istat ha pubblicato anche i dati sulla produzione industriale, rilevando che a novembre 2019 è aumentata del +0,1% rispetto ad ottobre. Se guardiamo al dato trimestrale, la flessione congiunturale è del 0,7%.

Vanno bene i beni strumentali (+0,8%) ed i beni intermedi (+0,7%), ma vanno bale l’energia (-2,1%) ed i beni di consumo (-0,2%).

A crescere di più, ancora, sono il comparto elettronica e informatica (+8,1%), l’industria del legno e della carta e stampa (+7%) e la fabbricazione di prodotti chimici (+2,9%).

Cala decisamente l’industria tessile e l’abbigliamento (-5,4%), il settore della raffinazione del petrolio (-5,3%) e la fabbricazione di prodotti in metallo (-4,9%).

Approfondire ogni comparto per comprenderne le ragioni

Come mai cala l’abbigliamento? E come mai si consuma meno energia? E perché il settore della raffinazione è in calo?

Sono solo dati di periodo? Il calo riguarda solo una situazione di generale difficoltà degli italiani nel consumare o si tratta di una fase di cambiamento, nel modo di consumare degli italiani.

Nel settore dell’energia e del petrolio e suoi derivati, non bisognerebbe ad esempio analizzare la crescente sensibilità degli italiani nei confronti delle tematiche ambientali?

Bisognerebbe tenere conto della presa di coscienza degli italiani, di quanto sia utile abbracciare la rivoluzione green, perché alla lunga fa risparmiare.

Alcuni settori industriali sono destinati al declino e alla scomparsa in questo decennio appena iniziato.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI