Aumentano insolvenze a livello globale: rischi nel 2020 – Report

Aumentano le insolvenze delle imprese a livello globale e il rischio nel 2020 non diminuirà. Coinvolte anche grandi imprese sopra 50mln USD.
Fabio Carbone
insolvenze

Pubblicato oggi il report ‘Global insolvency outlook 2020’ della Euler Hermes del gruppo Allianz. Il documento presenta una sintesi dello stato di salute delle compagnie a livello mondiale e della loro capacità di pagare le fatture.

Nel 2019, scrive il rapporto, “la tendenza al rialzo delle insolvenze commerciali è proseguita nel corso del 2019 (+9%), principalmente a causa della crescita prolungata dei default in Cina (+20%), ma anche per un’inversione di tendenza registrata nell’Europa Occidentale (+2%) e nel Nord America (+3%)”.

Le società hanno quindi problemi crescenti di insolvenza, non riescono a fare fronte al pagamento delle fatture, ma anche a restituire i finanziamenti richiesti. In Cina, questo è diventato un problema che gli analisti già mesi fa hanno sottolineato come allarmante, perché potrebbe innescare una crisi sistemica nel Paese. In Cina, infatti, le banche (pubbliche e private) sono fortemente esposte con le imprese nazionali (statali e private).

Il Global Insolvency Index sale

Il Global Insolvency Index sale nel 2019 allo stesso livello del 2013, anche se resta al di sotto del massimo storico del 2009 (-14% rispetto al massimo storico).

La colpa è anche delle grandi imprese, nel report si legge infatti che:

“Oltre alla crescita delle insolvenze, registriamo un persistente aumento del numero di procedure concorsuali che riguardano le grandi imprese, con un fatturato superiore ai 50 milioni di euro. All’interno di questa categoria, sono 249 le grandi insolvenze, per un totale di oltre 145 miliardi di euro di fatturato cumulato nei primi 9 mesi del 2019. I settori e i Paesi maggiormente colpiti sono l’edilizia in Asia, l’energia e il retail in Nord America e il retail e i servizi in Europa Occidentale”.

Previsioni sulle insolvenze delle imprese nel 2020

Il report fornisce anche una prima stima delle previsioni sulle insolvenze delle imprese nel 2020, e non sono previsioni positive, perché per il “quarto anno consecutivo” le insolvenze delle aziende sono destinate a crescere del +6%.

Cosa causa questa situazione?

Secondo il report a tenere le imprese sotto pressione ci stanno pensando un mix di situazioni negative che riguardano la scarsa crescita economica nei paesi avanzati. Controversie commerciali internazionali e le incertezze politiche in alcune aree geopolitiche non aiutano affatto.

L’Asia il principale driver delle insolvenze

Il report lo scrive chiaramente, attenzione alle insolvenze asiatiche:

“Sempre nel 2020 l’Asia sarà il principale driver per questo aumento delle insolvenze (+8%), in particolare a causa della Cina (+10%) e dell’India (+11%). L’Europa Occidentale assisterà invece a una crescita economica al di sotto della soglia storica con un aumento moderato del numero stabile di insolvenze (+1,7%) nella maggior parte dei Paesi, ma soprattutto in Germania (+3%), Italia (+4%), Spagna (+5%) e Regno Unito (+3%)”.

Le insolvenze si ridurranno invece in Brasile del -3% e saranno pari allo 0% in Francia.

Valutare la situazione prima di investire

Mentre le Borse, al netto dello scenario critico ingenerato dal virus cinese, viaggiano su risultati positivi e incoraggianti, le insolvenze delle imprese vanno tenute d’occhio prima di investire e durante gli investimenti.

Se l’insolvenza dovesse creare problemi sistemici, a crollare sarebbe l’intero mercato finanziario con effetti molto pesanti.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI