Pubblicita'
Pubblicita'

Prezzi Gas Naturale: Mercato Lanciato al Superamento dei 3,00 Dollari, Proiezioni Long

Da:
Federico Dalla Bona
Pubblicato: Sep 29, 2023, 22:25 GMT+00:00

Il Gas Naturale quotato negli USA sta caricando la molla in preparazione alla rottura delle resistenze. Occasioni tecniche da seguire Long.

Prezzi Gas Naturale: Mercato Lanciato al Superamento dei 3,00 Dollari, Proiezioni Long

In questo articolo:

I prezzi del gas naturale, quotato in dollari al Nymex, hanno toccato quest’oggi nuovi massimi relativi a quota 2.997, sui livelli più alti da agosto. Ricordiamo che, a partire da febbraio di quest’anno, solo in due occasioni le quotazioni del gas sono riuscite a portarsi oltre alla delicata linea (anche psicologica) dei 3.000 dollari. È accaduto il 3 marzo ed il 9 agosto scorsi.

In questa fase, il mercato appare tecnicamente lanciato al test pieno di tale soglia tecnica, superata la quale si aprirebbero spazi in prima istanza per un ulteriore allungo fino a 3.250. Quando sono le 19:52 di venerdì 29 settembre, il contratto future Natural Gas con scadenza a Novembre viene passato di mano a 2.948 dollari, in guadagno del +0.14% su base giornaliera.

USA Comandano Le Esportazioni di LNG

I flussi di gas verso l’impianto di esportazione di gas naturale liquefatto di Cheniere Energy, a Corpus Christi in Texas, sono stati ridotti oggi per il quinto giorno consecutivo, secondo i dati forniti da LSEG. Cheniere è il più grande produttore ed esportatore statunitense di LNG, ma da lunedì scorso l’ingresso di gas di alimentazione presso il suo impianto in Texas è stato in media inferiore a 1.6 miliardi di piedi cubi al giorno (bcfd), rispetto alla cifra abituale di 2.2 bcfd, sempre secondo i dati LSEG.

Cheniere Energy non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. La riduzione dell’ingresso di gas a Corpus Christi, oltre alla manutenzione negli impianti di Cove Point di Berkshire Hathaway Energy nel Maryland, non hanno influito sull’ingresso complessivo di gas. Altri produttori di LNG hanno infatti aumentato il loro consumo di gas, secondo i dati LSEG. L’utilizzo di gas presso i sette grandi impianti di esportazione di LNG statunitensi è salito a una media di 12.6 bcfd a settembre, rispetto ai 12.3 bcfd di agosto. Secondo i dati LSEG, questo dato si confronta con il record mensile di 14 bcfd registrato ad aprile.

Nei primi sei mesi di quest’anno, gli Stati Uniti hanno riconquistato la corona di maggiore esportatore di LNG al mondo, secondo i dati della U.S. Energy Information Agency, superando Australia e Qatar. I futures sul gas naturale statunitense sono rimasti invariati oggi, poiché le previsioni di un clima più mite e di una minore domanda per la prossima settimana hanno compensato una riduzione rialzista della produzione, esportazioni record verso il Messico e un aumento della quantità di gas che affluisce agli impianti di esportazione di gas naturale liquefatto (GNL) statunitensi.

Quadro Tecnico per il Future Natural Gas

Su grafico a scansione intraday, con barre da 30 minuti, possiamo localizzare con maggiore precisione l’attuale posizionamento dei livelli tecnici, validi almeno fino a lunedì prossimo compreso. Ci interessa in particolare rintracciare i supporti, in quanto siamo in presenza di un segnale rialzista già attivo.

Tali livelli sono posti adesso a 2.887/895 e 2.816/824. Entrambi i supporti costituiranno punti di probabile reazione in caso di arretramenti. Lo scenario prevede un allungo fino a 3.027 e successivamente fino a 3.066, attuale obiettivo principale. Da un punto di vista della convenienza teorica tra rischio/beneficio, sarebbe preferibile intervenire long solo su nuovi riavvicinamenti almeno al primo supporto, in ogni caso da rilevazioni non superiori a 2.912.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

Sull'Autore

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'