Pubblicita'
Pubblicita'

Indici di Wall Street: si Cercano Ulteriori Guadagni per Rimanere in Scia

Da:
Flavio Ferrara

Gli indici di Wall Street cercano ulteriori posizioni rialzista per rimanere in scia del momentum rialzista, con il Dow Jones che è riuscito ad aggiornare i massimi annuali. Ne manca solo uno.

DOW Depositphotos_179061572_s-2022

In questo articolo:

Tra gli indici di Wall Street, il Dow Jones riporta le notizie migliori.

Grafico settimanale Dow Jones

Il rally iniziato 5 settimane prima ha portato prima al pieno recupero delle perdite, e successivamente ad aggiornare il nuovo massimo annuale. ​I massimi di luglio a 35.679,13 punti sono stati spazzati via, così come il livello annuale dei 35.792,43 punti. Ora, una chiusura sopra il livello annuale porterebbe il Dow Jones ad essere più ambizioso e a tentare l’assalto al successivo livello annuale dei 36.679,44 punti, zona dei massimi storici.

Per il momento ogni speranza di un passo indietro risulta difficile, con pochi segnali che suggeriscono una chiusura sotto il livello annuale, l’unico input per iniziare un movimento correttivo short, che avrà come primo obiettivo il raggiungimento del livello annuale dei 35.069,18 punti.

Indici di Wall Street: il Nasdaq inizia a sentire la pressione dei 16.000 punti

Grafico settimanale Nasdaq

Il Nasdaq non è riuscito a posizionarsi in maniera netta sopra i 16.000 punti, lasciando agli orsi le redini del gioco. Ciononostante, una visione ribassista (di breve termine) è confermata solamente da una chiusura settimanale sotto i 15.760 punti, al di sotto dell’ultima zona dei massimi relativi, con il primo obiettivo rappresentato dal livello annuale dei 15.214,20 punti.

Al rialzo, l’input decisivo è ovviamente una chiusura settimanale sopra i 16.000 punti, il quale aprirebbe uno scenario che vede il Nasdaq raggiungere in poche settimane la zona dei massimi storici nei pressi del livello annuale dei 16.513,87 punti.

Indici di Wall Street: settimana timida dell’S&P 500, ma il rialzo tiene

Grafico settimanale S&P 500

L’S&P 500 rimane l’unico indice statunitense a non aver aggiornato i propri massimi annuali. Ciononostante, il momentum principale rimane ancora rialzista. La seduta di giovedì ha portato ad un primo approccio nel raggiungere il livello chiave dei 4.600 punti (obiettivo di brevissimo termine), il quale segna come il supporto chiave che permetterà all’S&P 500 prima di raggiungere e successivamente di superare il massimo annuale a 4.607,07 punti. Superato il massimo annuale, i tori dell’indice probabilmente si recheranno verso il prossimo obiettivo rappresentato dal massimo di fine marzo 2022 a 4.637,30 punti.

Al ribasso, una correzione verrà confermata solamente da una chiusura settimanale sotto i 4.535 punti, con il livello chiave dei 4.500 punti come primo obiettivo di breve/medio termine.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

Sull'Autore

Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'