Pubblicita'
Pubblicita'

Indici di Wall Street: l’Azionario USA si Prende una Pausa?

Da:
Flavio Ferrara

Altra settimana positiva per gli indici di Wall Street, i quali sembrano vogliano prendersi una pausa dopo aver chiuso in territorio positivo per la terza settimana consecutiva.

Nasdaq depositphoto

In questo articolo:

Tra gli indici di Wall Street, il Nasdaq ha lo scenario più interessante. L’indice tecnologico sta iniziando a flirtare con i massimi annuali, suggerendo che ci sono buone possibilità per un aggiornamento di esso e magari raggiungere i tanto agognati 16.000 punti.

Grafico settimanale Nasdaq

Il rally del 12% del Nasdaq rispetto al minimo di fine ottobre ha portato l’indice tecnologico al massimo di luglio, il che potrebbe vanificare la continuazione dell’avanzamento in vista del fine settimana tra le prese di profitto e mentre il deciso passo indietro delle azioni del più grande rivenditore statunitense, Walmart.

Manca veramente poco al raggiungimento del massimo annuale a 15.932,05 punti e di conseguenza anche molto vicino al livello psicologico dei 16.000 punti. Un consolidamento sopra di esso porterebbe i tori a mettere nel mirino, nel lungo termine, la zona dei massimi storici intorno ai 16.750 punti. Viceversa, gli orsi rientreranno in scena solamente con una chiusura sotto i 15.500 punti, con il livello psicologico dei 15.000 punti come possibile target di breve/medio termine.

Indici di Wall Street: il Dow Jones vicino a toccare l’obiettivo di breve termine

Grafico settimanale Dow Jones

Il Dow Jones ha quasi raggiunto l’obiettivo che i tori ad inizio settimana avevano posto, ossia il livello annuale dei 35.069,18 punti, entrando in zona di una possibile definitiva inversione di tendenza, considerando che il suddetto livello annuale è una zona con una forte presenza di orsi, i quali a marzo 2022 ha portato ad una forte discesa: oltre -12,60% in poco meno di 50 giorni.

Per questo motivo gli investitori del Dow Jones tengono gli occhi aperti, poiché un consolidamento sopra di esso potrebbe aprire le porte all’avvio definitivo del movimento rialzista, col prossimo obiettivo rappresentato dal livello annuale dei 35.792,43 punti. Viceversa, un rimbalzo short suggerirebbe un probabile inizio di un nuovo movimento ribassista che ha come primo obiettivo il precedente livello annuale dei 34.073 punti.

Indici di Wall Street: l’S&P 500 cerca di chiudere sopra i 4.500 punti

Grafico settimanale S&P 500

I tori dell’S&P 500 stanno cercando in tutti i modi di chiudere la settimana sopra i 4.500 punti per non vanificare tutto il lavoro delle ultime tre settimane, che ha portato l’indice a invertire (quasi) totalmente il momentum dominante.

Difatti, una chiusura sotto di esso potrebbe portare ad una presa di profitto da parte degli investitori, portando ad un momentaneo “sgonfiamento” del trend long che potrebbe dare il via ad un movimento correttivo short che avrà come obiettivi il supporto 4.450 punti ma soprattutto il livello chiave dei 4.400 punti. Viceversa, una chiusura sopra i 4.500 punti darebbe quello slancio necessario all’S&P 500 di continuare il movimento rialzista per raggiungere la zona di swing ribassista in area 4.550 punti prima e la seconda area di swing dei 4.600 punti poi.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

Sull'Autore

Da sempre interessato alla finanza, ha dedicato gli studi nell'analisi tecno-grafica e nell'analisi fondamentale dei Mercati Finanziari.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicita'