FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
18,920,452Confermati
709,260morti
12,076,833Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Bob Mason

Oggi, in precedenza:

Il discorso di Donald Trump alle Nazioni Unite ha fatto poco ai mercati durante la sessione degli Stati Uniti e in seguito ai mercati asiatici, con i mercati in balia della decisione monetaria del FOMC di questo pomeriggio e al rilascio delle proiezioni economiche.

Oggi, in precedenza, i dati macroeconomici chiave durante la sessione asiatica erano poco importanti, limitati ai dati sui conti correnti del secondo trimestre dalla Nuova Zelanda, che erano migliori di quanto previsto, con un calo del deficit di conto corrente su base annua, per il dollaro australiano.

I dati commerciali dal Giappone sono stati positivi, con un aumento del 18,1% delle esportazioni che portano nuovamente ad un surplus commerciale, essendo stato in deficit un anno prima. Le importazioni sono aumentate del 15,2%, l’incremento attribuito ai crescenti costi per il carbone, il gas naturale e il greggio, lo Yen è in ribasso del 7,3% rispetto al mese di agosto dello scorso anno.

Martedì, i dati positivi e il record dei guadagni sui mercati azionari statunitensi, creano una voglia per i mercati azionari, con ASX200 in perdita solo il giorno, anche se i guadagni erano certamente silenziati in vista degli annunci del FOMC di questo pomeriggio.

Il sentimento misto durante la sessione ha visto il Dollaro in ribasso dello 0,14% a 111,743¥ al momento della scrittura, mentre il Dollaro australiano (+ 0,55%) e Aussie (+ 0,35%) hanno guadagnato fortemente durante la sessione asiatica, con la volatilità per il Kiwi che dovrebbe continuare fino al risultato elettorale di lunedì.

Per il resto della giornata:

È un grande giorno per i mercati e per la sterlina e in particolare per il dollaro, con i dati sulle vendite al dettaglio di agosto della Gran Bretagna in programma per questa mattina.

La Sterlina aveva rotto all’inizio della settimana, dopo un commento meno “falco” di quanto anticipato dal governatore della BoE davanti al FMI, con le prospettive di un innalzamento del tasso a breve termine ora considerato scontato. La realtà resta comunque che se la BoE facesse la sua mossa nel mese di novembre e il ritmo della normalizzazione della politica monetaria in seguito sarà in ultima analisi dipendente dai dati.

Questa mattina, i dati sulle vendite al dettaglio saranno la prima serie di statistiche dalla Gran Bretagns dal momento che la commissione della politica monetaria ha guidato in avanti alla riunione della scorsa settimana e ci aspettiamo che la sterlina sia particolarmente sensibile a questi dati. Qualsiasi cosa in linea con o meglio della previsione sarà probabilmente considerata abbastanza buona per consentire ai mercati di continuare a determinare i prezzi, ma per permettere alla sterlina guadagni considerevoli, le vendite dovranno impressionare.

Al momento della scrittura, la sterlina è aumentata dello 0,08% a 1,3514 dollari

Una volta che i numeri saranno usciti, l’attenzione si sposterà oltreoceano verso il dollaro, con dell’incertezza su quello che arriverà dalla riunione FOMC.

Le proiezioni economiche consentiranno ai mercati di fornire un’affidabile indicazione nel caso si verifichi un 3 aumento del tasso prima della fine dell’anno, mentre ci sono anche aspettative che la FED inizia a vendere lo stato patrimoniale. Gli uragani Harvey e Irma hanno probabilmente confuso le acque e su come il comitato progetta l’economia attraverso il trimestre finale e il primo trimestre del prossimo anno, che saranno particolarmente influenti sulle prospettive dei tassi. Il membro Dudley aveva detto che gli uragani non avrebbero avuta alcuna influenza sulla politica monetaria, ma le colombe potrebbero avere qualcosa da dire su una prospettiva così ottimista.

La buona notizia è stata che l’inflazione di agosto è aumentata, mentre le cattive notizie sono state le vendite al dettaglio deludenti rilasciate venerdì scorso. Le statistiche dagli Stati Uniti in vista della decisione di politica monetaria di questa settimana, probabilmente non influenzeranno e ci si può aspettare dell’agitazione prima degli annunci.

L’indice Dollar Spot è sceso allo 0,01% a 91,781 al momento del rapporto, con il sentimento di mercato sulla decisione del FOMC di questo pomeriggio e sulla prospettiva dei fattori chiave durante la prima parte della giornata, l’incertezza che è sulla prospettiva della FED sui tassi di interesse per il resto di quest’anno e per il prossimo anno.

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio