Il rally asiatico e il dollaro si ammorbidiscono, con i dati sull’occupazione della Gran Bretagna che mantengono la sterlina sotto i riflettori

    mese scorsoDaBob Mason

    Oggi, in precedenza:

    Le azioni asiatiche sono state richieste sul lato più debole durante la sessione di questa mattina, con i guadagni nel Nikkei meno importanti dell’inizio della settimana e il Hang Seng e ASX200 in rosso al momento del rilascio del rapporto.

    La debolezza si avverte nonostante tutti i tre principali indici statunitensi chiudano ad alti livelli, registrati nello stesso giorno per la prima volta in 6 settimane, con notizie di Apple che pesano sul settore tecnologico in Asia e commenti da parte dei nordcoreani sulle loro intenzioni di accelerare il programma nucleare per essere in grado di colpire il suolo americano, certamente, non guiderà l’appetito per il rischio di mercato per un terzo giorno consecutivo.

    A rendere le cose peggiori, gli USA hanno avvertito la Cina di possibili sanzioni se il governo cinese non rispettasse le ultime sanzioni delle Nazioni Unite che sono state trasmesse lunedì, il rapporto tra le due superpotenze globali certamente si è deteriorato.

    Al momento del rilascio del rapporto, il dollaro è sceso dello 0,04% contro lo yen a 110,13¥, recuperando da un minimo intraday a 109,98¥, con i mercati che cercheranno di capire se i coreani nord risponderanno con parole o con fatti nei prossimi giorni.

    Sul fronte dei dati, la fiducia dei consumatori australiani ha ripreso in base ai dati dell’indice sul sentimento dei consumatori di Westpac di settembre di questa mattina, fornendo all’AUD un supporto dopo due giorni consecutivi di perdite, anche se il destino della valuta australiana durante la settimana sarà deciso dai dati sull’occupazione di domani per il mese di agosto. Anche i dati sulla produzione del terzo trimestre del Giappone sono stati ottimisti rispetto ai dati sulla produzione industriale di luglio, anche se le statistiche hanno avuto un piccolo impatto sullo yen al momento del rilascio.

    Per il resto della giornata:

    Per il resto della giornata, l’attenzione rimane sulla sterlina con l’indice sui salari medi compresi bonus per il mese di luglio e i dati sui rinnovi dei sussidi di disoccupazione di agosto di questa mattina. Abbiamo visto la sterlina effettuare un rally a 1,33 dollari a seguito dell’impennata dell’inflazione di agosto, secondo le cifre rilasciate martedì, che arriva prima della decisione di politica monetaria di BoE di domani.

    Il mese scorso abbiamo visto la BoE prendere una posizione più accomodante sulla politica, con il primo innalzamento del tasso che è previsto per il terzo trimestre del prossimo anno. Il governatore della BoE Carney è stato piuttosto chiaro sulle sue preoccupazioni sul superamento dell’obbiettivo di inflazione del 2% della BoE per un lungo periodo di tempo. I dati di martedì insieme all’aumento dell’inflazione sui prezzi all’ingrosso suggeriscono che la BoE potrebbe avere bisogno di una posizione più aggressiva sulla politica, sostenuta da alcune statistiche relativamente positive dalla Gran Bretagna della scorsa settimana.

    I dati occupazionali di questa mattina forniranno ai mercati ulteriori prove sul fatto che il BoE avrà bisogno di spostare la sua prospettiva, un dato debole sui rinnovi di sussidi di disoccupazione e un aumento della crescita salariale vedrà probabilmente la sterlina fare un ulteriore passo avanti rispetto alle vendite al dettaglio di domani e alla decisione sulla politica monetaria.

    Al rilascio del rapporto, la sterlina è aumentata dello 0,2% rispetto al dollaro a 1,33102 dollari, se i dati fossero forti la sterlina potrebbe guadagnare un ulteriore 0.5%, anche se con Brexit che incombe, ci aspettiamo che la sterlina sia limita.

    Mentre l’attenzione è stata sulla sterlina questa mattina, le statistiche dell’Eurozona hanno compreso i dati dell’inflazione di agosto di Germania e Spagna, che erano in linea con i dati preliminari, il rapporto sulla produzione industriale della zona euro per il mese di luglio che dovrebbe essere rilasciato più tardi, che potrebbe pesare sull’Euro durante la sessione statunitense, dopo i deludenti dati della scorsa settimana della Germania.

    Al momento del rilascio del rapporto, l’EUR è salito dello 0,05% a 1,19731$, con statistiche dagli Stati Uniti di questo pomeriggio limitate ai dati sull’indice dei prezzi del produttore di agosto, che probabilmente saranno positivi per il dollaro, anche se ci aspettiamo che i mercati si fermino sui dati sull’inflazione di domani e sull’importante giornata alla fine della settimana, che comprenderà i dati sulle vendita al dettaglio di agosto.

    L’indice Dollar Spot è sceso dello 0.08% a 91.806 al momento del rilascio del rapporto, con una certa debolezza dell’EUR che dovrebbe fornire un supporto necessario per il dollaro durante le sessioni europee e americane.

    Favorites

    SimboloUltimo prezzoVariazioneGrafico

    Quotazioni Live

    Top Promotions
    Top Brokers

    FX Empire - la società, i dipendenti, le società sussidiarie e i soci non sono da ritenersi responsabili né individualmente né congiuntamente rispetto a ogni eventuale perdita o danno derivante dall'utilizzo delle informazioni fornite da questo sito. I dati contenuti in questo sito non sono necessariamente forniti in tempo reale né sono necessariamente corretti.
    FX Empire potrebbe ricevere un compenso da parte delle società presentate sul network.

    Tutti i prezzi qui presenti sono forniti da intermediari finanziari (market maker) e non fanno direttamente riferimento alle borse. Per questo motivo le quotazioni potrebbero non essere accurate e potrebbero discostarsi dal prezzo di mercato effettivo. FX Empire non assume su di sé responsabilità alcuna rispetto a eventuali perdite derivanti dall'utilizzo dei dati forniti.