Debito italiano nuovo record: +14 miliardi ad aprile

Il Debito italiano segna nuovo record storico, sale di 14 miliardi ad aprile. Lo certifica la Banca d’Italia nel rapporto mensile sul fabbisogno delle P.A.
Fabio Carbone
Debito italiano

Nuovo record per il debito italiano che ad aprile 2019 sale di ulteriori 14 miliardi di euro rispetto al mese di marzo 2019.

Le pubbliche amministrazioni spendono di più e, secondo il resoconto di Banca d’Italia “Finanza pubblica, fabbisogno e debito”, l’aumento è dovuto al fabbisogno del mese che è salito di 2,8 miliardi di euro, ma anche alle disponibilità liquide del Tesoro salite a 11,6 miliardi di euro.

Da segnalare anche l’aumento delle entrate tributarie contabilizzate ad aprile nel bilancio dello Stato, che sono state pari a 30,4 miliardi di euro, e cioè in aumento del +1,3% (0,4 miliardi di euro) rispetto al medesimo periodo dell’anno 2018.

Calcolando le entrate tributarie dei primi quattro mesi del 2019, esse sono state pari a 122,5 miliardi di euro, ovvero in aumento dello 0,7% (+ 0,9 miliardi di euro) rispetto ai primi quattro mesi del 2018.

Leggi la guida al Debito pubblico italiano.

Come si calcola il debito italiano delle pubbliche amministrazioni

La Banca d’Italia è incaricata dalle normative italiane a fare i calcoli mensili sul debito italiano delle pubbliche amministrazioni, tenendo conto delle regole statistiche fissate in Europa (cosiddetto “debito di Maastricht”).

Il debito è calcolato sommando le passività finanziarie del settore, che riguardano le seguenti categorie:

  • monete e depositi;
  • titoli diversi dalle azioni, prestiti;

Spetta invece all’Istat compilare l’elenco delle unità istituzionali da considerare Amministrazioni Pubbliche, tale elenco viene aggiornato ogni anno.

I grafici qui sotto riportati fotografano lo stato del debito delle P.A., chi detiene il debito delle P.A., il fabbisogno delle P.A. negli ultimi 12 mesi.

Andamento dello spread Btp Italia – Bund a 10 anni di oggi

Nonostante la notizia del debito italiano in aumento, lo spettro di una procedura d’infrazione contro l’Italia proprio per debito eccessivo, l’andamento dello spread Btp Italia – Bund a 10 anni resta sui 255 punti base e in lievissimo calo in apertura di giornata.

Secondo l’analisi riportata da Il Sole 24 Ore, il differenziale Btp – Bund potrebbe scendere ancora nei prossimi giorni e settimane anche a 230 punti.

Vari i fattori che giocherebbero a favore dei nostri titoli di Stato, tra cui il basso rendimento dei titoli di altri Paesi europei come la Spagna, il Portogallo e la Germania dove acquistare il bund significa avere un tasso di rendimento negativo del -0,26%.

I fondi comuni, poi, starebbero ribilanciando il portfolio acquistando maggiori titoli italiani proprio perché rendono di più rispetto a quelli di altri Paesi.

Insomma, la domanda supera l’offerta e i rendimenti dei Btp scendono, di conseguenza scende lo spread.

Non sarà una buona notizia per l’investitore, ma lo è per il sistema Paese che continua ad avere un debito eccessivo.

Potrebbe interessare: come funziona procedura UE su debito eccessivo Italia.

Primi segnali di giornata dalla Borsa di Milano: andamento FTSE MIB

Il FTSE MIB parte in calo alla Borsa di Milano. In apertura (ore 9 e 15 minuti), perde lo 0,52% a 20.519,58 punti base (-106,35 punti).

Per quanto riguarda gli appuntamenti di oggi, l’Istat pubblicherà il rapporto La povertà in Italia nel 2018, mentre il FOMC inizia la riunione di politica monetaria. L’ACEA, invece, pubblica i dati sulle immatricolazioni di automobili in Europa nel mese di maggio.

Da segnalare anche l’Assemblea Confartigianato con la relazione del presidente Giorgio Merletti. All’assemblea parteciperà anche il ministro del Lavoro Luigi Di Maio e il ministro dell’Interno Matteo Salvini di rientro dal viaggio negli Stati Uniti d’America.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI