Guida agli indici asiatici: Nikkei, Topix, SSE, SZSE, Hang Seng, Kospi

La guida agli indici asiatici che ti aiuta a scoprire gli indici Nikkei, Topix, SSE, SZSE, Hang Seng, Kospi e tanti altri ancora. Prima di investire in Asia, non puoi non conoscerli.
Indici asiatici

Vorresti investire sugli indici asiatici ma non hai molte informazioni su questi tipi di indici. Bene, in questa guida agli indici asiatici scoprirai il Nikkei 225, i Topix, SSE, SZSE, Hang Seng, Kospi e molti altri.

Di seguito dedichiamo un paragrafo a ciascun indice con le informazioni principali, è lo stesso metodo che abbiamo utilizzato per presentarti gli indici europei DEX 30, CAC 40 IBEX 35, BEL 20. Ricordiamo anche le altre guide agli indici S&P, Dow Jones, Russell e Nasdaq, ma anche gli indici FTSE tra cui il FTSE MIB.

Ed ora dedichiamoci agli indici delle borse asiatiche ed alle rispettive caratteristiche.

Indice Nikkei 225. Borsa di Tokyo

L’indice Nikkei 225 è il principale indice della Borsa di Tokyo, esso comprende le prime 225 società quotate in borsa per capitalizzazione di mercato.

Le quotazioni giornaliere vengono calcolate giornalmente dal quotidiano economico nipponico Nihon Keizai Shinbun (nikkei.com) sin dal 1971. L’unità monetaria di base è lo yen, mentre la composizione dell’indice viene ricalcolata ogni anno.

La storia dell’indice parte poco dopo la fine della seconda guerra mondiale, il 16 maggio 1949. L’indice raggiunse il suo massimo storico il 29 dicembre 1989 durante la bolla speculativa giapponese: il Nikkei toccò quota 38.957,44 punti. L’indice non ha mai più raggiunto quei livelli, all’opposto nel 2003 e nel 2009 toccò i livelli più bassi a 7.000 punti, mentre al momento è sopra i 20.000 punti.

Fanno parte dell’indice in modo trasversale tutti i settori: alimentare, automotive, estrazione, costruzione, bancario, petrolifero, comunicazioni, ecc.

Dal 2010 l’indice Nikkei 225 è calcolato ogni 15 secondi. Esistono altri indici Nikkei come il Nikkei400 e il Nikkei Mid Small.

Indice Topix. Borsa di Tokyo

L’indice Topix, Tokyo Price Index, è un indice metrico basato sulla capitalizzazione di mercato che tiene traccia dei prezzi di tutte le azioni ordinarie nazionali elencate nella prima sezione del TSE alla Borsa di Tokyo.

La capitalizzazione di mercato attuale tiene conto della base di partenza fissata a 100 il 4 gennaio 1968. Il calcolo ufficiale parte però l’1 luglio 1969 ed oggi il calcolo dell’indice Topix avviene in tempo reale con aggiornamento al secondo.

L’indice si divide in 33 categorie tra cui: le costruzioni, tessile, macchinari, assicurazioni, bancario, trasporti, immobiliare, agricolo, ecc.

Oggi bisogna parlare di indici Topix, dal momento che ne esiste un’ampia varietà per così dire:

Topix 100; Topix Core30; Topix Mid400; Topix Small500; Topix Small 1 e 2; Topix Large 70.

Maggiori informazioni in lingua inglese sul sito del Japan Exchange Group che gestisce gli indici Topix e la Borsa di Tokyo.

Indice SSE Composite. Borsa di Shanghai

L’indice SSE Composite è il principale indice della Borsa di Shanghai. SSE è l’acronimo delle parole Shanghai Stock Exchange.

In realtà bisogna parlare di indici SSE, essi infatti sono ben 75 di cui:

  • 69 sono indici azionari;
  • 5 indici obbligazionari;
  • 1 indice di fondi.

La serie di indici SSE nasceva il 19 dicembre 1990 e tiene conto della capitalizzazione di mercato su base giornaliera delle azioni quotate, partendo da una base di 100 punti. La prima pubblicazione è avvenuta il 15 luglio 1991 e da allora rappresenta l’indice più importante per prendere il polso alle compagnie cinesi quotate in borsa.

L’indice originariamente si chiamava SSE 30, da giugno 2002 è stato ristrutturato e rinominato in SSE 180 Index per tenere conto delle prime 180 società quotate alla Borsa di Shanghai. Una revisione necessaria, dato che l’economia cinese e le sue società sono letteralmente esplose negli ultimi trenta anni.

L’indice SSE 50 è un’altra derivazione nata nel 2002 e include solo le prime 50 società più grandi, con la liquidità più elevata. Per intenderci, questo indice include le società cinesi più importanti anche a livello globale.

Molto importanti sono anche l’indice SSE 380, il SSE Mega-cap,SSE Mid-cap SSE Small-cap e le composizioni di questi ultimi tre (Mega-cap + Mid-cap + Small-cap).

Indice SZSE Component. Borsa di Shenzhen

L’indice SZSE prende il nome dalla Borsa di Shenzhen, la seconda della Cina dopo Shanghai ed una delle principali borse mondiali. L’indice è nato il 3 aprile 1991 con una base di 100 punti.

Lo Shenzhen Stock Exchange Index 100 tiene conto delle prime cento società quotate presso l’omonima Borsa cinese. Esso traccia le performance giornaliere della azioni A (quotate in renminbi, yan) e le azioni B (quotate in dollari americani).

La Borsa di Shenzhen può contare su 166 indici, costituiti nel corso degli anni per rispondere a varie esigenze degli investitori. Accanto all’indice SZSE Composite, troviamo anche:

  • SZSE A Share Index: 3 aprile 1991;
  • SZSE B Share Index: 28 febbraio 1991;
  • Agriculture Index: 3 aprile 1991;
  • Mining Index: 3 aprile 1991;
  • Manifacturing Index: come sopra;
  • Construction Index: come sopra.

La lista completa degli indici SZSE è reperibile dal sito della Borsa di Shenzhen (in lingua inglese).

Indice Hang Seng. Borsa di Hong Kong

L’indice Hang Seng è un indice azionario della Borsa di Hong Kong, quest’ultima è la terza Borsa della Cina.

L’Hang Seng Index (HSI) nasceva il 24 novembre 1969 ed è ancora oggi l’indice rappresentativo della Borsa di Hong Kong. La base dati dell’indice fa riferimento al 31 luglio 1964 e parte da 100 punti. Per quanto riguarda la revisione dell’indice essa avviene trimestralmente, mentre il valore è aggiornato ogni due secondi. La valuta dell’indice è il dollaro di Hong Kong (HKD).

L’indice include società quotate di quattro settori: finanziario, commercio, utilità, proprietà.

I titoli azionari inclusi sono i più scambiati tra quelli listati ad Hong Kong.

Sono disponibili altri quattro sotto indici:

  1. HSI – Finance.
  2. HSI – Utilities.
  3. HSI – Properties.
  4. HSI – Commerce & Industry.

Maggiori informazioni sul sito Hang Seng Indexes.

Indice Kospi. Borsa di Seoul

L’indice Kospi, Korea Composite Stock Price Index, è l’indice azionario della Borsa di Seoul in Corea del Sud.

Varato nel 1983 con un valore di base di partenza di 100 punti e con riferimento al 4 gennaio 1980. Il calcolo dell’indice KOSPI si basa sul metodo della capitalizzazione di mercato. L’indice ha sostituito il Dow-style KCSPI (Korea Composite Stock Price Index) nel 1983.

Nel 1989 l’indice superava per la prima volta i 1.000 punti e il 24 luglio 2007 superava i 2.000 punti, dove ancora oggi lo troviamo. Da annotare il cambio di nome avvenuto nel mese di novembre del 2005 in Koseupi jisu.

Esistono vari indici Kospi, tra cui:

  • Kospi 200;
  • Kospi 100;
  • Kospi 50;
  • Kospi IT;
  • KRX 100;
  • Kosdaq Composite.

Per maggiori informazioni e opportunità di investimento nel mercato sudcoreano, fare riferimento al sito web del Korea Exchange.

Concludendo

La lista degli indici asiatici si conclude qui per ragioni di spazio, ma è ben più lunga comprendendo:

E tante altre ancora.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI