Libra e Fintech: La Banca dei Regolamenti Internazionali prende posizione –parte prima-

Una panoramica sulle criptovalute e sulle loro prospettive a livello bancario
Lorenzo Cuzzani
Investire criptovalute Bitcoin

Nei giorni precedenti riportavamo il novero di soggetti che per un motivo o per l’altro mettessero in dubbio la legittimità, la fattualità, l’opportunità di Libra.

Tra gli altri, facevamo anche menzione della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), la banca centrale delle banche centrali che espleta funzione di cooperazione tra gli enti centrali e si pone come agente o mandataria nei pagamenti internazionali che le sono affidati.

Risulta interessante approfondire proprio il contributo della BRI in riferimento alla delicata vicenda della cripto di Facebook, analizzando una disamina tecnica fornita dall’organizzazione internazionale con sede a Basilea, che approfondisce sia le prospettive, sia le criticità.

Per dovere di cronaca è opportuno chiarire che la BRI non richiama espressamente Libra (se non a fine documento), ma trattando nel dettaglio l’argomento big tech con riferimento successivo all’universo criptovalutario, appare quasi diretto il riferimento al progetto dei 29 promotori.

Prendendo le mosse dal concreto sviluppo del mondo bancario, si focalizza l’attenzione sull’orientamento sempre più digitale che questo seguirà, per non dire che una simile direzione non sia già stata presa.

In un contesto del genere, Libra sembra quasi un punto sia d’arrivo sia di partenza.

S’inserisce perfettamente nel contenuto del report “Opportunità e rischi”, studio che vuole sottolineare come il comparto big tech a completamento del settore finanziario sia un passaggio non indifferente anche per il conglomerato bancario nel suo complesso, volano di sinergie importanti che arricchirebbero la sistematica delle transazioni.

D’altra parte, non manca un ammonimento riguardo una vocazione “predatoria” dell’evo tecnologico, intrinseca nella strumentazione sempre più all’avanguardia ed estrinsecata in una minaccia per l’utenza che può essere scongiurata solamente grazie a una seria ed efficiente regolamentazione che disciplini nel dettaglio i servizi digitali forniti dalle banche.

L’avvertimento di cui sopra è da inquadrarsi nella premessa strutturale operata riguardo il funzionamento della fintech.

Le criptovalute si fondano su un tessuto di dati che oggi costituiscono il bene primario per ogni tipo di settore: le informazioni.

Senza tirare in ballo esempi sotto gli occhi di tutti (Cambridge Analytica è solo il più eclatante), è chiaro come le informazioni siano un bene davvero indispensabile per raggiungere qualunque tipo di risultato. Questo impreziosisce l’attività di provider vari, social network e chi più ne ha più ne metta.

Il tutto porta a comprendere la portata dei big data che pongono le grandi aziende di settore in una posizione di supremazia, avvantaggiandosi dell’elevata scalabilità di questi dati che possono essere usati per offrire nuovi servizi nell’alveo del settore finanziario.

Il problema che qui si pone è la tutela del consumatore e non solo, dal momento che chiamando in causa il risparmio e i suoi derivati, si entra in un ambito in cui la solidità dei conti e la rispettiva sicurezza siano elementi fondanti e fondamentali per garantire una corretta pratica di gestione.

Per questo motivo la Banca Centrale dei Regolamenti ammonisce sul rischio del “codice sorgente” attraverso cui tutta la tecnofinanza si basa, enucleando tale fattore come rischioso e non propriamente adatto a conformarsi con il mondo bancario, seppur non escluda una certa complementarità che si fondi su un’implementazione tecnologica.

Un’ottimizzazione che sicuramente non può arrivare in tempi brevi.

Domani approfondiremo questa complementarità senza dimenticare i rischi specifici insiti in una operazione del genere.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI