Criptovalute: le Isole Marshall e la criptovaluta nazionale –parte seconda-

L’arcipelago insulare del Pacifico lotta per istituire la propria criptovaluta nazionale
Lorenzo Cuzzani

Illustravamo ieri il contesto in cui versa l’arcipelago delle isole del Pacifico.

La trattazione di oggi ha riguardo un approfondimento sulle motivazioni che vedono le Isole Marshall convinte di lanciare la propria cripto, contrariamente a quanto sostenuto dalla comunità internazionale.

Come già accennato, le critiche più aspre giungono dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d’America (USDT) e dal Fondo Monetario Internazionale (FMI).

I due enti si dicono convinti che una siffatta scelta non sia in linea con un orizzonte di opportunità geopolitica, oltre a mettere a repentaglio il sistema paese.

A tal riguardo, non sono mancati avvisi dal tenore perentorio. Il Fondo Monetario Internazionale ha intimato alle Isole Marshall che il lancio della propria criptovaluta avrebbe comportato l’interruzione di aiuti internazionali, non più compatibili con un regime monetario alternativo.

L’elevata indipendenza che raggiungerebbe (e raggiungerà) il complesso di isole oceaniche costituirebbe un elemento di rottura con il benessere della popolazione e significherebbe il raggiungimento di una soglia di rischio inaccettabile.

Questo, almeno, secondo il FMI, che illustra il proprio punto: “L’emissione di una valuta digitale decentralizzata come seconda valuta avente corso legale incrementerebbe i rischi sia macroeconomici sia d’integrità finanziaria ed eleverebbe il rischio di perdere l’ultimo contatto con il dollaro statunitense e il corrispettivo contatto con una banca americana”.

Da quanto emerso sopra si evince la preoccupazione dell’organismo di Washington che le isole possano isolarsi e trovarsi nella condizione di poter contare solo sulla propria banca nazionale.

Il timore appena espresso non è da sottovalutare, specie nella situazione di catastrofe ambientale che caratterizza le Marshall.

D’altra parte, se l’impossibilità di reperimento fondi (taglio effettuato ad hoc dal FMI ndr) a causa del diverso regime economico-monetario risulta grave, appare palese come il presidente Hilda Heine voglia scommettere proprio sul proprio Paese, costituendo una valuta nazionale che sia appannaggio esclusivo della nazione e le permetta di entrare in un nuovo mercato e svilupparne le potenzialità. Oltre, ovviamente, allo sfruttamento della tecnologia digitale con lo scopo di semplificare le transazioni e implementare la struttura di scambio all’interno delle isole.

Quel che non convince né FMI né USDT è anche l’approccio scelto per arrivare alla diversificazione monetaria.

I due enti eccepiscono alle Isole Marshall sia le modalità di lancio, sia la scelta dei partner strategici.

In primo luogo, desta scalpore la decisione di affidarsi a un consulente che non sia all’altezza di realizzare un progetto così ambizioso.

Il soggetto in questione, la Neema, è una startup israeliana con sede a Tel Aviv che ha il proprio core business nella gestione e lancio di criptovalute.

Obiettivo primario della Neema è essere veicolo di sovranità monetaria, anzi, criptomonetaria. Target non idoneo ai suoi mezzi, secondo FMI e USDT.

La Neema sostiene invece di poter portare ben trenta milioni di dollari nell’economia nel Paese, invertendo il trend di crisi che si registra da decenni.

La mission della Neema appare così convincente che le Isole Marshall hanno successivamente assunto Steve Tendon, un consulente in materia blockchain, al fine di implementare ancor di più il progetto di cripto nazionale.

Tendon può vantare sul curriculum un’importante collaborazione con l’isola di Malta in ambito cripto e questo sembra aver spinto la Heine a procedere in tal senso.

Se tutto andrà a buon fine, le Isole Marshall saranno il primo paese al mondo a vantare una propria criptovaluta che sia completamente decentralizzata e si ponga come volano di modernità.

 

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI