FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
19,145,921Confermati
714,453morti
12,289,018Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Alberto Ferrante
Bundesbank Settimana
German flags at Reichstag, Berlin, Germany

Con il numero di decessi da Coronavirus ai minimi da Febbraio, si apre una settimana calda per l’Italia, dopo l’andamento altalenante dei mercati nelle ultime sedute.

Alla conclusione degli Stati Generali, sono emerse numerose ipotesi sulle misure del Governo per contrastare la crisi. Il Presidente Conte ha anche aperto a una possibile riduzione dell’IVA per spingere in alto i consumi

Per la ripartenza italiana occorre però il supporto dell’Europa e il Presidente spera già che il prossimo Consiglio europeo sia determinante e risolutivo, per organizzare al meglio la ripartenza grazie al Recovery Fund.

Il cambio euro dollaro si trova attualmente a quota 1,12 e i dati europei della settimana scorsa non sono riusciti a spingere in rialzo la moneta unica.

Un fattore di estrema rilevanza per il mercato in questi giorni sarà costituito dai numeri statunitensi sui contagi. Se, infatti, in Italia e in altri Paesi europei le misure di contenimento sembrano aver contribuito a ridurre sensibilmente la diffusione del virus secondo i dati ufficiali, negli USA si stanno ancora registrando casi in aumento.

Determinante anche il report odierno della Bundesbank.

Secondo JPMorgan il petrolio potrebbe schizzare sopra i 190 dollari

Quella che ai più sembrerebbe un’ipotesi quantomeno inverosimile, per JPMorgan potrebbe invece realizzarsi nel giro di pochi anni. Secondo un report, il greggio Brent potrebbe raggiungere i 190 dollari al barile nel 2025, cavalcando un ciclo di crescita del prezzo dovuto alle difficoltà per l’industria nell’attrarre altro capitale.

Alla base della previsione vi sarebbe dunque un ribaltamento della posizione attuale, con un deficit di offerta dovuto a profondi mutamenti dell’industria già entro il 2022.

Nel breve termine, invece, il Brent potrebbe salire secondo JPMorgan fino a 60 dollari al barile.

Intanto, stamattina il greggio Wti è scambiato a 39,5 dollari al barile e il Brent a 42 dollari al barile.

In aumento invece il prezzo dell’oro, che attualmente ha superato i 1750 dollari l’oncia dopo diverse settimane in cui il valore gravitava intorno ai 1725 dollari.

Pubblicita'

La settimana europea si apre con la Bundesbank

La settimana si apre oggi, lunedì 21 Giugno 2020, con il report mensile della Bundesbank che sicuramente impatterà sui mercati europei.

Si terranno anche le aste dei BTF francesi a 3, 6 e 12 mesi e verrà rivelato nel pomeriggio l’indice sulla fiducia dei consumatori a Giugno in Europa, atteso solo in lieve miglioramento rispetto al mese scorso.

Domani sarà invece il turno dell’indice PMI manifatturiero, dei servizi e composito in Francia, Germania e in Europa.

Si attende invece mercoledì un miglioramento per l’indice IFO sulla fiducia delle aziende tedesche, che potrebbe salire fino a 85 punti, contro i 79,5 dell’ultima rilevazione.

In generale, gli analisti e gli investitori sono fiduciosi in merito al rimbalzo tedesco, dopo che la borsa di Francoforte ha già ampiamente recuperato il crollo dei primi giorni di Marzo 2020.

Giovedì si attende invece il saldo della bilancia commerciale italiana non-UE e venerdì sarà la giornata in cui si conosceranno i livelli di fiducia delle aziende e dei consumatori italiani a Giugno, stimati in lieve miglioramento.

Inoltre, saranno diffusi i dati sul deficit pubblico italiano nel primo trimestre.

Per un’occhiata a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio