Manovra: il Governo raggiunge l’accordo con l’UE. Spread in netto calo e vivacità nei mercati

Raggiunto un accordo tecnico: infrazione evitata e spread in calo nella giornata di oggi. Giuseppe Conte parla di massima prudenza, ma la tensione si è visibilmente allentata tra gli esponenti del Governo. Si attende il via libera definitivo della Commissione, per una manovra soggetta a innumerevoli cambiamenti, prima dell’ultimo dietro front del Governo.
Alberto Ferrante
italy flag rome

Il via libera tecnico di Bruxelles è finalmente arrivato. Dopo mesi di trattative, lo spettro continuo dell’infrazione e le continue modifiche della manovra, adesso il Governo sembrerebbe essere riuscito a strappare un accordo.

La decisione ufficiale della Commissione Europea non è ancora giunta, ma il clima è già mutato e le tensioni delle ultime settimane lasciano il posto alla speranza e alla vivacità dei mercati, sebbene il Governo continui a sottolineare che occorre ancora essere prudenti.

Si tratta dunque di un accordo tecnico che verrà passato al vaglio dei commissari, ma non sono state ancora diffuse le informazioni chiave, per tutelare la riservatezza necessaria anche nell’ultima e delicata fase del negoziato con Bruxelles. Tuttavia, è ormai certo che la procedura d’infrazione non verrà aperta quest’anno.

Pierre Moscovici ha infatti dichiarato di essere al lavoro per evitare la procedura d’infrazione contro l’Italia e di ritenersi fiducioso per l’approvazione di un accordo funzionale e corretto.

Intanto, Giuseppe Conte sarà in Senato a esporre gli esiti della trattativa, mentre è stata fissata una seduta notturna e due appuntamenti per giovedì, alle 9.30 e alle 15.

Per ottenere il via libera da parte dell’Unione Europea il Governo ha dovuto certamente rimodulare Quota 100 e il Reddito di Cittadinanza, ma si attendono modifiche non irrilevanti anche per quanto concerne la tassazione alle imprese e il taglio delle pensioni d’oro.

Quella che è stata definita come una vera e propria retromarcia del Governo, è stata resa necessaria per concretizzare un taglio di almeno dieci miliardi di spese in deficit, al fine di ridurre l’enorme debito italiano.

Inoltre, la notizia del deficit 2019 fissato al 2,04% è stata accompagnata dalla garanzia di un calo strutturale del debito nel corso dei prossimi anni.

Riassumendo i punti chiave della manovra, il reddito di cittadinanza conterà una platea potenziale di 5 milioni di persone, con uno stanziamento di 7,1 miliardi, necessari per l’effettiva erogazione e per il rilancio dei centri per l’impiego.

Quota 100, invece, prevede che fino al 2021 sia possibile andare in pensione con 62 anni di età e 38 anni di contributi.

La prima platea, in questo caso, dovrebbe essere costituita da circa 800.000 persone e lo stanziamento è di 4,7 miliardi.

Per quanto concerne le pensioni d’oro, il taglio scatterà a partire da 100.000 euro lordi e il primo scaglione dovrebbe essere del 15%, poi del 25% per gli assegni tra i 100.000 e i 200.000 euro e del 30% fino a 350.000.

Per le imprese, invece, è prevista un’aliquota unica al 15% per redditi non superiori ai 65.000 euro, mentre nel corso del 2019 potrebbe essere introdotta un’ulteriore aliquota del 20% per i redditi tra 65.000 e 100.000 euro.

Si tratta di valori spesso criticati, in quanto tendenzialmente lontani dalle prime idee del Governo. Stamattina, però, l’intesa con Bruxelles ha fatto risollevare i mercati: lo spread è partito in calo, a quota 256, mentre Piazza Affari ha registrato in avvio un aumento dell’1,46%.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI