FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
33,739,693Confermati
1,009,626morti
25,031,581Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
PMI

I dati dei PMI cinesi sono confortanti a maggio. Secondo il PMI manifatturiero elaborato dall’ufficio governativo è sceso a 50,6 punti rispetto ai 50,8 punti del mese precedente, ma resta oltre la sogli dei 50 punti considerata la barriera tra l’espansione e la contrazione.

Per quanto riguarda invece il PMI dei servizi esso sale a 53,6 punti.

Teleborsa riporta anche i dati degli indici PMI cinesi forniti da Caixin, secondo i dati elaborati da questi il PMI manifatturiero sale a 50,7 punti dai 49,4 punti calcolati in precedenza, con un recupero della produzione che sarebbe ai massimi da gennaio 2011 e più forte di quello della domanda. Gli analisti di Reuters si attendevano invece un miglioramento a 49,6 punti rispetto ai 49,4 punti fatti registrare ad aprile.

I dati sono quindi contrastanti, ma l’evidenza è che se la produzione è espansiva, non lo è la domanda che invece si contrae in particolar modo sull’export, dove pesano le riprese sfasate dei vari Paesi e i lockdown tardivi di altri.

Risposta delle Borse asiatiche ai PMI cinesi

Le Borse asiatiche l’hanno presa bene e Shanghai ha guadagnato il +2,2%, mentre la Borsa di Shenzhen ha messo a segno un ottimo +3,2%.

Ottima la risposta anche della Borsa di Taiwan che ha guadagnato il +1,25%.

Bene anche la Borsa di Tokyo con l’indice Nikkei salito del +0,88%, mentre l’indice Topix è salito del +0,4%. Da segnalare anche la performance positiva della Borsa di Seoul con un +1,64%.

Va bene anche la Borsa di Hong Kong nonostante le forti proteste in corso tra le strade dell’Amministrazione speciale controllata dalla Cina: +3,45%.

In positivo la Borsa di Singapore del +2,38%, qui le autorità sperano di far ripartire le attività in questo mese di giugno dopo il doppio lockdown.

Positive anche le altre piazze asiatiche:

  • Borsa di Jakarta: +0,79%;
  • Borsa di Bangkok: +1,07%;
  • Borsa di Kuala Lumpur: +1,03%;
  • Borsa di Mumbay: +3,11%.
Pubblicita'

Mercato del lavoro in Cina

Il governo cinese per quest’anno ha scelto di non presentare un piano volto a raggiungere degli obiettivi di progresso, piuttosto ha compreso che tutte le energie vanno dedicate al recupero di posti di lavoro.

L’occupazione in Cina, secondo gli analisti consultati da Cnbc, resterà debole e causerà una frenata nei consumi per il ridotto potere di acquisto delle famiglie cinesi.

La Cina crescerà nonostante la pandemia

Da notare che secondo le ultime proiezioni del Fondo monetario internazionale (FMI), la Cina chiuderà l’anno con un Pil al +1%. Un dato che cozza fortemente con i dati negativi che provengono dall’Unione europea dove la BCE teme un crollo di circa il -7%. L’Italia secondo la Banca d’Italia dovrebbe perdere invece tra il -9% e il -13%. Per quanto riguarda gli USA, la Cnbc riporta che la caduta di Pil si attesterà sul -6%.

Tuttavia non è il caso di fare la corsa all’investimento in Cina, si tengano in considerazione dei problemi che in Cina erano ben presenti già prima della pandemia e che riguardano l’alto indebitamento delle imprese cinesi nei confronti delle banche.

Secondo l’analista Walter Lohman contattato da Cnbc, all’opposto, questo è il momento di investire in Cina: “Ne parliamo da 100 anni”, ha detto.

 

Per conoscere tutti gli eventi economici del giorno e della settimana, scorri il nostro Calendario Economico.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio