FXEMPIRE
Tutti

Criptovalute: Facebook lancia “Libra”

L’evo cripto compie un ulteriore passo avanti
Lorenzo Cuzzani
Partner di Libra coin

La notizia era nell’aria da tempo, ma tre giorni fa il gigante dei social di Mark Zuckerberg ha diffuso il white paper informativo circa la propria criptovaluta.

L’obiettivo di un simile progetto è illustrato in primis dallo stesso fondatore di FB in un post, dove è chiarito che Libra si comporrà di “un’infrastruttura finanziaria globale che servirà a miliardi di persone in tutto il mondo”.

Nel dettaglio si ha qui riguardo una stablecoin ancorata al prezzo di asset concreti come depositi bancari e titoli di Stato a breve termine, in modo tale da ovviare a eventuali montagne russe valoriali che da sempre sconvolgono l’universo cripto.

Il software sottostante la blockchain di Libra sarà open-source, come nella migliore tradizione dell’evo cripto in cui l’implementazione sia elemento necessario e sufficiente per la realizzazione di ogni strumentazione fintech.

La particolarità della nuova moneta digitale è da ritrovarsi nella sua proprietà.

La cripto in questione sarà appannaggio di una no-profit chiamata Libra Association, vale a dire una sorta di consorzio partecipato da ben ventinove soggetti diversi.

La sede del consorzio è a Ginevra e l’organizzazione si prefigge di enucleare più di 70 realtà nel progetto, scelte negli ambiti tech e no-profit.

Queste le aziende presenti nel gruppo dei 29: Facebook, Calibra, BisonTrails, Creative Destruction, PayPal, Coinbase, MercadoPago, PayU, Uber, Mastercard, Iliad, Farfetch, Andressen Horowitz, Booking, Kiva, Women’s World Banking, Mercy Corps, Vodafone, Union Square Ventures, Ribbit Capital, Thrive Capital, Visa, Lyft, Stripe, eBay, Spotify, Anchorage e Xapo.

Come noto, è possibile osservare un novero alquanto diversificato di società aderenti a Libra, anche se è ben visibile un filo conduttore differenziale ma coerente che annoveri società di servizi finanziari (PayPal, Stripe, PayU, Visa, Mastercard), di telecomunicazioni (Vodafone, Iliad), exchange vari (Coinbase, Xapo) e il meglio che la finanza internazionale ha da offrire.

Questo fil rouge che lega la partecipazione a Libra Association è una risposta importante circa la serietà del progetto, una risposta necessaria a critiche già arrivate e che vedremo in seguito.

La sistematica del modello decisionale in seno al direttivo di Libra Association è quanto mai semplice: ogni membro del board no-profit ha un voto, mentre Facebook vanta una posizione di vantaggio perché controlla Calibra, la sussidiaria indipendente dietro al wallet ufficiale di Libra.

Calibra sarà fondamentale per la natura dei servizi che sarà in grado di offrire, nella fattispecie permettere di spendere la cripto Libra attraverso un portafoglio digitale disponibile su WhatsApp e Messenger.

Non è escluso che in futuro un simile servizio possa essere offerto anche per le carte di credito, visti i soggetti coinvolti in questa nuova avventura.

Commenti entusiasti sono arrivati dal comparto cripto. Spencer Bogart, partner di Blockchain Capital, si è così espresso nel merito: “L’impegno di Facebook nel settore ha il potenziale di divenire uno dei più importanti, o persino il più importante catalizzatore esterno per l’adozione di Bitcoin e delle altre criptovaluta nella storia di questa tecnologia”.

Non è oro tutto ciò che luccica.

Come già anticipato in calce, nonostante la portata di un simile progetto che sembra affacciarsi in maniera preponderante ma raziocinante nel panorama criptovalutario globale, non sono mancate critiche circa i rischi derivanti dalla natura di una siffatta operazione e la deriva che la stablecoin potrebbe intraprendere in futuro.

Domani resoconteremo simili critiche nel dettaglio per fornire una panoramica completa dei detrattori di Libra.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI