FXEMPIRE
Tutti
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
13,306,016Confermati
577,205morti
7,767,337Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
James Hyerczyk
Uptrend stacks golden coins, dices cubes with the worsd SELL BUY

A Marzo l’oro ha sofferto di problemi di prezzo quando il coronavirus ha chiuso le fonti di approvvigionamento. Una diffusione insolitamente ampia tra i prezzi dell’oro per i futures Comex e il mercato dei lingotti di Londra ha messo in luce sia le questioni di prezzo che di consegna legate alle chiusure delle operazioni sull’oro volte a prevenire la diffusione della pandemia di COVID-19.

A quel tempo, tre delle più grandi raffinerie d’oro del mondo – Valcambi, Argor-Heraeus e PAMP – sospesero la produzione in Svizzera per almeno una settimana a causa della chiusura obbligatoria dell’industria non essenziale nel paese per prevenire la diffusione del coronavirus, secondo Reuters.

Un rapporto pubblicato martedì ha mostrato una parte dell’entità del problema. Per alcuni, l’enorme raduno in oro da marzo a maggio non solo ha rispecchiato una semplice carenza di metallo prezioso, ma ha anche problemi a non avere il giusto tipo di oro, nel posto giusto al momento giusto.

Le importazioni statunitensi registrano quantità di oro dalla Svizzera mentre il virus è in crescita

Le esportazioni svizzere di oro verso gli Stati Uniti sono salite a 111,7 tonnellate in aprile – di gran lunga il più grande totale mensile registrato – mentre le spedizioni verso altre destinazioni sono diminuite, i dati doganali hanno mostrato martedì.

Il nuovo mercato globale dell’oro è stato ribaltato dal nuovo coronavirus, con la domanda in Cina e India in calo a causa di blocchi mentre in Occidente gli investitori si sono affrettati a comprare lingotti come risorsa sicura per superare un periodo di turbolenze finanziarie, ha detto Reuters.

Inoltre, i prezzi elevati dello scambio Comex di CME Group hanno spinto le spedizioni a New York.

Nel frattempo la Svizzera ha spedito 500 kg (0,5 tonnellate) di oro in India, 1 kg a Hong Kong e niente oro in Cina ad aprile. Ognuna di queste destinazioni riceve di solito decine di tonnellate di metallo dalla Svizzera ogni mese.

Pubblicita'

La Cina diventa esportatore netto di oro via Hong Kong ad Aprile

Le importazioni cinesi di oro da Hong Kong ad aprile non sono state all’altezza delle sue esportazioni per la prima volta da almeno il 2011, poiché le misure per contenere la diffusione della domanda di coronavirus hanno colpito il principale consumatore di metallo, ha riferito Reuters.

I dati del Dipartimento di censimento e statistiche di Hong Kong lunedì hanno mostrato che è diventato un importatore netto di oro dalla Cina il mese scorso per la prima volta nei dati Reuters risalenti a gennaio 2011, ricevendo 10,3 tonnellate contro le esportazioni di 13,5 tonnellate a marzo.

Previsioni giornaliere

È interessante notare che la Svizzera non ha spedito affatto oro in Cina ad aprile e che le importazioni totali di oro della Cina via Hong Kong sono crollate di oltre il 70% a 4.213 tonnellate dalle 14.208 tonnellate di marzo.

Le mosse indicano che la caduta delle spedizioni ha seguito un calo della domanda per il metallo prezioso mentre il paese ha combattuto la pandemia di coronavirus. Inoltre, i rivenditori della Cina di punta hanno venduto oro con sconti fino a $ 70 l’oncia rispetto ai prezzi spot di riferimento del mese scorso, il più registrato in base ai dati risalenti al 2014. Allo stesso tempo, l’oro è defluito dalla Cina continentale ad Hong Kong, passando così dalle importazioni nette alle esportazioni nette in aprile, per la prima volta dal 2011.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio